in

dieci corridoi umanitari allestiti nel sud-est, i residenti lasciano Kramatorsk

La Russia è in default “selettivo” sui pagamenti in valuta estera, afferma S&P

Sabato l’agenzia di rating finanziario S&P Global Ratings ha abbassato il rating della Russia per i suoi pagamenti in valuta estera al livello “impostazione predefinita selettiva”dopo che Mosca ha saldato un debito in dollari in rubli all’inizio di questa settimana.

Il rating dell’agenzia, per i pagamenti in valute estere come il dollaro, è ridotto a “SD”mentre la nota rimane accesa “CC” per i pagamenti in rubli, secondo un comunicato dell’agenzia, che annuncia anche che cesserà immediatamente le sue valutazioni sulla Russia, in conformità con i requisiti dell’Unione europea. Solo una tacca sotto SD sulla scala da tavolo: il rating “D”per standard.

“Non crediamo che gli investitori saranno in grado di convertire questi pagamenti in rubli in dollari uguali agli importi originariamente dovuti, né che il governo convertirà questi pagamenti entro il periodo di grazia di 30 giorni”.dice S&P.

L’agenzia ritiene che le sanzioni contro la Russia potrebbero essere rafforzate nelle prossime settimane “impedendo la volontà e le capacità tecniche della Russia di adempiere ai termini e alle condizioni dei suoi obblighi nei confronti dei debitori esteri”

Come tutti gli stati, la Russia prende in prestito denaro sotto forma di obbligazioni, spesso in dollari, e deve regolarmente pagare gli interessi e rimborsare il capitale. Un paese è considerato inadempiente quando non adempie ai propri obblighi finanziari nei confronti dei suoi creditori, che possono essere stati, istituzioni finanziarie (Fondo monetario internazionale, Banca mondiale, ecc.) o investitori nei mercati finanziari. L’inadempimento è qualificato come parziale quando lo Stato non rimborsa parte delle sue obbligazioni.

Per diverse settimane, la Russia ha scongiurato il pericolo di bancarotta poiché il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha consentito l’uso di valuta estera detenuta all’estero da Mosca per ripagare il debito estero. Così, a marzo, la Russia ha pagato diverse tranche di interessi, dimostrando la sua volontà e capacità di rimborsare.

Ma da lunedì, gli Stati Uniti hanno smesso di consentire alla Russia di ripagare il proprio debito con dollari detenuti nelle banche americane. Di conseguenza, JPMorgan, in qualità di banca corrispondente, ha bloccato un pagamento.

Di conseguenza, mercoledì il ministero delle finanze russo ha annunciato di aver pagato quasi 650 milioni di dollari in rubli, con scadenza il 4 aprile. Le tre principali agenzie di rating S&P, Fitch e Moody’s agiscono come arbitri per dichiarare un paese in default. Ma Fitch e Moody’s si sono già astenuti dal valutare il debito dello Stato e delle compagnie russe, sotto le sanzioni contro Mosca. S&P Global Ratings avrebbe dovuto interrompere i rating il 15 aprile, ma alla fine ha annunciato sabato che avrebbe smesso di farlo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

La Francia sequestra un dipinto della collezione Morozov di un oligarca russo

SNCF preoccupata per la debolezza dei viaggi d’affari