in

Carta igienica, fazzoletti di carta, fazzoletti: aumento o carenza di prezzo, ecco cosa ci si può aspettare

La carta igienica è uno dei prodotti a cui i francesi si sono precipitati durante la pandemia a causa del rischio di penuria.
La carta igienica è uno dei prodotti a cui i francesi si sono precipitati durante la pandemia a causa del rischio di penuria. (©Johann Foucault / actu.fr)

Questo è Michel-Edouard Leclerc sé che dice: il prezzo della carta igienica “aumenterà notevolmente”† Lo ha recentemente reso noto ai media il presidente del Comitato Strategico dei centri E.Leclerc.

Una situazione che riguarda tutte le carte igieniche (fazzoletti di carta, asciugamani di carta, ecc.). Dovremmo temere una carenza in questo senso? Elementi di risposta con i professionisti del settore.

L’aumento dei prezzi, diretta conseguenza della guerra in Ucraina?

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il costo delle materie prime e dell’energia è salito alle stelle, facendo salire i prezzi in molti settori. Quella di carta non fa eccezione.

“Dal 24 febbraio e dall’inizio della guerra in Ucraina, il prezzo dell’energia, e in particolare del gas, è aumentato vertiginosamente, deteriorando ulteriormente la situazione economica del nostro settore”, ha osservato un portavoce di Essity, gruppo internazionale specializzato in igiene e salute, producendo marchi come Lotus, Tempo, Nana…

Ma per fare la carta igienica ci vuole la luce per le macchine, il gas per chi asciuga la carta. Per non parlare della polpa di carta, anch’essa in forte crescita, degli imballaggi, che sono cresciuti poco, e dei trasporti, che sono stati minati dall’aumento dei combustibili.

Un aumento dei prezzi ben prima dell’Ucraina

Ma lo stallo nel conflitto tra Ucraina e Russia da solo non basta a spiegare la situazione. Perché questo aumento dei prezzi è stato osservato molto prima dell’inizio della guerra.

“In realtà, l’aumento dei costi energetici per un anno è legato all’aumento del prezzo del gas russo, già legato alla situazione in Ucraina”, decifra Paul-Antoine Lacour, Delegato Generale dell’Unione francese di cartone, carta e Industrie della cellulosa (Copacel).

Video: attualmente su Actu

In totale, i costi nel settore della carta igienica sono aumentati dal 20 al 40% in un anno e la tendenza al rialzo continua.

Paul Antoine LacourDelegato generale dell’Unione francese delle industrie del cartone, della carta e della cellulosa (Copacel)

In un anno la società Essity ha così registrato un “costo dell’energia elettrica moltiplicato per 2, quello del gas per 4, il costo della pasta di carta è aumentato del +70%. Tuttavia, questi elementi sono i componenti essenziali coinvolti nella produzione di carta igienica, fazzoletti e asciugamani di carta. †

Anche un impatto del Covid?

Con la crisi sanitaria il settore ha già avuto difficoltà, ma principalmente di natura logistica, alcune delle quali stanno proseguendo con la ripresa economica post-covid.

Ci sono ancora problemi nel trasporto marittimo, a volte disorganizzato, che possono causare un allungamento dei tempi di consegna.

Paul Antoine Lacourcopella
A Theil-sur-Huisne, Essity produce principalmente asciugamani di carta e carta igienica.
Produzione di carta igienica presso Essity, a Theil-sur-Huisne (Orne). (©Archivio/Le Perche)

Quanto aumenterà?

È impossibile quantificare esattamente quali saranno gli incrementi attesi. † La polpa di carta aumenterà probabilmente un po’ di più, ammette Paul-Antoine Lacour, ma è impossibile sapere quale sarà l’evoluzione dei costi energetici nell’attuale contesto geopolitico. In ogni caso, non ci sono segnali di riduzione dei costi verso la fine dell’anno† †

Michel-Edouard Leclerc, dal canto suo, offre alcune stime generali:

In tutti i raggi si sposterà tra lo 0,5 e il 15%. In media, sarà del +3,5% in tutti i negozi in Francia nei prossimi 2-3 mesi.

Michel-Edouard LeclercPresidente del Comitato Strategico dei Centri E.Leclerc

Dobbiamo aspettarci una carenza?

Una domanda eterna che sembra un circolo vizioso. Più si parla di aumento dei prezzi, più i consumatori fanno scorta. Gli scaffali sono vuoti e danno l’impressione di una carenza. Una carenza che, anche senza essere provata, spinge più persone a fare scorta di prodotti, come è avvenuto durante l’emergenza sanitaria.

“Oggi in Francia non c’è carenza e nessun rischio di penuria”e non mi aspetto una grave carenza a meno che i consumatori non lo causino da soli creando scorte eccessive”, ha detto domenica Michel-Edouard Leclerc, riferendosi a tutti i prodotti che possono essere distribuiti nei supermercati, inclusi carta igienica e generi alimentari.

Parere condiviso anche da Paul-Antoine Lacour, per la sezione carta igienica.

“Nessun rischio di carenze, né fretta percepita tra i nostri clienti”, notiamo anche nei negozi della Gruppo Carrefour

Mentre al Lidlconsigliamo di limitare gli acquisti, soprattutto di olio e carta igienica, per “evitare i fenomeni di rush che abbiamo vissuto con questi prodotti durante il primo confinamento”, ha recentemente sottolineato il brand ai nostri redattori. Notizie di Tolosaaffermando che “non c’è carenza fino ad oggi”.

Durante la prima carcerazione, i clienti si sono buttati sulla carta igienica quando non c'era motivo di preoccuparsi.
Durante la reclusione, i clienti si sono gettati sulla carta igienica quando non c’era motivo di preoccuparsi. (© Timothée l’Angevin/Actu Rennes)

Si possono ridurre i costi?

I consumatori sono destinati a pagare sempre di più per un prodotto per l’igiene che rimane essenziale? Nessun dubbio.

Perché ora, per coprire i propri costi, produttori come Essity devono “aumentare in modo significativo i prezzi per i nostri clienti al dettaglio. Data l’entità degli aumenti, non possiamo più assorbire da soli questi costi aggiuntivi, come facciamo ormai da oltre un anno. Le trattative tra produttori e distributori stanno andando bene.

E alla fine della catena, o l’aumento viene trasferito a tutti i livelli, fino al prezzo di scaffale, oppure produttore e distributore non possono essere d’accordo.

In questo caso, e questa sarebbe l’unica situazione in cui vedremmo gli scaffali vuoti, se le trattative andassero male l’unica opzione potrebbe essere la chiusura dello stabilimento, per evitare di operare in perdita. Questo è già successo in diversi paesi europei.

Paul Antoine Lacourcopella

Alza a tutti i livelli

Una situazione che francamente non è incoraggiante per il bilancio familiare. Tanto più che non è solo questa voce di spesa a risentirne, tra generi alimentari, vestiti, carburanti, elettricità, gas…

“La guerra in Ucraina potrebbe aggiungere un altro livello rispetto all’estate, se il conflitto dovesse continuare”, ha detto Michel-Edouard Leclerc.

Non molto rassicurante.

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire Attu nell’area My Attu. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Guerra in Ucraina: Macron vuole “raccogliere prove” contro i “crimini di guerra russi”

Russell Westbrook, tristi rivelazioni sul suo isolamento con i Lakers