in

Camerun: un ex nazionale algerino attacca i Fennec e difende Belmadi!

Camerun: un ex nazionale algerino attacca i Fennec e difende Belmadi!
Camerun: un ex nazionale algerino attacca i Fennec e difende Belmadi!

Zapping World Elf TOP 10: Le più belle maglie della Ligue 1 2021/2022

Poco più di una settimana dopo, la sconfitta dell’Algeria contro il Camerun è ancora difficile da sopportare tra i tifosi algerini. Quando è stato lanciato un appello alla FIFA per ripetere la partita, l’ex nazionale Nourredine Kourichi non ha mancato di rivolgersi ai giocatori dopo la delusione nei commenti a L’Equipe.

Sulla sconfitta contro il Camerun

“Non riesce a spiegarsi. A 10 secondi dalla fine eravamo in Qatar… Tutto era fatto. Quei 10 secondi sono colpa dei giocatori, non dell’allenatore. Dopo il gol, la gestione emotiva è assolutamente fallita”. “A 10 secondi dalla fine ci sono 8 algerini e 6 camerunesi in area. Nessun giocatore sta per farlo, noi rimaniamo in zona quando abbiamo dovuto spremere tutti gli avversari. Bennacer ha bisogno di arrivare più velocemente al centralino. Quello che è successo è inimmaginabile. ” .. Non ho dormito tutta la notte.”

A proposito dell’arbitrato durante questo spareggio di ritorno

“Non la vedo così. I giocatori algerini erano troppo nervosi. Non risale ad oggi, ho notato che alcuni erano costantemente in discussione. A un certo punto agli arbitri africani non piace. Abbiamo visto un Brontolio camerunese? Abbiamo anche pace e ci voleva calma. Non era assolutamente così. La responsabilità è dei giocatori. Sull’arbitro, a parte forse un rigore, sarebbe riduttivo farne il capro espiatorio di questa sconfitta. Ricordo tu che tutto andava bene a 10 secondi dalla fine Se Toko Ekambi non dovesse segnare, parleremmo dell'”arbitro? Ricordiamo che il Camerun ha giocato senza quattro detentori, tra cui Vincent Aboubakar, il miglior giocatore. L’argomentazione arbitrale è inammissibile. Possiamo solo incolpare noi stessi”.

A proposito del suo fastidio con i giocatori

“Sì, abbiamo fatto di tutto. Youcef Belaïli ha passato il suo tempo a cercare un rigore. Come possiamo farlo quando sappiamo che ora c’è il VAR? Esausto, forse l’arbitro dovrebbe finalmente dimenticare di fischiare un rigore in tutto il campo della competizione Tranne che per Slimani, l’Algeria non ha mente. La mente? È concentrazione e disciplina!”

A proposito di Belmad

“Non voglio entrare nelle sue scelte di allenatore. 10 secondi prima della fine aveva ragione e sarebbe stato elogiato. I giocatori sono responsabili al 100%. Alla fine della partita è stato imbarazzante. I nostri giocatori sono caduti nel terra, hanno urlato all’arbitro ecc La responsabilità non è dell’allenatore penso che Djamel Belmadi dovrebbe continuare C’è stato un dramma con questa eliminazione è innegabile Ma tutto il suo lavoro non dovrebbe essere invocato domanda Sono molto deluso per lui. se stesso in modo straordinario. Ha regalato felicità agli algerini con questo CAN 2019. Non lo conosco abbastanza, sta a lui sapere se ha le molle psicologiche per continuare “Spetta anche a lui valutare se l’Algeria ha un interessante serbatoio di futuro. Per me deve restare, sono convinto che si riprenderà. Mi concentrerò sui giocatori un’altra volta. Ne sono responsabili al 100%. perdita. Impossibile segnare un gol in 10 secondi dalla fine dimenticando il segno su Toko Ekambi…”

A proposito di Mahrez

“Tutti conoscono le qualità di questo giocatore. Non dobbiamo essere ingrati, sappiamo cosa ha fatto nel 2019. Ma non c’era affatto. È un paradosso, perché al Manchester City a volte è irresistibile. Il capitano, noi sperare sempre che i big prendano le decisioni in questo tipo di partite. Non era così”.

A proposito di allenamento

“L’Algeria ha problemi strutturali che spiegano la mancanza di prestazioni di alto livello. Nei club è un deserto assoluto, non c’è quasi nessun allenamento, e non parliamo della cosa più importante: il pre-allenamento che sto martellando già da 30 anni. anni lo stesso… Per fortuna possiamo contare sulla doppia nazionalità per essere competitivi. Senza giocatori allenati in Francia i risultati del Paese sarebbero molto bassi. Sono in una buona posizione per parlarne. , sono il primo Il franco-algerino si unì alla rosa nei primi anni 80. Solo allora fummo infuocati ai Mondiali con solo tre giocatori di origine francese (Kourichi, Fergani e Mansouri)”.

Sulle possibili soluzioni per recuperare da un malfunzionamento

“Il futuro dell’Algeria è in Algeria, non in Francia. La gioventù di questo Paese è il suo vero petrolio… Vi racconto un aneddoto. Nel 2013 abbiamo chiesto al presidente della federazione Mohamed Raouraoua perché non c’era un centro di formazione in Algeria? Ha risposto: “Non è necessario, la Francia sta allenando i nostri giocatori. Penso che fosse particolarmente consapevole dell’inadeguatezza del nostro Paese a questo livello. E che di fronte al gigantesco cantiere, quella della mentalità dei presidenti dei club, era solo pragmatico”.

riassumere

Nourredine Kourichi, ex nazionale algerina, non ha lasciato i giocatori alle spalle dopo la partita contro il Camerun. Ha anche fatto un terribile resoconto dell’allenamento mentre supportava l’allenatore Djamel Belmadi.

Nathan Bricout


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Piscine: il 25% dei proprietari sono operai, agricoltori o impiegati

Piscine: il 25% dei proprietari sono operai, agricoltori o impiegati

Call of Duty: Activision prende un’enorme decisione sui suoi prossimi giochi

Call of Duty: Activision prende un’enorme decisione sui suoi prossimi giochi