in

Alberto Fujimori resta in carcere in Perù

La porta custodita della prigione dove l'ex presidente peruviano Alberto Fujimori è detenuto il 29 marzo 2022 a Lima.

Alberto Fujimori deve scontare la pena. Venerdì 8 aprile, la Corte interamericana dei diritti umani (IACHR) ha ordinato allo stato peruviano di: “non agire” la decisione della Corte costituzionale del 17 marzo che ha approvato la scarcerazione anticipata dell’ex presidente. Un’opinione che deve essere rispettata dal Perù; il governo del presidente di sinistra Pedro Castillo aveva precedentemente affermato che avrebbe obbedito.

L’83enne ex autocrate, che ha governato il Paese dal 1990 al 2000, è stato condannato nel 2007 a 25 anni di carcere per crimini contro l’umanità e otto anni per corruzione. La sentenza della Corte interamericana è l’ultima svolta di una lunga serie per Fujimori, che sperava che la grazia presidenziale concessa nel 2017 dall’ex presidente di destra Pedro Pablo Kuczynski (“PPK”, 2016-2018) per “ragioni umanitarie”è stato eseguito.

“Dimentica e non perdona”

Tuttavia, la grazia è stata revocata per la prima volta dalla Corte Suprema peruviana nel 2018, in seguito alla scoperta di manovre tra il campo Fujimorista al Congresso e il presidente PPK per salvare quest’ultimo dalle dimissioni. Poi, il 17 marzo, è stata improvvisamente riabilitata da una decisione della Corte costituzionale, aprendo la strada al rilascio del signor Fujimori. Questa decisione controversa aveva provocato l’indignazione delle vittime del suo governo e degli antifujimoristi, che avevano dimostrato di “Dimentica e non perdona”

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti In Perù, il rilascio dell’ex autocrate Alberto Fujimori suscita rabbia

La Corte interamericana ha stabilito nella sua risoluzione dell’8 aprile che la decisione della Corte costituzionale di rilasciare l’ex autocrate viola l’applicazione della Convenzione degli Stati Uniti sui diritti umani nel campo della giustizia, il che potrebbe portare a “a una forma di impunità”. Ritiene che la Corte Costituzionale non abbia valutato: “l’impatto di tale grazia per gravi violazioni dei diritti umani sul diritto di accesso alla giustizia per le vittime e i loro parenti mentre migliaia di vittime attendono ancora il processo all’ex presidente in una dozzina di altri casi.

Ha inoltre ritenuto che la Corte costituzionale non avesse presentato una perizia da cui risultasse che la salute dell’ex presidente era peggiorata e rappresentava un serio rischio, e quindi non “necessità imperativa” per farlo uscire di prigione.

supporto alle vittime

La sentenza della Corte Interamericana è stata accolta con sollievo dalle vittime e dai gruppi per i diritti umani, ma non ha suscitato molte reazioni in una popolazione afflitta da conflitti sociali a causa delle difficoltà economiche causate dall’aumento del costo della vita. Sono molte le voci che chiedono un cambio di rotta immediato da parte del governo o le dimissioni del presidente Castillo, accusato di negligenza. Centinaia di persone sono scese di nuovo in piazza sabato 9 aprile, quando l’ufficio del parlamentare si è unito alla richiesta di dimissioni e ha messo alle strette il capo dello stato, che è sopravvissuto a due tentativi di dimissioni in sette mesi.

Hai ancora il 42,91% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Festa di Pasqua di Aix-en-Provence – L’inizio della morte e della resurrezione

Un ex Lakers che tornerà la prossima stagione?!