in

Esplosione di interessi e premi richiesti: fine mutuo facile?

Tassi di interesse storicamente bassi, acquisti non contributivi e regolamentazione flessibile del debito, il settore immobiliare sta uscendo da alcuni anni positivi. Ma negli ultimi mesi tutto è cambiato e sta diventando sempre più difficile per alcune famiglie ottenere un mutuo per l’acquisto di una casa. La fine del credito facile?

È il momento giusto per comprare? Questa è la domanda che si pone chi cerca casa. E il periodo è senza dubbio particolarmente favorevole all’interrogatorio. Da diversi mesi i tassi di credito, rimasti a lungo ai minimi storici, sono tornati a salire. E non solo un po’.

Una tendenza al rialzo che non può più essere ignorata

“Il 1 gennaio 2022 avevamo un tasso di interesse medio dell’1% per un prestito di oltre 20 anni, ricorda Cécile Roquelaure, direttrice degli studi dell’agenzia immobiliare Empruntis. Oggi siamo all’1,35% e non è improbabile che lo farà. 1,5% per l’estate. I tassi variano a seconda delle banche. Alcuni decidono piccoli aumenti ogni settimana, altri si adeguano meno spesso ma in modo più spettacolare”.

Perché lo slancio rialzista deve continuare. Diverse ragioni possono spiegare questo. In primo luogo, l’aumento del costo del denaro per le banche. “I prestiti statali sono esplosi e questo ha conseguenze per i prestiti, indica Cécile Roquelaure. Inoltre, la Banca centrale europea ha annunciato di voler aumentare i suoi tassi. Siamo quindi solo all’inizio di un ciclo”.

“Per gli acquirenti che erano al limite, è l’ascia”

Quanto lontano può arrivare l’aumento del tasso? Difficile da prevedere. “È possibile che si arrivi al 2% entro la fine dell’anno, prevede Pierre Chapon, co-fondatore del broker Pretto. Quanto ai tassi a lungo termine del 3%, non è più fantascienza”.

Se, secondo gli esperti di credito, la situazione rimane molto favorevole all’acquisto, potrebbe comunque complicarsi per i nuovi acquirenti e per le famiglie con le finanze più vulnerabili. “I prestiti senza contributo sono più rari e l’importo richiesto dalle banche è aumentato di circa il 10% negli ultimi mesi, sottolinea Pierre Chapon. Soprattutto, il rapporto di indebitamento è ora obbligatoriamente limitato al 35%. Finora era una raccomandazione, ma oggi il le banche hanno meno flessibilità. Per gli acquirenti che erano al limite, è la scure”.

Verso un calo dei prezzi degli immobili?

In un contesto di prezzi in forte aumento, la dinamica del mercato immobiliare potrebbe quindi rallentare nei prossimi mesi. “Il settore opera in modo ciclico, spiega Pierre Chapon. In generale, quando i tassi di credito sono bassi, i prezzi salgono. Quando salgono, il valore delle merci si stabilizza o scende leggermente”.

Niente da temere, invece, per chi ha i mezzi per acquistare. “La situazione è passata da idilliaca a molto buona, ritiene Cécile Roquelaure. Le banche hanno una politica molto ambiziosa per attirare nuovi clienti. E per loro, i mutui ipotecari sono il modo migliore per riaverli. E anche se gli interessi sui prestiti sono aumentati sono aumentati, sono ancora ben al di sotto dell’inflazione, quindi prendere a prestito è ancora un’operazione interessante”.

Aumento tasso: quale impatto sul costo del tuo credito?

Per un prestito di 170.000 euro in 20 anni, ecco l’impatto dell’evoluzione del tasso debitore:

  • Tasso dell’1%.
    • Spese mensili esclusa assicurazione: 782 €
    • Spese di credito esclusa assicurazione: € 17.637
  • Tasso dell’1,35%
    • Spese mensili esclusa assicurazione: € 809
    • Spese di credito esclusa assicurazione: € 24.077
  • Tasso dell’1,5%.
    • Spese mensili esclusa assicurazione: 820 €
    • Spese di credito esclusa assicurazione: € 26.879
  • Tasso dell’1,7%
    • Spese mensili esclusa assicurazione: 836 €
    • Spese di credito esclusa assicurazione: € 30.654

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Truppe ucraine accusate di aver giustiziato soldati russi

Nuovi oggetti? Mbappe farebbe un grosso errore rimanendo al PSG senza grandi cambiamenti