in

in lacrime, un ucraino riconosce il corpo di suo fratello tra le vittime

in lacrime, un ucraino riconosce il corpo di suo fratello tra le vittime
in lacrime, un ucraino riconosce il corpo di suo fratello tra le vittime

I corpi di molti civili sono stati trovati in questa città vicino a Kiev, dove i russi sono accusati di crimini di guerra. Dopo essere stati deposti in una fossa comune, i resti sono stati presentati alla popolazione per l’identificazione.

Dopo le atrocità, un’altra prova: quella dell’identificazione. Una settimana dopo la scoperta del massacro di Boutcha e delle fosse comuni, nei pressi di Kiev, i corpi dei civili uccisi sono stati presentati agli abitanti della città per essere identificati e seppelliti dignitosamente. Vova è uno di questi testimoni dell’orrore. Questo ucraino, incontrato da BFMTV, ha riconosciuto suo fratello, di 32 anni, tra i venti cadaveri presentati venerdì dalla polizia scientifica.

“L’hanno ucciso per niente, stava solo camminando per strada. Ma perché?” si lamenta con la nostra macchina fotografica.

I cadaveri dei civili trovati nella città di Boutcha, riconquistati poco prima dalle truppe ucraine dai russi, furono seppelliti il ​​10 marzo. Il distretto sta ora lavorando per nominare ciascuno dei suoi morti dopo averli rimossi dalla fossa comune.

“Come lo sopporterà mia madre?”

I corpi giacciono per terra in sacchetti di plastica, un semplice numero permette di distinguerli. “È il quarto, puoi chiudere la borsa”, ha detto Vova a un membro della polizia scientifica.

L’ucraino ha appena identificato tra i corpi il fratello minore. Crollato, si allontana rapidamente, il viso sfigurato dal dolore. Per modestia, si fa da parte ed è confortato da una donna.

“Come lo dirò a mia madre? Come se la caverà? E sua figlia di 7 anni? È solo una bambina”, si lamenta, le lacrime che gli rigano le guance.

Sepolto nel terreno di una chiesa

I corpi dei civili trovati a Boutcha saranno posti in una cella frigorifera dopo la scoperta e ora hanno diritto a una sepoltura.

“L’obitorio era pieno di cadaveri, senza elettricità. Non potevamo più tenerli nella cella frigorifera, quindi abbiamo dovuto seppellirli”, ha detto Andriy, un sacerdote della chiesa di Andriy Pervozvannyi.

“Il cimitero è fuori città, non siamo riusciti ad arrivarci a causa dei bombardamenti. Dovevamo trovare un posto provvisorio, è stato scelto il parco della nostra chiesa”, precisa.

Un lungo lavoro per la polizia scientifica

Gli uomini dei pubblici ministeri tirano fuori uno ad uno i corpi dalle loro valigie e cercano di trovare elementi per identificarli e scoprire le circostanze della loro morte.

“I primi sei corpi hanno segni di ferite da arma da fuoco, l’altro ha schegge. A volte ci sono solo parti del corpo, sono stati uccisi per strada o quando hanno cercato di fuggire con la loro auto”, ha detto il procuratore di Bucha Ruslan Kravchenko.

L’identificazione dei corpi potrebbe richiedere diversi giorni in più. Centinaia di corpi rimangono nella fossa comune.

Molti corpi di civili sono stati trovati a Boutcha all’inizio di aprile, a volte legati per le strade di diverse città alla periferia della capitale. Un massacro descritto come “crimini di guerra” da Volodymyr Zelensky.

Jérémie Paire e Joâo Alencar con Juliette Desmonceaux

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Vernon.  Rockin’1000: dopo due anni di attesa, Fabio Puzzo canta allo Stade de France

Vernon. Rockin’1000: dopo due anni di attesa, Fabio Puzzo canta allo Stade de France

Il rublo in buone condizioni, ma l’impostazione predefinita è in agguato

Il rublo in buone condizioni, ma l’impostazione predefinita è in agguato