in

Intervista a Josée di Stasio prima dell’uscita del suo nuovo libro “I miei quaderni stagionali”

Questo testo fa parte del libro speciale Plaisirs

Viene lanciato l’intrattenitore culinario preferito dai Quebecers, Josée di Stasio I miei diari stagionali. Primavera estate, giusto in tempo per accogliere a braccia aperte la bella stagione. Freschezza, verde e profumo di fiori si uniscono alla stessa tavola.

È primavera ed è estate

Per celebrare le belle giornate che finalmente tornano, I miei diari stagionali. Primavera estate presentare ricette fresche e colorate, mettendo in mostra i raccolti che arrivano uno ad uno sulle bancarelle del mercato. Il libro comprende anche un capitolo dedicato ai fiori, fiori che profumano la casa e impreziosiscono le nostre tavole con la loro delicata bellezza.

Come al solito, l’attenzione ai dettagli dei libri di Josée di Stasio è molto presente. Circondati dalla bellezza, le sue ricette infallibili invitano il lettore a meravigliarsi, a leggere il suo libro dall’inizio alla fine come un romanzo. C’è anche qualcosa di poetico nel suo modo di descrivere i piatti e di dare consigli culinari. Possiamo persino sentire la sua voce che recita gli ingredienti e ci guida attraverso le fasi di preparazione, come se fosse al nostro fianco.

“Penso che sia importante avere ricette molto semplici, come un’insalata di pesche e prosciutto, piuttosto che ricette più elaborate”, confida. Non vogliamo che i lettori si sentano come se dovessero esibirsi in cucina o che tutto sia perfetto. Inoltre, quelli che ricevono il meglio sono quelli che sono un po’ di più fresco, che si prendono il tempo per essere lì. †

Facilmente

Dal suo primo ricettario,Alla di Stasio, Josée ha presentato ricette semplici, realizzate con ingredienti di qualità, come la cucina italiana. Ha perfezionato questa firma sin dal suo inizio. “Quando ero giovane, non sapevo cosa avrei fatto da grande”, dice. Mi sono detto che un giorno mi sarebbe piaciuto pubblicare un libro. Ma per me non era un lavoro, era vago, era più un progetto. Quando inizia a lavorare come food stylist, il progetto del libro diventa un po’ più concreto. Ospitare un programma di cucina aiuta anche a realizzarlo e, soprattutto, farlo a modo tuo.

questo 6e book raccoglie le ricette più apprezzate sul suo sito web, insieme a nuove creazioni ispirate alla primavera e all’estate. “Il tema nasce da a sentimento,,Inutile dire che non ci sediamo attorno a un tavolo per scegliere quello,’ spiega. Poi il colore viene da me, il vestirsi, poi vogliamo portare questa luce alle persone. †

Circondati di magia

Una volta che il tema e le ricette sono stati scelti, testati e scritti, è il momento di fotografarli. “I giorni fotografici sono i miei giorni preferiti da libro di cucina”, dice. È qui che prende forma il vero colore del libro, dove avviene la magia. Cerchiamo la luce, l’atmosfera e ci sistemiamo nell’ambiente desiderato. †

Da allora Il taccuino rosso, Josée di Stasio collabora con l’artista e fotografo multidisciplinare Dominique T. Skoltz. “È stata lei a contattarmi qualche anno fa”, dice. Aveva messo le foto in un taccuino Moleskine rosso, come il mio taccuino! Abbiamo bevuto il caffè, e poi la complicità si è sviluppata immediatamente. †

Nella direzione artistica, Annie Lachapelle, dell’Atelier Chinotto, disegna il visual del libro. “La grafica richiede la stessa sensibilità della fotografia”, spiega. Inoltre, mi piace che i libri siano senza tempo, che non siano troppo trendy, quindi durino a lungo. Secondo lei, il suo piccolo team di grandi talenti ha il dono di realizzare questo tipo di libro di oggetti, il tipo di lavoro che sfogliamo come un libro fotografico o un’architettura.

Da vedere in video

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“guardiamo alla partita che ha più interesse sportivo”, M6 giustifica le sue scelte di programmazione!

La Russia chiude gli uffici locali di Amnesty International e Human Rights Watch