in

Automotive: il Marocco rimane il leader africano nel segmento delle autovetture davanti al Sudafrica

#Marocco : circa un milione di veicoli sono stati prodotti in Africa entro il 2021, secondo l’Organizzazione internazionale dei produttori di veicoli a motore (OICA). Sud Africa e Marocco rappresentano oltre il 90% di questa produzione e il regno rimane il più grande produttore di autovetture del continente.

Nonostante gli effetti dell’annuncio e l’apertura di piccole unità di assemblaggio in alcuni paesi africani, la produzione di auto in Africa non sta riprendendo. Quindi, secondo i dati dell’Organizzazione internazionale dei produttori di veicoli a motore (OICA), per l’anno fiscale 2021, per una produzione mondiale di 39 paesi produttori di auto di 80,14 milioni di veicoli, in gran parte dominati dagli asiatici (46,73 milioni di unità), la quota dell’Africa è di sole 931.056 unità, il che equivale a una quota di mercato dell’1,16%.

Ciò significa che l’Africa, nonostante rappresenti il ​​17% della popolazione mondiale, è a malapena presente nel mondo della produzione automobilistica, ad eccezione di due paesi: Sud Africa e Marocco. Secondo i dati OICA, infatti, questi due Paesi produrranno la quasi totalità dei veicoli costruiti in Africa nel 2021, anno che, seppur segnato dalla crisi sanitaria, grava pesantemente su alcuni piccoli produttori del continente, in particolare a causa degli ostacoli legati alle limitazioni di salute.
Tuttavia, secondo i dati OICA, i quattro paesi africani elencati dall’organizzazione – Sud Africa, Marocco, Egitto e Algeria – hanno prodotto un totale di 931.056 unità.

>>> LEGGI ANCHE: Produzione di automobili: Sud Africa e Marocco come locomotive

Il Sudafrica è il più grande produttore di veicoli del continente con 499.087 unità assemblate nel 2021, rispetto alle 447.213 unità del 2020 e alle 631.921 unità del 2019. Un calo spiegato principalmente dagli effetti della pandemia di Covid-19 negli ultimi due anni. che ha avuto un impatto sul settore automobilistico sudafricano. Il Paese più colpito dalla pandemia del continente africano.

Nel dettaglio, la produzione sudafricana è composta da 239.267 unità di autovetture e 259.820 veicoli commerciali e industriali.

Il Sudafrica, dove nel 1924 è stata fondata la sua prima linea di assemblaggio di automobili, ha molte filiali di importanti aziende nel settore della produzione automobilistica globale. Il paese ha una decina di produttori tra cui BMW, Chrysler, General Motors, Fiat, Ford, Toyota, Volkswagen, Mercedes-Benz, Isuzu, Renault-Nissan, Man, Tata, DAF Trucks, FAW,…

>>> LEGGI ANCHE: Algeria. Produzione di automobili: quando Tebboune rimprovera la Renault per il successo della sua fabbrica marocchina

Tuttavia, la produzione locale sudafricana, che è stata colpita dalla pandemia negli ultimi due anni, soffre di diversi problemi: interruzioni di corrente, crisi economica, concorrenza delle piccole unità di assemblaggio in Africa (Ghana, Nigeria, Namibia, Rwanda, .. .), distanza dai principali mercati (Stati Uniti, Europa,..),…

Il Marocco segue il Sudafrica con 403.007 unità prodotte nel 2021, un aumento del 23% in volume rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, la produzione marocchina comprende 338.339 autovetture e 64.668 veicoli commerciali. Pertanto, il regno mantiene la sua posizione di leader africano nella costruzione di veicoli privati ​​in gran parte davanti al Sud Africa (239.267 unità). In qualità di leader in questo segmento dal 2017, il divario nella produzione di autovetture dovrebbe ampliarsi ulteriormente con l’aumento della produzione nello stabilimento di PSA. Ha sofferto la crisi sanitaria legata alla pandemia di Covid-19 che ha colpito il settore automobilistico mondiale.

>>> LEGGI ANCHE: Automotive: l’Egitto si prepara ad avviare la produzione di auto elettriche

Ma a differenza del Sud Africa, il Marocco ha solo due case automobilistiche globali affermate. Questi sono i gruppi francesi, Renault, a Tangeri e PSA, a Kenitra. Lo stabilimento Renault Tanger di Melloussa è la più grande fabbrica di automobili dell’Africa con una capacità di 340.000 unità all’anno. Con le unità Renault a Tangeri e Casablanca (Somaca) e l’unità PSA a Kenitra, il Marocco ha una capacità produttiva installata di oltre 650.000 unità all’anno.

L’industria automobilistica marocchina gode di molti vantaggi: l’esistenza di un ecosistema automobilistico con più di 350 produttori di apparecchiature, fornitori e subappaltatori, la vicinanza geografica al mercato europeo, l’esistenza di centri di formazione professionale, la stabilità politica ed economica, l’esistenza di alta qualità infrastrutture (porto di Tangeri Med, ferrovie, autostrade, ecc.), incentivi fiscali e agevolazioni offerte agli investitori, ecc.

>>> LEGGI ANCHE: Algeria. Auto Fiasco: niente auto nuove, niente pezzi di ricambio e concessionari disperati

Per i prossimi anni, le autorità marocchine puntano a produrre 1 milione di unità sul suolo marocchino attirando nuovi produttori. Nel mirino Toyota, Hyundai, Ford, Volkswagen e i produttori cinesi.

Molto indietro rispetto a Sud Africa e Marocco, le altre case automobilistiche africane sono ancora nane, anche se molti paesi del continente sono disposti a integrare il settore.

Pertanto, secondo i dati dell’Organizzazione internazionale dei produttori di veicoli a motore, l’Egitto è al terzo posto tra le case automobilistiche del continente, con una produzione bassa di soli 23.754 veicoli prodotti nel 2021. Tuttavia, molti produttori hanno sede nel paese: BMW, General Motors , JAC, PSA, Deawoo, Ford,… E il paese ha una ventina di unità di assemblaggio con una capacità di produzione annuale cumulativa di 300.000 unità e circa 300 fornitori e subappaltatori di componenti per auto. Tuttavia, la produzione di automobili non segue.

>>> LEGGI ANCHE: Industria automobilistica: come il Ghana sta gradualmente diventando un hub per l’assemblaggio di automobili

Il paese non riesce a realizzare il suo enorme potenziale. Negli ultimi anni sono stati annunciati diversi progetti di costruzione di automobili. Nel 2019 la società giapponese Nissan e la casa automobilistica El Nasr Automotive Manufacturing hanno firmato un accordo con l’obiettivo di produrre 100.000 veicoli all’anno. Nel 2021 El Nasr ha anche annunciato la produzione di veicoli elettrici, su larga scala, a partire da agosto 2022, in collaborazione con la società cinese Dongfeng Motors Corporation. Questa unità dovrebbe iniziare ad agosto 2022 con una produzione iniziale di 50.000 unità all’anno. Questi veicoli dovrebbero sostituire gradualmente i taxi convenzionali nelle grandi città e ridurre l’inquinamento.

Infine, per l’Algeria, la produzione di automobili nel 2021 è stata di sole 5.208 unità. Un solo volume testimonia il fiasco dell’industria automobilistica del paese, che ha quasi chiuso dalla fine del 2019.

Diverse unità di assemblaggio di automobili sono state chiuse (Volkswagen Kia, ecc.) Per mancanza di opportunità di importare kit per auto. Altri sono sospesi a causa dell’arresto dei loro mentori incarcerati nell’ambito delle cause intentate contro gli oligarchi vicini all’ex regime di Bouteflika.

>>> LEGGI ANCHE: Automotive: la Tunisia prevede di aumentare le esportazioni di componenti a 4,64 miliardi di dollari

Di conseguenza la produzione, che aveva raggiunto le 180.000 unità nel 2018, è scesa a 60.012 unità nel 2019, a 754 unità nel 2020, per poi salire a 5.208 unità nel 2021, influenzata dalle politiche dei leader che hanno posto fine alla crescente mascherata con l’import kit per auto. In effetti, alcune unità di assemblaggio di automobili importavano automobili completamente assemblate, che a volte mancavano solo delle ruote da assemblare in Algeria e quindi senza alcun valore aggiunto locale. Tuttavia, dalla fine del 2019 non è stata offerta alcuna alternativa credibile al settore dell’assemblaggio automobilistico. E tutte le unità si sono fermate tranne quella di Renault Production Algérie che attualmente sta lavorando in modalità lenta.

>>> LEGGI ANCHE: L’uomo più ricco d’Africa diversifica i suoi affari e affronta il montaggio di automobili

Oltre a questi 4 paesi, Nigeria, Ghana, Kenya, Ruanda, Namibia, Costa d’Avorio, ecc. hanno iniziato ad assemblare automobili. La produzione rimane insignificante in tutto il mondo. La crisi sanitaria ha avuto un forte impatto sul settore. Tuttavia, la produzione nigeriana potrebbe aumentare notevolmente da quest’anno con l’ingresso di Aliko Dangote, l’uomo più ricco dell’Africa, nel settore dell’assemblaggio di automobili.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Lunedì l’UE discuterà il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia

Tangeri ospiterà il prossimo circuito IRONMAN 70.3