in

In Canada, l’approvazione del progetto petrolifero offshore Bay du Nord è furiosa con gli ambientalisti

Questo documento di Equinor del 14 marzo 2022 mostra un'illustrazione della futura nave FPSO Bay du Nord (Floating Production Storage and Offloading).

“Investire in nuove infrastrutture per i combustibili fossili è una follia morale ed economica”, ha affermato lunedì 4 aprile il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per commentare il nuovo rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, che ha invitato il pianeta a raddoppiare gli sforzi per prevenire la crisi climatica. Follia morale ed economica : Le associazioni ambientaliste canadesi hanno raccolto questo argomento all’unisono per denunciare il via libera dato mercoledì da Ottawa al progetto petrolifero Bay du Nord.

Guidato dalla compagnia norvegese Equinor, estrarrà da 300 milioni a un miliardo di barili di petrolio a una profondità di oltre un chilometro da 500 chilometri al largo della costa di Terranova, nell’Oceano Atlantico, in un periodo di 30 anni. La messa in servizio è prevista per il 2028.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti In Canada, il calo del petrolio mette l’Alberta in una situazione delicata

Per giustificare l’approvazione del governo Justin Trudeau per questo progetto molto controverso, mentre il Canada è il quarto paese produttore di petrolio ma anche l’unico stato del G7 a non essere riuscito a ridurre le proprie emissioni di gas serra (GES) dal 2015, il segretario all’Ambiente Steven Guilbeault si è rifugiato dietro una domanda economica e ambientale. Devi essere consapevole della realtà. Continueremo a consumare petrolio per molti decenni a venire Vogliamo consumare petrolio che emette dieci volte più gas serra per barile di quello di Bay du Nord? Questo è il caso delle sabbie bituminose ha lanciato e ha promesso che questo progetto ha soddisfatto tutte le condizioni per climaticamente neutrale” entro il 2050 e che aveva anche ricevuto l’approvazione dall’Agenzia canadese per la valutazione d’impatto. Ma questo argomento di un olio? più pulito non è stato sufficiente per convincere gli avversari di Bay du Nord.

“La posizione dell’asino alla luce del cambiamento climatico”

“Questo è solo un progetto che aggiungerà carburante agli incendi della crisi climatica”è offeso Patrick Bonin, responsabile della campagna clima-energia di Greenpeace Canada. “Produrre il cosiddetto olio verde o pulito è solo una fantasia: non esiste. Il petrolio è petrolio: ci saranno conseguenze, qualunque sia il modo in cui viene prodotto”.risponde Emile Boisseau-Bouvier, analista di politica climatica dell’associazione ecologica Equiterre. “L’85% delle emissioni di GHG si verifica quando il petrolio viene bruciato, cioè consumato aggiunge Caroline Brouillette, del Climate Action Network. “Dato che il petrolio di Bay du Nord è destinato all’esportazione, non è contabilizzato nelle emissioni canadesi, ma c’è solo un’atmosfera in cui vanno a finire questi gas serra, e questo non ha nulla a che fare con i confini”.

Hai ancora il 45,98% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

La sfida di Volodymyr Zelensky al Consiglio di sicurezza dell’ONU

“Nella mia valigia ho ammucchiato le nostre quattro vite e, incuneate tra i calzini, le anime amate di chi è rimasto in Ucraina, all’inferno”