in

Il primo turno di votazioni è iniziato all’estero

Il primo turno di votazioni è iniziato all’estero
Il primo turno di votazioni è iniziato all’estero

In un seggio elettorale a Remire-Montjoly, Guyana, 9 aprile 2022.

I primi elettori hanno iniziato a recarsi alle urne sabato 9 aprile, in patria e all’estero per il primo turno delle presidenziali, mentre la metropoli dovrà aspettare domenica per decidere tra i dodici candidati in un sondaggio che sembra austero.

Grande incognita di questa undicesima elezione presidenziale per elezione generale del Ve Repubblica: il tasso di astensione. Molti politologi temono che il record del 21 aprile 2002 (28,4%), il livello più alto mai registrato per un primo turno di elezioni presidenziali, possa essere battuto. Nel 2017, che già non era un buon anno di vendemmia, questa percentuale è salita al 22,2% nel 2017. L’elemento nuovo è l’alta percentuale di elettori indecisi, che crea incertezza “non senza importanza” al ballottaggio, secondo il politologo Pascal Perrineau.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Astinenza dalle elezioni presidenziali: verso una “sindrome del 2002”?

In attesa dei primi risultati domenica alle 20, sono vietati gli assembramenti pubblici, la distribuzione di volantini e la propaganda digitale. I seggi elettorali aprono alle 8 di domenica nella Francia continentale e non è consentito pubblicare interviste, sondaggi o stime prima dei risultati.

Tuttavia, due candidati, quello di Europe Ecologie-Les Verts, Yannick Jadot, e quello di La France insoumise, Jean-Luc Mélenchon, sono andati alla marcia organizzata sabato a Parigi per il clima e la giustizia sociale.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Elezioni presidenziali 2022: il clima, grande preoccupazione dei francesi e vistosamente assente dai dibattiti

Senza diritti a Shanghai

Per tener conto della differenza di fuso orario, sabato alcuni elettori stranieri voteranno. Saint-Pierre-et-Miquelon ha dato il via alle 20:00 (pomeriggio a Parigi), seguito da Guyana, Martinica, Guadalupa, Saint-Martin e Saint-Barthélemy.

Il Pacifico poi prende il sopravvento, con la Polinesia che inizia a votare quando erano le 20:00 a Parigi, Wallis e Futuna e Nuova Caledonia. In Polinesia l’affluenza alle urne è stata del 12,34% nel pomeriggio, rispetto al 22,24% nello stesso periodo del 2017, secondo le stime dell’Alto Commissariato.

Nell’Oceano Indiano, dove la differenza di fuso orario è minore, Reunion voterà domenica alle 6 del mattino da Parigi e Mayotte alle 7 del mattino. Anche alcuni francesi che vivono all’estero stanno aprendo la strada, ma quelli che vivono a Shanghai non potranno votare poiché la città più grande della Cina è soggetta a restrizioni in nome della strategia cinese zero Covid.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti I francesi a Shanghai sono stati banditi dal voto alle elezioni presidenziali a causa della detenzione

“Archipellazione dei dibattiti”

“Abbiamo attraversato una strana campagna che va contro ogni immaginazione delle elezioni presidenziali”, spiega Frédéric Dabi, direttore dell’IFOP. Una campagna “non pubblicato” per diversi motivi: la guerra in Ucraina che “stordito”un “poco interesse” contrasto con le precedenti elezioni, e l’assenza di “il solito confronto di progetti” tra i candidati contendenti.

“Abbiamo una specie di arcipelago di dibattiti con piccoli duelli”, in particolare tra il polemista di estrema destra Eric Zemmour (Reconquête!) e, a destra, la candidata Valérie Pécresse (Les Républicains), o tra il “ribelle” Jean-Luc Mélenchon e gli altri candidati di una sinistra frammentata, l’ecologo Yannick Jadot, il comunista Fabien Roussel, la socialista Anne Hidalgo oi trotskisti Philippe Poutou e Nathalie Arthaud. Il sovrano Nicolas Dupont-Aignan e il vice del Béarnais Jean Lassalle hanno deplorato una campagna senza dibattito.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Presidenziale 2022: La strana campagna

Un fronte repubblicano “evaso”.

Per evitare indecisioni e astinenze, i candidati si sono moltiplicati nell’ultima settimana di campagna: ultimi grandi incontri, attenzione mediatica, ultime gite.

Il presidente uscente, da sempre in testa alle urne, è arrivato in ritardo nella campagna elettorale, ostacolato prima dalla crisi sanitaria e poi dall’invasione russa dell’Ucraina. Si è concentrato su un unico grande raduno nazionale, sabato 2 aprile a La Défense, ma ha dato una spinta alla fine della settimana con diverse interviste, anche facendo una visita spontanea a un mercato a Neuilly venerdì 8 aprile sulla Senna.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Presidenziale 2022: una campagna finalmente messa sotto il segno del potere d’acquisto

La candidata al National Rally Marine Le Pen, che ha fatto il suo ultimo viaggio ad Aude venerdì, ha innescato una tendenza al rialzo dopo le preoccupazioni sollevate dal suo rivale di estrema destra Eric Zemmour, che si è consolidata al secondo posto e ha gradualmente ridotto il divario con Emmanuel Macron. Jean-Luc Mélenchon è gradualmente salito al terzo posto. Ma gli scienziati politici non escludono la possibilità che una sorpresa possa sconvolgere questa tripletta nei sondaggi.

Già prima dei risultati del primo turno, diversi candidati si sono proiettati nella prospettiva di un duello Macron-Le Pen al secondo turno, con crepe nella “fronte repubblicano” contro l’estrema destra. “Il fronte repubblicano non è più quello di una volta. È scavato dall’alto e dal basso”Gilles Finchelstein ha spiegato all’Agence France-Presse, il direttore della Fondazione Jean Jaurès. “Resta una primavera”ma pensare che questa primavera “basterà è un’illusione”

Leggi anche: Elezioni presidenziali 2022: cosa c’è da sapere sui 12 candidati

Le Monde e AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il Cancelliere dello Scacchiere del Regno Unito è coinvolto negli affari

Il Cancelliere dello Scacchiere del Regno Unito è coinvolto negli affari

Il ministro delle finanze Rishi Sunak ha una serie di battute d’arresto

Il ministro delle finanze Rishi Sunak ha una serie di battute d’arresto