in

Di nuovo nelle immagini del primo spettacolo del tour di Matthieu Chedid e della sua intervista alla Coöperatie de Mai

Di nuovo nelle immagini del primo spettacolo del tour di Matthieu Chedid e della sua intervista alla Coöperatie de Mai
Di nuovo nelle immagini del primo spettacolo del tour di Matthieu Chedid e della sua intervista alla Coöperatie de Mai

Bene, questo venerdì sono le 22:30. Il primo concerto del nuovo tour di Matthieu Chedid è terminato. Così ? Era forte. Un compendio di é-M-otion(s). C’era il brivido, il desiderio, l’abisso di nuove avventure in questa sovraffollata cooperativa di maggio. Raccontare lo spettacolo nel menu per viziare coloro che lo godranno ancora una volta questo sabato sera a Clermont e domani in tutta la Francia? No. Per dire semplicemente che sì, c’è una scrittura, perfettamente precisa, quasi millimetrica, ma che in realtà c’è una forma di libertà come l’invito a condividere, che abbiamo scoperto, in anteprima, una mezza dozzina di titoli di Rêvalité de album in uscita a giugno, dove abbiamo anche ballato su standard come Onde sensuelle, Machisdador, Je dis M, ecc. per dire che esiste un universo coloniale. Per dire che ci sono molti prestiti di pochi giganti… Per dire che finalmente c’è un gruppo che serve la seducente causa di Chedid con disciplina e zelo impressionanti. A quel punto è necessario convocare la mitica Gail Ann Dorsey, bassista di Bowie, che è sull’altare della provvidenza in questa avventura e la ingigantisce. L’abbiamo vista qui solo una volta, con Christophe, è ancora così carina. Chi di noi…

EM-ozione secondo Matthieu Chedid

La sera prima di questo primo concerto, Matthieu Chedid ci ha accolto nel camerino. In pace, senza lo stress che a volte è insito in una nuova avventura che totalizzerà più di 100 date, e nemmeno l’impazienza. Si trattava principalmente di serenità, parola chiave.

“Sono in serenità nonostante il mondo che ci circonda. Tutto è molto coordinato. C’è un’armonia che emana dalla squadra, che è eccezionale. Ho una convinzione interiore, il che significa che non ho paura”.

Ricevi la nostra newsletter per il tempo libero via e-mail e trova idee per viaggi e attività nella tua zona.

IT {“path”:”mini-thematique-inscription”,”thematique”:”MT_Loisirs”,”accessCode”:”14112754″,”allowGCS”:”true”,”bodyClass”:”ripo_generic”,”contextLevel”: “KEEP_ALL”,”filterMotsCles”:”1|12|50|55|6973|17039″,”gabarit”:”generic”,”hasEssentiel”:”true”,”idArticle”:”4112754″,”idArticlesList”: “4112754”,”idDepartement”:”282″,”idZone”:”30603″,”motsCles”:”1|12|50|55|6973|17039″,”premium”:”true”,”pubs”: “banniere_haute|article”,”site”:”MT”,”sousDomain”:”www”,”tagsArticle”:”#cooperativedemai”,”urlTitle”:”back-in-pictures-on-the-first-show- dal-tour-of-matthieu-chedid-e-la-sua-intervista-alla-cooperativa-de-mai”}

Perché sai di aver lavorato sodo, sei sulla buona strada.

“Non sto cercando la perfezione. C’è una frase che mi piace molto in questo momento: la perfezione viene dalla paura, l’eccellenza viene dal cuore. Siamo in questo stato d’animo. Tutti allineati. È la residenza più serena da quando faccio concerti.

Questa pace viene da te. “Sono padre per la terza volta, c’è qualcosa nella mia vita che mi rende davvero molto sereno, e ancora, nonostante l’ambiente. †

Matthieu Chedid inizia il suo tour alla Coöperatie de Mai: “Non sono qui per caso”

Serenità e riconciliazione sono stati evocati dal colore di punta, il viola, di questo nuovo progetto. È vero, ma il legame è inconscio, l’album si chiama Rêvalité.

, l’idea è quella di fermare le cose opposte, di unire sogno e realtà, di fermare la competizione a favore della cooperazione. Penso che la realtà piena sia il sogno, quello che contiene il sogno, perché sogniamo tanto quanto viviamo. “La musica è sinonimo di libertà. † Rêvalité non è allora la via tra sogno e realtà? †

No, è la fusione dei due, il mezzo d’oro. Associo la realtà al rosso, il colore dell’emozione, del sangue, della vita; Associo i sogni al blu, che è più debole e notturno, e la fusione dei due dà il viola. Mi piace inventare mondi, come un pittore, con le mestruazioni. Ogni album ha il suo colore, la sua chitarra, il suo aspetto. † Durante la residenza tutta la settimana ti abbiamo visto intervenire, qui su una lampada, altrove su una pausa di batteria, un po’ esattamente come un pittore, a dare gli ultimi ritocchi ai suoi dipinti. Quando sai che sono finite, che non devi andare avanti? […] “È un po’ come l’allineamento di cui parlavo prima. Ho qualcosa dell’ordine della convinzione interiore, della visione… Non ho dubbi sulle scelte, che a volte non sono rassicuranti. Potremmo dubitare di tutto tutto il tempo, ma è così. Le scelte che faccio sono evidenti per me. Infatti, se parliamo ancora di pittura, voglio fondere arte contemporanea e rock

Alla fine, è prima di tutto la musica, soprattutto perché sto tornando nel gruppo. †

Dopo l’Accor Arena di Parigi, il festival Europavox di Clermont attende Laylow In effetti, il tuo progetto precedente era da solista.

“È ancora una storia di contrasti. Rispondo a quello che ho fatto prima. Avevamo diciotto anni prima di Lamomalie, quindi volevo stare da solo allora. Qui torno al gruppo. n bisogno? Sollecitare ? sollecitare. E la voglia di offrire al pubblico sempre qualcosa di diverso. † Chi dice rock, dice chitarre. Cosa significa per te oggi fare ancora riff in un momento in cui lo strumento non è più davvero trendy… […] “Non sono mai stato alla moda, è una libertà. Non mi interessa l’era del tempo. In un certo senso ho iniziato a sbagliarmi… sono più sensibile all’eterno. Le vibrazioni vanno oltre l’estetica. Django Reihnardt o Hendrix saranno sempre di moda perché rompono il tempo. Tendo a guardare quella scuola. La musica è sinonimo di libertà. Sono abbastanza spaventato quando vedo cose condizionate. La musica sta quasi diventando politica in questi giorni

Mi deprime un po’ quando vedo che tutto sembra uguale. † Si adatta all’epoca.

“E sono più su un impegno poetico. Ho la possibilità di apparire in radio e ne sono felice, con il mio ultimo titolo – Dans ta radio – che è quasi anacronistico, tra reggae rocksteady, ecc. non è proprio lo stile di oggi…” Allo stesso tempo, dove ci si aspetta è nell’universo – M-, non altrove. †

Questo è tutto. In effetti, non è lo stile che conta per me, è l’identità. Ad esempio, Gainsbourg navigava tra gli stili, ma era ancora Gainsbourg. † E tu hai formato questa identità per venticinque anni. Anche se ! È grande. A volte ti giri per riflettere su quanto lontano sei arrivato?

“Sono 25 anni – M – e 50 anni Matthieu (ride). Sono figlio del presente. Non mi faccio tante domande. Cerco di essere nel momento. D’altra parte sì, lo sono grato “Non c’è una mattina in cui mi sveglio senza pensare di avere una vita da sogno. Vivo i miei sogni e sogno anche molto della mia vita, motivo per cui Rêvalité è una buona scelta”.

– M – torna a Clermont l’8 novembre, allo zenit. Reti abituali.

Julien Dodon

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

La UEFA adotta nuove regole di sostenibilità finanziaria

La UEFA adotta nuove regole di sostenibilità finanziaria

Riusciremo a trovare relazioni serene con la Russia?

Riusciremo a trovare relazioni serene con la Russia?