in

A Boutcha, i residenti tornano dopo la partenza dei “bastardi”

pubblicato venerdì 08 aprile 2022 alle 18:26

Hanna Predko era fuggita da Boutcha, bombardata e poi occupata per un mese da soldati russi, accusati di abusi. È tornata a casa giovedì, “fortunata” che l’esercito ucraino abbia “cacciato via questi bastardi”.

Ha lasciato la città con i suoi tre figli dopo i primi bombardamenti del 24 febbraio. È fuggita nell’ovest del paese, risparmiata dalla guerra.

Sua madre, Natalia Predko, 69 anni, si è unita a lui l’11 marzo, approfittando di un’operazione per evacuare i civili mentre Boutcha era occupata dai soldati di Mosca.

La sessantenne ha lasciato lì il marito, che non ha mai più voluto uscire di casa.

I combattimenti intorno alla città non si fermarono mai del tutto e le truppe russe si ritirarono dalla città alla fine di marzo.

Decine di civili morti sono stati trovati lì lo scorso fine settimana, alcuni con le mani legate dietro la schiena.

“Siamo molto felici che le nostre forze armate siano riuscite a scacciare questi bastardi”, ha esclamato Hanna.

“Ora tutti conoscono questo posto, purtroppo per un prezzo enorme”, aggiunge il 31enne.

Nel primo pomeriggio è arrivata con la madre davanti al municipio di Boutcha, il bagagliaio della sua auto pieno di cibo da dare ai residenti.

Nella cesta di un furgone, un funzionario municipale ha appena appeso di nuovo la bandiera ucraina sul tetto del municipio, per la prima volta dall’occupazione della città da parte dei soldati di Mosca.

– “La città è in rovina” –

“Sono molto felice di essere tornato e di vedere la nostra bandiera nazionale, dopo la liberazione della nostra città da parte dell’esercito ucraino. Gloria all’Ucraina!” esclamò Natalia, guardando la bandiera blu e gialla sventolare nel vento. È anche felice di aver trovato suo marito sano e salvo.

Continueranno a vivere a Boutcha? Per la figlia è chiaro: “Abbiamo intenzione di restare qui”.

“Molti dei miei amici vivono all’estero, siamo stati invitati e ci sono state occasioni per partire. Ma abbiamo deciso di tornare, anche se la città è in rovina”, spiega la giovane.

Una distribuzione di cibo è organizzata da giovani volontari su una piazza davanti al municipio.

Diverse decine di abitanti, per lo più anziani, sfilano come in pieno inverno nonostante la mitezza della primavera. Partono lentamente, tirando un carretto su ruote o con sacchetti di plastica pieni di cibo.

Sotto il sole mite, Boris Biguik ha deciso di portare la sua bicicletta a Boutcha per vedere la casa di suo figlio, agente di polizia della regione e assente quando la città è stata presa.

Boris, 63 anni, vive nella porta accanto, nell’adiacente città di Vorzel.

“Il coprifuoco è finito oggi. Quindi ho deciso di venire a riparare il cancello della casa di nostro figlio perché i suoi vicini dicevano che era rotto. I russi hanno rubato tutto in casa, hanno rotto le porte e le finestre”, ha detto.

“Avevo paura ad entrare perché poteva rimanere intrappolato. Da questi + fascisti + possiamo aspettarci qualsiasi cosa, li abbiamo visti!”, dice il pensionato, un ex alto funzionario di polizia.

– “Hanno saccheggiato tutto” –

A Vorzel c’erano anche i soldati e rimasero per un mese, come a Boutcha.

L’ufficiale di polizia in pensione, che normalmente vive a Kiev, era a Vorzel con la moglie nella loro seconda casa per riposare dopo un’operazione. Recuperando, “Non potevo combattere”, spiega.

Sorpresi dai bombardamenti, non poterono tornare a Kiev e rimasero a Vorzel.

Boris dice che il figlio del loro vicino è stato ucciso una notte, “perché i russi con termocamere lanciavano granate dai droni contro tutti quelli che uscivano”.

Una settimana fa, quando i soldati russi si sono ritirati dalla zona, “hanno preso tutto quello che potevano. Hanno saccheggiato tutto, i loro veicoli blindati erano pieni di cose rubate”, dice, mentre sale sulla sua bicicletta per lasciare Boutcha.

Non ha avuto il tempo di vedere un piccolo convoglio di grandi 4X4 bianchi, loghi blu delle Nazioni Unite, fermarsi davanti al municipio.

Martin Griffiths, il Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari, è appena sbarcato per una breve visita.

Davanti a una fossa comune scavata dagli ucraini, dove i corpi sembrano ancora semisepolti, il diplomatico britannico, in pantaloni neri e maglietta, viene spiegato da un funzionario municipale come i civili siano morti a Boutcha nelle ultime settimane.

“Il mondo è già profondamente scosso” dagli abusi commessi, in particolare a Boutcha, ha affermato Martin Griffiths: “Il prossimo passo è avviare un’indagine”.

Dopo un’ora lì, il convoglio delle Nazioni Unite ha lasciato la città.

Davanti alla tomba, adiacente a una chiesa bianca con cupole dorate, l’arcivescovo Sviatoslav Chevtchouk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, recita una preghiera e medita.

“Abbiamo assistito al genocidio del popolo ucraino qui”, ha detto all’AFP.

“Preghiamo perché il giudice supremo è Dio Onnipotente, ma anche qui bisogna fare giustizia. Altrimenti, se non condanniamo un simile crimine, questo crimine si ripeterà”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’OMS sosterrebbe “l’aborto incondizionato fino a nove mesi” come sostiene France Soir?

Per liberarsi della sua dipendenza dal gas russo, la Grecia raddoppierà la sua produzione di carbone