in

Il detective racconta come va a caccia sul campo per prove di crimini di guerra

Omicidi di civili, bombardamenti di scuole e ospedali, stupri, rapimenti… Dall’inizio della guerra in Ucraina, la Russia è stata accusata di crimini di guerra da molti paesi, media e ONG. L’ultima accusa riguarda il ritrovamento di un gran numero di cadaveri di civili nella città di Boutcha, vicino a Kiev, dopo la partenza dell’esercito russo.

>> Trova le ultime informazioni sulla guerra in Ucraina nella nostra diretta

Almeno 280 persone sono state sepolte in fosse comuni dagli ucraini, secondo il sindaco di questo comune, ma la Russia nega categoricamente queste accuse. Nel tentativo di raccogliere prove e stabilire responsabilità, gli osservatori sono stati sul campo sin dall’inizio del conflitto. Il ricercatore della Crisis and Conflict Division di Human Rights Watch, Jonathan Pedneault, si è recato in Ucraina all’inizio di marzo. Ha lavorato principalmente a Leopoli, Mariupol e Chernihiv.

Franceinfo: Qual è il lavoro di un ricercatore di crisi presso Human Rights Watch?

Jonathan Pedneault: La mia missione consiste nel documentare il comportamento degli attori in un conflitto, in questo caso le accuse di crimini di guerra contro la Russia in Ucraina. Sono formato su metodi investigativi, questioni etiche, identificazione dei testimoni, raccolta di prove digitali, verifica di immagini o analisi satellitare.

Sono partito per l’Ucraina all’inizio di marzo con altre tre persone di Human Rights Watch. All’inizio, la prima linea era molto dinamica e c’era molta incertezza sull’evoluzione del conflitto. Sapere dove andare era un problema logistico e di sicurezza. Faceva anche molto freddo, era passato molto tempo dall’ultima volta che avevo lavorato a un conflitto in cui faceva così freddo.

“Come sempre, siamo preparati per ogni evenienza. Abbiamo giubbotti antiproiettile, telefoni satellitari, un autista, un traduttore… Restiamo in contatto con il nostro ufficio e le ONG locali”.

Jonathan Pedneault, ricercatore di Human Rights Watch

a franceinfo

Stavamo lavorando su diverse accuse contemporaneamente, compreso l’uso di bombe a grappolo a Kharkiv e il bombardamento di edifici civili a Mariupol. Abbiamo incontrato persone che si erano rifugiate nelle cantine di questa città e che vivevano in condizioni spaventose, costrette a sciogliere la neve per bere. Era l’inizio della guerra, la gente era sotto shock. Molti non avevano mai subito i bombardamenti e hanno cercato di raggiungere l’ovest del paese o l’Europa.

Quali sono le tue principali fonti e come controlli le tue informazioni?

Lavoriamo sulla base delle informazioni che riceviamo dai media, dai testimoni sul campo, da altre ONG. Ad esempio, quando riceviamo il video di un bombardamento, torniamo al quartiere appropriato. Cerchiamo di trovare i residenti, facciamo loro delle domande per vedere se si trovavano in zona al momento dell’incidente, cosa hanno fatto o non hanno visto. Spesso viene loro chiesto di stabilire una cronologia per vedere se è credibile.

Non chiediamo testimonianze, cerchiamo di essere discreti sul campo perché, come in ogni conflitto armato, c’è molta propaganda, attori politici che cercano di dirigere la nostra indagine per i loro interessi. È anche per proteggerci.

“Utilizziamo il ‘metodo del domino’. Una persona che incontriamo ci connette con altre persone e così via”.

Jonathan Pedneault, ricercatore di Human Rights Watch

a franceinfo

Per definire correttamente la legittimità o illegittimità degli atti commessi, vengono poste domande specifiche: C’era un obiettivo militare nell’area? Che tipo di armi sono state usate? C’erano fabbriche nelle vicinanze? Chiediamo alle persone se hanno foto, video, per identificare quanti più indizi possibili. Alcuni tipi di reato, come lo stupro, sono molto difficili da verificare e ci affidiamo principalmente alle dichiarazioni dei testimoni. È anche una testimonianza che ci ha permesso di identificare diversi stupri ripetuti di una donna, nel nostro ultimo rapporto.

Poiché non possiamo fare tutto da remoto, Human Rights Watch dispone di un laboratorio di analisti che effettuano controlli incrociati e verificano le informazioni utilizzando strumenti online. open source† Possiamo inviare loro foto o video che controlleranno con immagini satellitari, mappe, la loro conoscenza delle armi… Sono davvero sopraffatti in questo momento. Stiamo anche lavorando con altri colleghi che si sono recati ai confini dell’Ucraina, nella Repubblica Ceca, in Moldova, per parlare con i rifugiati che potrebbero esserne stati testimoni.

A cosa serviranno i tuoi studi in seguito?

Non lavoriamo per giurisdizioni o stati, ma il nostro lavoro può essere utilizzato da vari tribunali nelle proprie indagini. Il nostro scopo principale è quello di difendere, mettere in guardia l’opinione pubblica nella speranza di cambiare il corso degli eventi e ricordarci reciprocamente le proprie responsabilità. Dall’inizio della guerra, abbiamo documentato con successo l’uso di bombe a grappolo a Kharkiv, attacchi illegali contro civili a Mariupol e Chernihiv, attentati agli ospedali, stupri e abusi militari in Russia.

Le informazioni che raccogliamo sono principalmente per Human Rights Watch. Conserviamo tutte le prove. Ci sono state occasioni in cui alcuni dei nostri investigatori sono stati chiamati come testimoni in procedimenti giudiziari, o alcuni dei nostri testimoni sono stati richiesti, ma facciamo ogni sforzo per garantire la loro riservatezza e protezione. Lavoro in una zona di conflitto da quando avevo 17 anni. Mi sono abituato ad affrontare il pericolo perché il lavoro vale la pena. Non sarò mai esposto o colpito come la popolazione civile che incontro.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Matrimonio Brooklyn Beckham e Nicola Peltz: Spice Girls, Snoop Dogg… svelata l’incredibile lista degli invitati!

PUNTO DI MERCATO Cala in vista in Europa, preoccupazione Fed Fuels – 04/06/2022 at 07:33