in

Angoulême: tre imprenditori acquistano da Les Agriers l’edificio di Leroy Somer

“Le modalità di produzione si sono evolute, le nostre industrie hanno…

“Le modalità di produzione si sono evolute, le nostre industrie hanno bisogno di meno spazio per produrre”, note Dominique Poupeau. Ciò ha spinto il gruppo Nidec, nuovo proprietario del produttore di motori Leroy Somer, a chiudere tre dei suoi siti in Charente, Les Agriers, Rabion (nella zona di produzione) e Champniers, dove è rimasto solo il centro di formazione.

Gli editori ti consigliano

Le attività ei 650 dipendenti coinvolti sono stati trasferiti nelle sedi di Sillac, trasformate in una vetrina globale, Mansle e Gond-Pontouvre. Un ambizioso piano di riorganizzazione da 30 milioni di euro con l’obiettivo di zavorrare il gruppo di diverse decine di migliaia di metri quadrati nella Charente.

Produttori di veicoli elettrici previsti

Questo è stato fatto per il sito di Agriers. Con le sue vaste aree produttive ancora attrezzate con gru industriali, le sue dieci baie di carico, i suoi 2.000 mq di uffici individuali su due piani ei suoi 500 posti auto. “Vogliamo favorire l’industrializzazione del nostro territorio. E quale modo migliore per farlo se non usare ciò che i nostri imperi industriali ci hanno lasciato e riabilitarlo il prima possibile”., afferma con entusiasmo Dominique Poupeau, esperta nell’esercizio. Ha già acquistato l’ex cartiera La Couronne per trasformarla nel campus degli affari del Moulin de l’Abbaye. Acquistò anche la vecchia Cofpa per farne un “quartiere degli affari”, con attività ricreative, studi, aziende…

Potremmo anche considerare un’attività di transito logistico a zero emissioni di carbonio.

In Agriers, i nuovi proprietari vogliono creare “un centro di impresa e formazione per la mobilità del futuro: auto elettrica, bicicletta, scooter, scooter…”annuncia Dominique Allard. “Siamo fortunati ad avere molte aziende in Charente, come Nexeya per l’idrogeno, Nidec per i motori elettrici, la produzione di batterie a Nersac… Speriamo di attirare i produttori di veicoli elettrici, ma anche un centro di formazione su queste nuove professioni del futuro”, completa Dominique Poupeau.

Pensa anche ad attività di retrofit, in cui il motore a combustione di un veicolo viene sostituito da una batteria o da un motore elettrico alimentato a idrogeno (celle a combustibile). “Non ce ne sono ancora nella Charente, sarebbe il posto ideale”si vanta. “Potremmo anche considerare un’attività di transito logistico, per gli ultimi chilometri CO2 free dalla città, aggiunge Dominique Allard. I camion arriverebbero qui e i veicoli elettrici o di altro tipo proliferarono in città. †

Nei prossimi cinque-otto anni, Picoty Energies Services prevede anche di installare una stazione Avia che distribuirà carburante, elettricità e idrogeno. “Ma ciò richiederà un accesso più diretto alla RN10”, condizioni Dominic Poupeau.

L'ex ristorante aziendale di 1.500 m² potrebbe essere rilevato da un catering e servire l'intero spazio

L’ex ristorante aziendale di 1.500 m² potrebbe essere rilevato da un catering e servire l’intero spazio

foto JD

Le idee non mancano per i nuovi proprietari. Sperano di trovare un restauratore che possa ospitare dipendenti da tutta la regione per l’ex ristorante aziendale di 1500 mq, ancora dotato di una cucina collettiva e persino di tavoli e sedie per 400 posti. “Probabilmente alla fine ci saranno da 500 a 600 persone che lavoreranno solo sul sito”, prevedere i proprietari che si apprestano a ristrutturare le facciate per dare un rifacimento all’edificio.

Per un po ‘l’idea di un museo di auto d’epoca in questo sito è stata abbandonata. “Ma questo non chiude le porte agli eventi legati alle auto d’epoca, assicura Dominic Poupeau. L’ampio parcheggio, l’ampia sala da pranzo si prestano a questo. †

Gli editori ti consigliano

Un’azienda ha già integrato il sito. Questa è la società di caldaie CDLA, dieci dipendenti (vedi riquadro), che affitta 3.000 mq. E fino alla fine delle elezioni parlamentari, 2.700 mq saranno affittati alla prefettura della Charente per l’imballaggio delle buste con i documenti elettorali.

Una soluzione gradita

L’impianto caldaia CDLA è in fase di completamento dello sviluppo presso il sito di Agriers. Costretto a lasciare la ZI n. 3 a L’Isle-d’Espagnac, dove condivideva i locali con la CITF (acquisita), CDLA si trasferì a uno dei vecchi edifici di Leroy Somer, rue des Figuiers, Champniers† “Il proprietario doveva darci l’elettricità entro tre mesi, ma alla fine ha deciso di non farlo e ci ha chiesto di andarcene”, dice François-Xavier Vigneras, il boss di CDLA e Seemi, che denuncia il comportamento “terribile” Fortunatamente, CDLA ha: “Ho trovato alloggio a Les Agriers, non senza un altro trasloco costoso. È perfetto, abbiamo tutto, elettricità, carriponte, banchine…”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

cosa ricordare da mercoledì 6 aprile

L’arbitrato marocchino è rappresentato da Redouane Jiyed