in

Guerra in Ucraina: verso nuove sanzioni occidentali contro Mosca

La prima linea è cambiata radicalmente dal lancio del “operazione militare specialedi Vladimir Putin il 24 febbraio 2022. Fino ai primi giorni di aprile, ha delineato un’ampia invasione dell’Ucraina con tre fronti a nord, sud e est. Ma da allora, le forze russe si sono spostate a nord da Kiev e si stanno concentrando nella regione orientale del Donbass, che è stata parzialmente controllata dai separatisti dal 2014 e dove sono attualmente concentrati i principali combattimenti. Nel sud, la prima linea è immobilizzata.




Le Figaro

Nell’est del Paese, le forze russe stanno esercitando pressioni alla periferia di Kharkov – la seconda città più grande dell’Ucraina con 1,5 milioni di abitanti – e Sumy, ma hanno interrotto il loro tentativo di accerchiamento, che era fuori dalla loro portata. Sempre in vista, questa volta nel sud del Donbass, c’è il porto di Mariupol sul Mar d’Azov. I russi l’hanno circondato dal 1 marzo e ora sono in città. Il 24 marzo hanno anche preso il municipio, secondo i combattenti ceceni trasmessi da Ramzan Kadyrov, risorsa vitale del Cremlino, contro i combattenti ucraini del battaglione ultranazionalista Azov, ora trincerato in diversi quartieri della città .




Le Figaro

Il fronte meridionale ha il probabile obiettivo di controllare le sponde del Mar d’Azov, che diverrebbe così definitivamente un “lago” russo, ma non solo. Il controllo sulle coste del Mar Nero a ovest, o anche uno spostamento a nord, sono altri potenziali obiettivi, anche se anche la linea del fronte si è stabilizzata lì, con anche i contrattacchi ucraini ora interrotti.

LEGGI ANCHE – Guerra in Ucraina: le tre mappe per monitorare in diretta la situazione militare

LEGGI ANCHE – “La Russia concentrerà le sue operazioni sul Donbass”, analizza Alexis Feertchak

” data-ratio=”2-1″/>

La svolta più importante degli ultimi giorni è stata la fine – almeno temporanea – della battaglia per Kiev. Di fronte ai contrattacchi ucraini, i russi si sono ritirati nei primi giorni di aprile, quando erano a soli 30 km dal centro della capitale. La conquista della culla della Rus’ di Kiev del IX secolo – il primo grande stato slavo le cui origini storiche sono contese da Ucraina e Russia – e persino la sede della città di 2,8 milioni di abitanti erano fuori dalla portata dei russi: avrebbero dovuto mantenere una zona circolare da 100 a 150 km di circonferenza per circondarlo. Anche se non sono stati formalmente sconfitti – da quando si sono ritirati dalla regione – suona come una sconfitta per il Cremlino, poiché dal 24 febbraio, in termini di dimensioni dello schieramento, il fronte settentrionale sembrava il più strategico.




Le Figaro

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Star Académie”: Quattro accademici a rischio

Free spinge il fungo sulla scommessa del 5G