in

In un paese diviso, Sarajevo commemora 30 anni di assedio con gli occhi puntati sull’Ucraina

Trent’anni fa, il 6 aprile 1992, iniziava l’assedio di Sarajevo, il più lungo della storia moderna. Per più di tre anni e mezzo, i 360.000 abitanti sono rimasti intrappolati sotto il fuoco delle forze serbo-bosniache e sono stati osservati da tutto il mondo. Tre decenni dopo, le immagini delle vittime della guerra in Ucraina rivivono questo trauma mentre il Paese continua a essere devastato dalle minacce di secessione.

Il 6 aprile 1992, giorno del riconoscimento dell’indipendenza della Bosnia ed Erzegovina da parte della Comunità Europea, migliaia di cittadini provenienti da tutto il Paese si sono radunati a Sarajevo e hanno chiesto la pace. Croati, serbi, bosniaci si radunano per strada. Ma dal tetto dell’hotel Holiday Inn, i nazionalisti serbi hanno aperto il fuoco sulla folla. La città cade quindi sotto un assedio che durerà 44 mesi, fino al febbraio 1996. Dalle alture le forze serbo-bosniache bombardano la capitale, i cecchini sparano contro gli abitanti assediati e viene stabilito un blocco completo.

Trent’anni dopo, le immagini di questo assedio, che aveva sconvolto il mondo, sono impresse nella memoria di tutti. In occasione delle commemorazioni ea pochi giorni dal ritrovamento, dopo il ritiro delle truppe russe, di numerosi cadaveri nella città ucraina di Boutcha, le autorità locali non hanno mancato di tracciare un parallelo con l’attuale conflitto.

“Ciò che non si era fermato in Bosnia negli anni ’90 sta diventando ancora più visibile in Europa e nel mondo”, ha lamentato martedì il sindaco di Sarajevo Benjamina Karic alla cerimonia ospitata presso la Biblioteca Nazionale, simbolo della devastazione commessa durante l’assedio, ora ricostruita . “Quello che pensavamo appartenesse alla storia del disonore umano torna sulla scena attraverso la brutalità, la distruzione e l’ideologia fascista, vestito con abiti nuovi”, aggiunge Benjamina Karic, che aveva un anno nell’aprile 1992.

Le torri gemelle di Sarajevo distrutte dai bombardamenti, il 6 giugno 1992.
Le torri gemelle di Sarajevo distrutte dai bombardamenti, il 6 giugno 1992. Georges Gobet, AFP

“Una feroce volontà di resistere e sopravvivere”

Durante l’assedio di Sarajevo, le forze serbo-bosniache hanno ucciso più di 11.500 persone, inclusi 1.600 bambini e adolescenti, e ne hanno ferite più di 50.000. Per Henry Zipper de Fabiani, ricercatore associato all’Iris e specialista nei Balcani, l’assedio ha poi segnato “il duro risveglio di un’Europa gelata dalla cortina di ferro e dall’opposizione Est-Ovest e l’improvviso ritorno in campo di una guerra di indicibile crudeltà “. Per questo ex ambasciatore, questo conflitto ha segnato in particolare i Paesi occidentali di “ammirazione per il comportamento molto dignitoso ed eroico del popolo di Sarajevo che all’epoca non voleva essere ridotto allo stato delle belve”. Le immagini degli uomini e delle donne che corrono sotto i proiettili in “Sniper Alley” per mettersi al lavoro o della vita artistica che è continuata sotto i bombardamenti sono rimaste così vivide nella nostra mente.

I residenti di Sarajevo corrono per sfuggire al fuoco dei cecchini, il 20 giugno 1992.
I residenti di Sarajevo corrono per sfuggire al fuoco dei cecchini, il 20 giugno 1992. Christophe Simon, AFP

Questo comportamento è una delle somiglianze osservate da: Loic Tregoures, dottore in scienze politiche e membro dell’Osservatorio dei Balcani, dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Per trent’anni di seguito, l’attuale conflitto ha anche smascherato “le file, le persone che si nascondono nei sotterranei, l’incredulità quando inizia e la feroce volontà di resistere e sopravvivere”.

“Un conflitto locale che presto è diventato internazionale”

Ma per la storica Anne Madelain, ricercatrice presso il Centro di ricerca Europa-Eurasia dell’Inalco, non dovremmo cadere nella trappola del confronto. “L’assedio di Sarajevo è avvenuto nel contesto di un Paese che è andato in pezzi con la dislocazione della Jugoslavia. L’Ucraina è indipendente da trent’anni. Non è la stessa configurazione”, osserva questo specialista balcanico. “Non siamo nemmeno nello stesso contesto tecnologico. Nel 1992 eravamo prima dell’era di Internet. Sarajevo era una città isolata, senza posta né comunicazioni. I giornalisti che c’erano allora erano le uniche fonti di ‘informazione’, il il ricercatore dice. .

Tuttavia, lo storico rileva un possibile paragone con l’attuale Ucraina, quello di “un conflitto locale che divenne presto internazionale”. All’epoca, già nel luglio 1992, l’ONU aveva istituito un ponte aereo per fornire aiuti umanitari. Ma per tre anni e mezzo la comunità internazionale è sembrata incapace di porre fine alle violenze perpetrate, in particolare, contro i civili. “Il sistema delle Nazioni Unite era inappropriato, ma è stato deciso nel contesto delle fasi precedenti della disgregazione della Jugoslavia. Eravamo nel mezzo di una fase di cambiamento. Gli americani credevano anche che fosse un problema per gli europei e che la NATO dovesse non essere coinvolti perché la sua dottrina era allora esclusivamente la difesa del territorio dei suoi paesi membri. È stato necessario adattare questa dottrina e creare la Rapid Action Force (FAR) per supportare la Forza di protezione degli Stati Uniti e quindi sostituire le Nazioni ( UNPROFOR)”, riassume Henry Zipper de Fabiani.

Una donna anziana attende in un'auto colpita da colpi di arma da fuoco prima di lasciare Sarajevo, il 10 novembre 1992.
Una donna anziana attende in un’auto colpita da colpi di arma da fuoco prima di lasciare Sarajevo, il 10 novembre 1992. Patrick Baz, AFP

Nel 1995 la NATO, con il sostegno delle Nazioni Unite, ha effettuato attacchi mirati alle postazioni dell’esercito della Repubblica Serba di Bosnia. Alla fine hanno portato a un cessate il fuoco e alla firma nel dicembre 1995 a Parigi degli accordi di pace di Dayton. Da allora il Paese è governato da due entità diverse: la Federazione di Bosnia ed Erzegovina e la Repubblica Serba di Bosnia (Republika Srpska), senza dimenticare il distretto di Brcko, a nord, a statuto speciale. A più di venticinque anni dalla fine della guerra, le tensioni tra le varie comunità sono ancora alte.

“Un rischio di separazione”

Nel dicembre 2021 il parlamento serbo-bosniaco ha così posto le prime basi per quello che sembra essere un processo di secessione dall’entità serba del Paese, portando avanti le minacce del leader separatista Milorad Dodik, il serbo eletto alla presidenza tripartita della Bosnia ed Erzegovina. I parlamentari hanno dato un termine di sei mesi per organizzare la partenza dei serbi da tre istituzioni cruciali di questo Stato centrale già mal equipaggiato: l’esercito, la giustizia e le tasse.

“Dovrebbe esserci una risposta dalle istituzioni a giugno e siamo in una situazione di relativa stallo con il rischio di una secessione sostenuta dalla Russia, sempre più preoccupata per la geopolitica dei Balcani”, ha affermato la storica Anne Madelain. “Questo è il vero pericolo. Una situazione in cui altri giocatori internazionali intervengono e seminano la divisione”. Dal canto loro, i nazionalisti croati bosniaci guidati da Dragan Covic difendono una riforma elettorale volta a rafforzare il carattere etnico del voto. I negoziati su questa riforma alla fine sono falliti il ​​20 marzo, ma i nazionalisti croati e serbi ora minacciano di boicottare le elezioni del 2 ottobre, che rinnoveranno i parlamenti di tutte le entità del Paese.

Per Loïc Trégourès il futuro è incerto. “Nessuno sa dove potrebbe portare” e la popolazione “teme il deterioramento della situazione politica locale”, analizza. Tuttavia, secondo questo specialista balcanico, non dovremmo guardare troppo indietro: “Una guerra non accade mai più allo stesso modo. Se la anticipiamo – qualcosa che sarà simile a quello che abbiamo visto 30 anni fa – ci sbagliamo”.

Intanto Sarajevo, che continua a leccarsi le ferite, oggi pensa alle città ucraine assediate. “Da questa città, simbolo di resistenza, diciamo che non dobbiamo mai perdere la speranza e rinunciare alla lotta per un futuro migliore”, ha lanciato il sindaco Benjamina Karic durante le commemorazioni del 30e anniversario dell’inizio dell’assedio. “Abbandonata da quasi tutti, senza armi, senza elettricità, senza acqua, senza cibo, senza gas, Sarajevo non si è mai arresa”, ricorda.

Una donna prega sulla tomba di uno dei suoi parenti in un cimitero di Sarajevo mentre la città è sotto assedio, 19 ottobre 1992.
Una donna prega sulla tomba di uno dei suoi parenti in un cimitero di Sarajevo mentre la città è sotto assedio, 19 ottobre 1992. Gerard Fouet, AFP


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Bruce Willis malato: le nove donne della sua vita unite nel dolore

con WiFi 6E, la nuova scatola Orange si concentra sull’utilizzo odierno