in

I “gamberi striati” in Ucraina contro l’omofobia in Russia

Una commedia per il grande pubblico contro l’omofobia e il pregiudizio, gli “Spangled Shrimps” tornano nelle sale, con un programma che è toccato dall’attualità: la nuova opus, che denuncia l’omofobia in Russia, è stata lanciata prima dell’invasione dell’Ucraina.

“The Revenge of the Glittery Shrimps”, che debutterà in Belgio il 13 aprile, riprende l’improbabile formula che ha decretato il successo della prima parte nel 2019: una commedia che pretende di essere un film “LGBT”, ma incentrata su tutti , ispirato alla storia vera di una squadra di pallanuoto gay con sede a Parigi.

Giovedì scorso, in occasione dell’anteprima belga del film, una parte della troupe ha posato al cinema Galeries di Bruxelles sulla Grand Place in compagnia della squadra di pallanuoto gay di Bruxelles, il “Manneken Fish”.

Dopo aver revocato il tabù sull’omosessualità nello sport, i registi Maxime Govare e Cédric Le Gallo, pallanuotista culla dell’avventura, hanno voluto essere ancora più politici, con un film che affronta temi di attualità come l’omofobia di stato o i crimini omofobici .

In Ucraina

Non potevano immaginare di essere sorpassati dalla notizia: il film è stato girato in Ucraina, con una squadra “all’80% locale”.

“Girare in Russia era impossibile a causa della legge che vietava la propaganda LGBTQ”, spiega Maxime Govare. “Riprendere due uomini che si baciano per strada ci avrebbe fatti finire tutti in prigione”.

A quel tempo, l’Ucraina fu elogiata per la sua ambientazione che ricordava la Russia, così come per le strutture per le riprese delle squadre occidentali. Nessuno osava immaginare un’invasione russa.

Oggi un’attrice del film si nasconde con i suoi figli nella metropolitana di Kharkiv, i tecnici hanno preso le armi, alcuni sono fuggiti in Francia, dove la squadra chiede solidarietà nella professione per trovarli lavoro…

terapie di conversione

Per i registi, oltre all’omofobia, gli “Spangled Shrimps” sono un inno alla libertà in generale, e il legame con l’attuale situazione in Ucraina è chiaro per loro.

“Il film racconta come Putin opprime la comunità LGBT” (lesbiche, gay, bisessuali, transgender), osserva Cédric Le Gallo, che, secondo lui, si era abituato a cantare “Slava Ukraïni” (gloria all’Ucraina), alle anteprime in Francia. “Oggi Putin sta opprimendo il mondo intero, quindi questo risuona soprattutto”.

In effetti, questa commedia dipinge un ritratto inequivocabile del paese di Vladimir Putin, dove la violenza contro gli omosessuali è comune. La Russia ha introdotto nel 2013 una legge contro la “propaganda” omosessuale tra i minori, che è stata usata come pretesto per vietare le marce del Pride e l’esposizione di bandiere arcobaleno.

È in questo universo che arriva l’allegro gruppo “Spangled Shrimps”, accompagnato da un nuovo personaggio, Sélim (Bilal El Atreby), un giovane etero pieno di pregiudizi. La squadra di pallanuoto arcobaleno in viaggio per i Gay Games di Tokyo perde la connessione e rimane bloccata in un terreno ostile.

Mentre alcuni si nascondono negli hotel, altri si avventurano fuori. Ma in Russia, trovare un club gay per festeggiare o un’avventura di una notte su un’app di appuntamenti può trasformarsi in un incubo.

I “gamberetti” dovranno fuggire dai terrificanti “cacciatori di gay” che picchiano gli omosessuali agli angoli delle strade, e scoprire l’inferno della “terapia di conversione”, un programma allestito in un centro di detenzione per “trattarli del loro orientamento sessuale”.

Proiezione in Ucraina: prima è, meglio è

“Ci siamo divertiti a mettere gli omosessuali nella terra degli omofobi”, osserva Cédric Le Gallo, ma il film, tra commedia d’avventura e commedia musicale, punta ad allargarsi: le “terapie di conversione” sono vietate per legge in Francia solo dal gennaio 2022, lui ricorda.

“Le persone vogliono fare il lavaggio del cervello alle persone che vogliono vivere la propria vita e non fare del male a nessuno (…) è un argomento universale”, coglie Maxime Govare, che spera che il film provochi uno “scontro tra leggerezza e serietà”.

I due registi hanno un sogno: vedere la fine del conflitto e proiettare il loro film in Ucraina, programmato per la guerra. “Prima è, meglio è”, sperano.

Questo articolo è stato pubblicato automaticamente. Fonti: ats/blg/afp/belga

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Solo 179€ per questo smartphone con display a 90 Hz e compatibilità 5G

Sommozzatori dispersi in Malesia: salvata la giovane francese dopo tre giorni di indagini