in

Influencer russi diffondono un falso video “Figaro” che mostra i negozi Chanel con adesivi di Hitler – Liberazione

Guerra tra Ucraina e Russiafile

Scontenti del fatto che il marchio del lusso non possa più acquistare borse a causa delle sanzioni, gli influencer hanno inviato una falsa segnalazione timbrata “Le Figaro”, portandoli a credere che i negozi fossero deteriorati.

Dopo la pubblicazione sui social della testimonianza di una donna russa che le assicura che a causa della sua nazionalità non poteva comprare una borsa Chanel in un negozio di Dubai, altri ricchi concittadini, seguiti da migliaia di abbonati, stanno condividendo video per protestare contro questo “discriminazione”† Vengono visti inseguire il marchio di lusso francese facendo a pezzi le loro borse.

Ma da mercoledì, un altro video è stato condiviso da alcune di queste influencer, come Victoria Bonya, seguite da oltre 9 milioni di persone. Condivide un video con il logo di “Figaro Live”, il formato video della figaro. In quello che sembra essere un rapporto del quotidiano francese, diversi striscioni di testo affermano che: “Domenica sono apparsi adesivi con l’immagine di Hitler su tutti gli edifici degli uffici e delle boutique di Chanel a Parigi. Invece di una faccia, il leader nazista ha il logo di Chanel. Questa è probabilmente un’allusione al recente scandalo che ha coinvolto i clienti russi di Chanel. Chanel ha recentemente rifiutato di vendere vestiti alle donne russe nelle sue boutique a Dubai e Parigi a causa delle sanzioni. Funzionari e giornalisti russi hanno definito il rifiuto di vendere vestiti basati sull’etnia un’espressione di xenofobia. Tra il 1942 e il 1943, Chanel fu l’amante della spia tedesca Gunther von Dinklage. Nel 2015 abbiamo scoperto documenti che mostravano che Chanel era un informatore dei nazisti.

Le foto che mostrano gli adesivi del volto di Hitler con il logo del brand compaiono anche in questo tweet di un giornalista di Mosca, evocando le stesse motivazioni. Il passato nazista di Coco Chanel è stato oggetto di numerosi articoli di stampa a causa della sua relazione romantica con un diplomatico nazista durante la seconda guerra mondiale.

Su Twitter, Le Figaro nega di essere dietro al video condiviso dall’influencer russa e denuncia “una pubblicazione ingannevole, progettata con fotomontaggi, che distrae scandalosamente la nostra carta grafica”.

Contattato da CheckNews, il marchio di lusso Chanel afferma anche che le immagini delle facciate dei suoi negozi sono ricoperte di adesivi “provengono dai fotomontaggi” e che il “i negozi non sono stati taggati. È chiaramente un notizie false. Condanniamo fermamente queste immagini scandalose veicolate sui social network, che usurpano anche l’identità di un media [le Figaro, ndlr] CheckNews ha contattato i dipendenti di due negozi Chanel vicini che affermano anche di non aver visto graffiti.

Il brand aveva precedentemente giustificato il divieto di vendita dei propri prodotti ai clienti russi, che potevano recarsi nel proprio paese di origine spiegando che “Le più recenti leggi sulle sanzioni dell’UE e della Svizzera vietano la “vendita, fornitura, trasferimento o esportazione, direttamente o indirettamente, di beni di lusso a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità o organismo in Russia o per l’uso in Russia”. Abbiamo implementato una procedura per chiedere ai clienti la cui residenza principale non ci è nota di confermare che gli articoli che acquistano non verranno utilizzati in Russia”.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Rivelazione scioccante sul comportamento dei Lakers nel bel mezzo di una partita

due scatole velocissime, una partita di caratteristiche