in

Disneyland Paris, un sogno economico per i comuni limitrofi

Disneyland Paris, un sogno economico per i comuni limitrofi
Disneyland Paris, un sogno economico per i comuni limitrofi

Il famoso parco divertimenti festeggia ad aprile il suo 30° anniversario. Il suo arrivo a Seine-et-Marne, nel territorio della Val vicino a Marne-la-Vallée, porta con sé molte opportunità economiche, ma cambia anche l’aspetto di questa zona.

Il piccolo villaggio di Coupvray potrebbe essere rimasto uno dei tanti villaggi anonimi di Briard della zona. L’attrazione principale è il museo dedicato a Louis Braille (nato in città), l’inventore dell’omonimo alfabeto.

Ma Coupvray sta vivendo i suoi ultimi anni di tranquillità: il villaggio è in crescita da diversi anni con 600 abitanti all’anno. “Finora siamo stati protetti dall’urbanizzazione perché è avvenuta attraverso il sud della Val d’Europa, attraverso le stazioni RER e TGV e il casello autostradale. Oggi arriviamo alla fase 4 e il villaggio di Coupvray è interessato, ed è davvero un cambio di cultura per noi”dice il sindaco (SE), Thierry Cerri.

Perché l’arrivo di Disneyland Paris ha cambiato “per sempre” il territorio della Val d’Europe secondo le parole del sito dell’agglomerato. Il trattato, atto costitutivo del territorio, firmato il 24 marzo 1987 tra Stato, The Walt Disney Company, Dipartimento della Senna e Marna e Regione, prevedeva il completamento entro il 2017 di due parchi tematici, 18.000 camere d’albergo, 2.400 residence alberghieri, 2 campi da golf, un parco acquatico, 5.400 residence, 65.000 mq di negozi, ristoranti, spettacoli, 90.000 mq di centro commerciale regionale, 40.000 mq di congressi, 700.000 mq di uffici, 750.000 mq di attività”possiamo leggere sul loro sito.

Migliaia di aziende si sono stabilite nella regione. La compagnia Arribas France è entrata nel bagaglio della Disney nel 1991. Specializzata nella fabbricazione di derivati ​​del vetro, si è insediata nei pressi del parco e impiega una cinquantina di dipendenti.

“Sei mesi prima del Covid ci siamo stabiliti nel villaggio di Condé-Sainte-Libiaire e il mio impegno era quello di reclutare localmente, cosa che abbiamo fatto. Ci sono diverse professioni, soprattutto soffiatori di vetro che provengono dalle due maggiori scuole francesi. per esempio reclutiamo localmente i mestieri della sabbiatura, che richiedono lavori meno tecnici”spiega Grégory Viseux, direttore generale dell’azienda.

Bicchieri, flute di champagne o bacchette raffiguranti personaggi della galassia Disney vengono poi venduti a poche miglia di distanza nel parco a tema. Il nuovo sito permette agli appassionati di scoprire la manifattura di questi prodotti e la ripresa del turismo permette al direttore generale di essere ottimista. Ma la crisi sanitaria ha suonato come un segnale di allarme.

“Il 95% delle nostre vendite è realizzato con Disney. Con un parco chiuso, la nostra attività è rimasta ferma. Eppure abbiamo continuato a sviluppare prodotti fino alla scadenza del 30° anniversario. Ma è vero che la chiusura del parco ha avviato una riflessione interna. Abbiamo bisogno pensare ad altre fonti di reddito. Abbiamo ottenuto una licenza di Harry Potter, il che aveva senso”continua Gregory Viseux.

L’afflusso di turisti e posti di lavoro ha quindi sviluppato fortemente il territorio limitrofo. Uno sviluppo che ha cambiato radicalmente questa regione rurale. “Il nostro ruolo è sviluppare un territorio equilibrato e resiliente”spiega Laurent Girometti, direttore generale dell’istituto di sviluppo pubblico EpaMarne-EpaFrance.

La sfida è quindi sostenere questa crescita eccezionale. I cinque villaggi avevano 4.000 abitanti quando arrivò Disneyland Paris, rispetto ai 36.000 di oggi. Il territorio ha la particolarità di avere tanti posti di lavoro quanti sono gli abitanti: cioè 1,5 posti di lavoro per lavoratore.

“Prestiamo attenzione a questo equilibrio, per fare in modo che si tratti di aziende adeguate al territorio, che il tessuto economico sia diversificato, non di dipendere solo dall’attività turistica. Devi sapere che ci sono 6.400 aziende dislocate in Val d’Europa, di tutte le taglie. Aziende con un background residenziale, spesso provengono da Seine-et-Marne”aggiunge Girometti.

L’ente pubblico di sviluppo si trova in una posizione che molti dei suoi omologhi invidiano: possono scegliere aziende che possono stabilirsi a livello locale. “Prestiamo molta attenzione alle aziende che rafforzano il territorio, che forniscono abbastanza posti di lavoro. Evitiamo lo spreco di terra e creiamo un’azienda che consumerà molta terra per poche attività o pochi lavori”.lui dice.

Dal lato del villaggio di Coupvray, cerchiamo anche di prevedere il futuro. “Ci aspettavamo un gruppo scolastico di 16 classi. Oggi 3 classi sono occupate, le altre aspettano l’arrivo degli studenti. Attualmente stiamo lavorando sui fabbisogni per gli anni 2030/2040”dice il sindaco della città, il sig. Cerri.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Trasferimento Mbappé – Kylian Mbappé fa impazzire il Madrid, scatena il panico

Trasferimento Mbappé – Kylian Mbappé fa impazzire il Madrid, scatena il panico

Perché il “Cyber ​​Pearl Harbor” non è avvenuto dall’inizio dell’invasione?

Perché il “Cyber ​​Pearl Harbor” non è avvenuto dall’inizio dell’invasione?