in

Covid-19: la Francia dovrebbe porre fine all’isolamento delle persone che risultano positive, come in Germania?

il necessario
La Germania segue la strada della Spagna: dal 1 maggio le persone positive al Covid-19 non dovranno più isolarsi per cinque giorni. Tale provvedimento sarà poi “facoltativo”: una decisione a cui la comunità scientifica non manca di rispondere.

Questa è una pagina che corre per la Germania e la gestione del Covid-19. Dal 1 maggio, dall’altra parte del Reno, l’isolamento di chi risulta positivo al virus non sarà più sistematico: una misura che la Spagna aveva già adottato lo scorso marzo. Il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach ha giustificato la decisione deplorando le misure restrittive che oggi “funzionano ma non sono necessarie in modo permanente”.

Leggi anche:
Covid-19: vaccinazione, infezione… in quale caso sei meglio protetto contro le forme gravi della malattia?

In pratica, il ministero della Salute tedesco ha affermato che l’isolamento delle persone risultate positive al virus per cinque giorni è rimasto “altamente raccomandato” e che un antigene negativo o un test PCR potrebbe consentire di porre fine a tutto ciò. . Dal 1° maggio questa disposizione si baserà solo sul principio del “volontariato” delle persone coinvolte. Una misura “sorprendente” secondo il professor Antoine Flahault, epidemiologo e direttore dell’Istituto di salute globale dell’Università di Ginevra: “La Spagna registra infatti un calo dell’incidenza di circa 200 casi ogni 100.000 abitanti nell’arco di sette giorni, mentre il tedesco è dieci volte superiore e non diminuisce, afferma il ricercatore. È particolarmente sorprendente che un Paese come la Germania che non ha ripreso la sua ondata legata alla variante BA 2 stia già revocando le misure sanitarie”.

Una situazione epidemica speciale in Francia

Secondo il professor Flahault, la Germania sta giocando alla grande allentando le sue misure restrittive. In questo contesto, tali riduzioni delle misure restrittive potrebbero vedere la luce in Francia? Per il momento, questo resta difficile da immaginare: la situazione sanitaria in Francia non è in alcun modo paragonabile a quella in Spagna. In Francia, le autorità sanitarie registrano una media di oltre 139.000 nuovi casi di Covid-19 ogni giorno e l’incidenza ha raggiunto il picco nell’ultima settimana con una media di 1.445 casi ogni 100.000 abitanti. Il contesto quindi invita alla prudenza, anche se, secondo l’epidemiologo, “5 giorni di isolamento dovrebbero essere e rimanere la regola”, qualunque sia la situazione.

Leggi anche:
Covid-19: tinnito o sordità improvvisa, possibili effetti collaterali della vaccinazione?

Tuttavia, questo periodo di forti focolai di contaminazione dovrebbe, secondo il professore, incoraggiare la Francia ad adattare la sua strategia: il metodo “test/traccia/isolare sta diventando sempre più difficile da applicare. “Ci sono troppi casi” e l’incubazione periodo,” molto breve (da uno a due giorni) con Omicron”, secondo l’epidemiologo, questo rende questo approccio notevolmente più difficile. Cambiamento, sì, ma per quale strategia?

Finora nessun Paese al mondo è riuscito a convivere “con il virus”. Quindi nessun paese mostra la via da seguire. La variante Omicron e il suo fratello altamente contagioso BA.2 hanno sconvolto il panorama della pandemia, provocando picchi di contaminazione particolarmente elevati: “Al momento non vediamo alcuna endemità del coronavirus, ma onde piuttosto furiose che hanno colpito i diversi continenti”. descrive il professor Antoine Flahault. Per ora, solo i Paesi che beneficiano di una buona copertura vaccinale, come nel caso dell’Europa occidentale, della Nuova Zelanda o della Corea del Sud, evitano “la carneficina a cui stiamo assistendo attualmente a Hong Kong”, spiega Antoine Flahault, che si qualifica: “L’altissimo livello di infezione aritmeticamente porta a un numero assoluto di ricoveri e decessi che rimangono elevati”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

VanMoof presenta le sue A5 e S5 e migliora la ricetta per la sua bici dal design elettrico

La sfida dei jeans a 59,59 euro made in Nord