in

Generale russo Dvornikov, massacro dalla Cecenia al Donbass – Liberazione

Guerra tra Ucraina e Russiafile

Il Cremlino ha incaricato Aleksandr Dvornikov di guidare l’offensiva nel sud-est dell’Ucraina e consentire a Vladimir Putin di rivendicare la vittoria prima della data simbolica del 9 maggio. Il suo curriculum, in particolare in Siria, gli è valso un’orrenda reputazione.

Visto da Mosca, è l’uomo per il lavoro. Il generale Aleksandr Dvornikov, 60 anni, è stato scelto per guidare la prossima offensiva russa in Ucraina, secondo la BBC e Sky News. Questo ufficiale, l’unico generale dell’esercito a guidare un distretto militare, è al comando della Russia meridionale dal 2016. Questo campo d’azione comprende la Crimea, il Donbass e la regione di Rostov-sur-le-Don, per così dire, conosce il posto. Entro poche ore o pochi giorni, a Dvornikov verrà ordinato di lanciare la prossima offensiva russa in Ucraina con una missione: conquistare tutto il Donbass. Per questo il soldato dovrà migliorare la comunicazione tra i diversi rioni, che è mancata durante la prima offensiva lanciata il 24 febbraio.

carne da cannone

È tempo di prepararsi. Da diversi giorni le truppe si stanno radunando al confine sud-orientale dell’Ucraina. L’offensiva su Mariupol, che sta per concludersi, segnerà sicuramente l’inizio di questa seconda operazione. Tuttavia, la missione del generale ha diversi limiti. Prima volta. Dvornikov dovrà portare a termine la sua operazione, inevitabilmente vittoriosa, in meno di un mese, prima del 9 maggio, giorno in cui si commemora la vittoria sovietica sulla Germania nazista. Il 9 maggio è l’apice del patriottismo russo, celebrato con una parata militare e poi una parata civile; Il presidente russo Vladimir Putin dovrà presentare una vittoria lì. La vittoria sarà la cattura di tutte le regioni di Luhansk e Donetsk, i cui confini sono cambiati poco dall’inizio dell’operazione. L’esercito russo, impegnato e laborioso nelle principali città ucraine, si è finora affidato alla carne da cannone di adulti inesperti mobilitati nelle aree separatiste e ai membri della milizia dell’organizzazione paramilitare Wagner per cercare di spingere il fronte ucraino a nord.

In otto anni, l’esercito ucraino ha creato una linea di contatto difficile da spezzare, lasciando gran parte della regione di Donetsk alla conquista della Russia. Ma il generale Dvornikov non dovrà accontentarsi di prendere la regione: dovrà smilitarizzarla, secondo le parole del Cremlino, intrappolando quanti più soldati ucraini possibile. Lo scenario è noto in anticipo perché gli intransigenti del Cremlino lo sognano dal 2014. Mentre questi guerrafondai si sono eccitati e si sono lamentati ogni volta che il Cremlino ha lasciato intendere che l’operazione militare potrebbe finire, Dvornikov offrirà loro il loro orgoglio su un vassoio il 9 maggio.

Premi Nazionali

Anche Aleksandr Dvornikov entusiasma gli esperti per la questione siriana. Perché il soldato non è noto per essere nel pizzo, tanto meno per il suo attaccamento alle regole della guerra. Dall’inizio dell’operazione militare russa in Siria, è stato anche comandante del gruppo delle forze armate russe ivi presente. Nel 2015, le forze russe in Siria sotto il suo comando sono state ampiamente accusate dalle ONG di aver bombardato quartieri civili e di aver attaccato ospedali. Sul New York TimesAd esempio, Rami Abdulrahman, direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, ritiene che: “Bashar al-Assad non è il solo ad essere accusato dell’uccisione di civili in Siria: dovrebbe esserlo anche il generale Aleksandr Dvornikov. In qualità di comandante delle operazioni militari, ciò significa che è dietro l’uccisione di civili siriani”.

Inutile dire che Dvornikov ha il curriculum adatto al lavoro. Nasce nel 1961 a Oussouriisk, in Estremo Oriente, prima di recarsi a Mosca per studiare, dove si diploma con lode presso la Higher School of Combined Arms Command. Nel 1982 prestò servizio nel distretto militare dell’Estremo Oriente come comandante di plotone, comandante di compagnia e capo di stato maggiore di battaglione. Dal 1995 al 2000 è stato comandante di un reggimento di fucili a motore nel distretto militare di Mosca. Quando la seconda guerra cecena era in pieno svolgimento, fu successivamente nominato comandante di una divisione di fucili a motore nel distretto militare del Caucaso settentrionale. Naturalmente, con una tale carriera arriva l’onore della nazione. Il generale è stato insignito del titolo di “Eroe della Federazione Russa” nel 2016 ed è stato nominato generale dell’esercito nel 2020. Mentre il primo intervento dell’esercito russo in Ucraina ha sollevato molte domande sulle sue reali capacità, il generale Dvornikov sarà al comando durante le diverse settimane a lui assegnate, questa volta per agire in modo rapido ed efficiente.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Star Wars Netflix di Zack Snyder aggiunge il mondo al cast

Declino in vista in Europa all’inizio di una settimana intensa – 04/11/2022 alle 08:12