in

il sindaco di kiev testimonia su BFMTV della “desolazione” che regna in Ucraina

Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko teme che la partenza delle truppe russe da alcuni luoghi vicini alla capitale porti alla scoperta di altri massacri simili a quello di Boutcha.

La lotta di una vita per Vitali Klitschko. Il sindaco di Kiev, ex pugile, è sempre presente nella capitale del suo Paese per partecipare alla difesa del territorio. Colui che si è detto disposto a prendere le armi è stato recentemente a Boutcha, dove sono stati ritrovati centinaia di corpi di civili dopo la partenza delle truppe russe.

“Quello che ho visto, non voglio che nessuno lo veda. È peggio di un film dell’orrore (…) È il mio paese, sono le città che mi sono care, e vedere una tale desolazione è devastante, non ci sono parole per questo “, ha detto mercoledì su BFMTV.

Per lui, le azioni dell’esercito russo corrispondono a un “genocidio del popolo ucraino”. “Questa babushka che è stata uccisa a casa sua, chi stava minacciando? Civili, in che modo rappresentavano una minaccia? Non c’erano obiettivi militari in questa pacifica città familiare”, ha detto, dicendo che c’erano “altri Boucha” in città come “Hostomel. ” “Irpin, Cherniguiv e Kharkiv. Penso che il numero delle vittime sarà tra le migliaia”, ha previsto.

Un ritiro temporaneo?

Vitali Klitschko invita temporaneamente i residenti di Kiev a non tornare in città, nonostante il ritiro delle truppe russe. “C’è un lavoro di sminamento su larga scala in corso vicino a Kiev, chiedo che il ritorno a Kiev sia posticipato di una settimana. Sono convinto che la vita a Kiev sarà più tranquilla entro una settimana”, ha detto, spiegando però che il la ridistribuzione delle truppe nel Donbass non è definitiva.

“Sono convinto che Putin non abbia rinunciato ai suoi piani per conquistare tutta l’Ucraina e che Kiev sia la capitale. (…) Se rovesciano il Donbass, può andare avanti, conquistare tutta l’Ucraina ed entrare in Polonia. Ceco Repubblica, in Ungheria, a Berlino…”, promette.

Non vuole arrendersi a Mosca

In questo contesto, chiede soprattutto agli occidentali di fornire armi difensive. “Se difendiamo la democrazia come misura di valore, dacci il massimo delle armi e del sostegno politico”, dice.

Nonostante i negoziati tra Russia e Ucraina non procedano, Vitali Klitschko non vuole assumere alcun impegno con Mosca. “Lo status di neutralità (richiesto dalla Russia, ndr), che non ha impedito la guerra. Finora l’Ucraina era neutrale. Ora, con il senno di poi, pensiamo che questa neutralità sia un errore”, lamenta. Si oppone anche a coloro che vogliono cedere il Donbass per porre fine al conflitto. “Il Donbass fa parte dell’Ucraina”, dice.

Articolo originale pubblicato su BFMTV.com

VIDEO- Vitali Klitschko: “Se il mio Paese ha bisogno della mia vita, sono pronto a darla”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Famiglie numerose – “Cos’è questa mania di sminuire suo marito?”, “Indossa le mutandine”: il comportamento di Audrey Boibesssot nei confronti di Hervé infastidisce gli utenti di Internet

la campagna inizia il giovedì, cosa cambia