in

Al timone, l’ex ostaggio Nicolas Hénin racconta l’umorismo “sadico” dei suoi aguzzini

Al timone, l’ex ostaggio Nicolas Hénin racconta l’umorismo “sadico” dei suoi aguzzini
Al timone, l’ex ostaggio Nicolas Hénin racconta l’umorismo “sadico” dei suoi aguzzini

I crudeli “Beatles” di Daesh hanno trovato divertente cantare una macabra parodia del successo Hotel California ai loro ostaggi “terrorizzati”, ha detto mercoledì il francese Nicolas Henin a un tribunale degli Stati Uniti. L’ex reporter di guerra, ora consulente, fa parte di un gruppo di 27 giornalisti occidentali e operatori umanitari rapiti da Daesh in Siria tra il 2012 e il 2015, dieci dei quali sono stati giustiziati.

Ha testimoniato mercoledì, il sesto giorno del processo a El Shafee el-Sheikh, un uomo di 33 anni accusato di far parte di un gruppo di jihadisti soprannominato “The Beatles” dai loro ostaggi a causa del loro accento britannico.

Nicolas Hénin è stato rapito da altri rapitori a Raqa il 22 giugno 2013 e li ha ascoltati per la prima volta ad agosto, quando il britannico David Haines e l’italiano Federico Motka si sono uniti a lui in detenzione dopo diverse settimane sotto il controllo di questo britannico “sadico”. “Quando li ho visti, ho pensato alle foto della liberazione dei prigionieri dai campi nazisti alla fine della seconda guerra mondiale”, ha detto il francese, riferendosi all’estrema magrezza e vulnerabilità dei due uomini. Questi operatori umanitari della ONG Acted credono di essere stati torturati da tre uomini soprannominati “Ringo, John e George”. Non hanno affrontato il 4° del gruppo, “Jihadi John”, ucciso da un attacco statunitense nel 2015.

“Hotel Osama”

A settembre, il trio fa visita a questo piccolo gruppo di prigionieri. “Federico e David erano terrorizzati e tremavano”, ricorda Nicolas Hénin. Presto gli altri ostaggi sviluppano la stessa paura. I “Beatles”, diventati clienti abituali, amavano picchiare, far inginocchiare i prigionieri davanti a loro e imporre le loro “sessioni Daawa”, ovvero un’ora di retorica teologica e politica che “serviva principalmente” a giustificare i rapimenti.

A dicembre ci hanno costretto a cantare una parodia di Hotel California, divenuto Hotel Oussama in riferimento a Bin Laden”. “In pratica era: benvenuto all’Hotel Osama, da dove non te ne andrai mai e, se ci provi, verrai ucciso nello stile del signor Bigley”.

L’ingegnere britannico Ken Bigley è stato decapitato in Iraq nel 2004 dal gruppo islamista Abu Musab Al-Zarqawi e la sua morte è stata descritta in un video di propaganda. “È stato terrificante per noi, ma l’hanno visto come uno scherzo”, ha detto Nicolas Hénin.

Incursione del 4 luglio

A gennaio tutti gli ostaggi si sono radunati nel sud di Raqa, in un luogo che chiamano “la prigione del deserto”. Nicolas Hénin riconosce il luogo: è il luogo in cui è stato trattenuto subito dopo la sua cattura. Fu anche lì che il terzo giorno della sua detenzione era riuscito a fuggire attraverso una finestra da cui aveva strappato le sbarre. “Purtroppo”, dopo una notte di cammino, ha incontrato “due combattenti Daesh” ed è stato restituito ai suoi carcerieri. È stato poi regolarmente torturato, picchiato e appeso in aria per ore sotto un sole cocente.

Nonostante il suo fallimento, questo episodio gli dà una buona conoscenza del luogo. Dopo il suo rilascio nell’aprile 2014 con altri tre giornalisti francesi – Didier François, Pierre Torres ed Edouard Elias – può così descrivere esattamente questa prigione agli agenti che lo interrogano. In particolare, parla ai soldati americani che vogliono tentare un raid per liberare gli ostaggi americani e britannici, i cui governi si rifiutano di pagare il riscatto.

“Nicolas Hénin ha realizzato uno schizzo che si è rivelato particolarmente utile”, ha detto il bar a un agente dell’FBI, Robert Daniel Story, coinvolto in questa delicata operazione. Il 4 luglio, festa nazionale degli Stati Uniti, soldati in elicottero atterrano nella “prigione del deserto”. Dopo gli scontri a fuoco entrano nell’edificio. “Ma gli ostaggi non c’erano più, erano stati spostati”, ha ricordato Daniel Story. “E’ stata una grande delusione”.

Nei mesi che seguirono, molti di loro, compresi i tre americani James Foley, Peter Kassig e Steven Sotloff, subirono la stessa sorte di Ken Bigley. La loro morte vale per El Shafee el-Sheikh, arrestato nel 2018 dalle forze curde siriane, per essere processato negli Stati Uniti. Il suo processo dovrebbe durare due settimane.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Vegedream, Suspect 95 e Dj Mix 1er diventano attori, ecco il film in cui recitano

Vegedream, Suspect 95 e Dj Mix 1er diventano attori, ecco il film in cui recitano

Il mercato francese delle biciclette ha ricevuto una spinta nel 2021

Il mercato francese delle biciclette ha ricevuto una spinta nel 2021