in

la banca Michel Inhauspé oggetto di un’indagine preliminare

Soggiornare nei palazzi

La granata è stata lanciata da un ex…

Soggiornare nei palazzi

La granata è stata rilasciata da un ex dipendente, licenziato nel 2020 e ancora in conflitto con la banca. In una lettera inviata a diversi funzionari di banca dopo le sue dimissioni, Pierre Burton, un ex contabile, ha sollevato una serie di lamentele, che sono state inviate anche ai tribunali. In particolare indica 170.000 euro di spese sostenute dall’amministratore delegato con la sua tessera personale, per le quali il commercialista giura di non aver potuto ottenere fattura o prova. In particolare, tra queste spese rimborsate dalla banca, c’erano quasi 70 voli tra Biarritz e Parigi, Londra o gli Stati Uniti e una trentina di soggiorni in palazzi parigini ed europei. Il commercialista ha anche riferito di viaggi in aereo privato pagati da Bami. Come lo spieghi per una banca con influenza prevalentemente regionale, con 12 filiali sparse nel sud-ovest, tra Biarritz, Lourdes e Bordeaux?

“Il dipendente che abbiamo licenziato per colpa grave ha minacciato di rivelarci cose se non avessimo ottemperato alla sua richiesta di risarcimento”

“Siamo molto controllati. I revisori hanno certificato i nostri conti senza qualifica. Certo puoi cercare di essere più che perfetto, ma credo che gli estratti conto della mia carta siano stati sufficienti”, risponde Jean-Paul Inchauspé, rifiutando che certe spese possano essere di natura personale, anche se durante alcuni viaggi ci ha provato per “ottimizzare il suo tempo”. Quanto ai soggiorni nei palazzi, sostenendo che questi costi coprivano cinque anni, dice che sono una questione di “rappresentanza”. “Sono il primo commerciale della banca”, assicura il capo dello stabilimento, che riporta su una clientela internazionale e precisa che “un consiglio di amministrazione su due si tiene a Parigi”.

L’amministratore delegato nega anche che i lavori di due dei suoi fratelli siano incoerenti. C’è da dire che a Saint-Jean-Pied-de-Port, culla della famiglia Inhauspé, uno dei fratelli, Vincent, membro del consiglio di amministrazione e impiegato della banca, è noto soprattutto per la gestione… della famiglia negozio di biancheria da letto. Jean-Paul Inhauspé non vuole commentare la natura della posizione di suo fratello.

Contattato, l’interessato che confessa di non avere da parte sua una e-mail professionale per rivolgersi in particolare alla ‘clientela americana’ della banca. “I computer mi permettono di lavorare ovunque”, spiega, assicurando che il negozio di biancheria “non è una priorità” per lui. “Non è che ho lavorato alla BNP. Faccio parte della famiglia, mi dà più libertà di movimento”, spiega.

“Un periodo doloroso”

Riferendosi al periodo in cui è stato alle dipendenze della banca, il secondo fratello che non ricopre più un incarico al Bami segnala “un periodo doloroso in cui non è né bianco né nero” ma sul quale non vuole dilatarsi.

“Il dipendente che abbiamo licenziato per colpa grave ha minacciato di rivelarci delle cose se non avessimo ottemperato alla sua richiesta di risarcimento. Le sue affermazioni erano piene di errori. Quando siamo caduti in un’imboscata, siamo rimasti molto sorpresi. Abbiamo quindi presentato una denuncia per ricatto”, afferma Jean-Paul Inchaspé. È stata aperta anche un’inchiesta. L’avvocato dell’ex dipendente, sig.e Da parte sua, Xavier Terquem assicura che il suo cliente “è stato licenziato dopo aver sollevato la questione delle accuse. Ha agito in modo trasparente. Potrebbe nascondere le informazioni che conosceva? Quest’anno è prevista un’udienza davanti al tribunale del lavoro.

La Bami è stata fondata nel 1970 dall’uomo d’affari e politico basco Michel Inhauspé, dopo un dissidio all’interno di una famiglia che dal 1945 aveva ampliato la sua attività commerciale di tessuti fino a includere un’attività bancaria.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Chi sono le figlie di Putin, sanzionate da Londra, Bruxelles e Washington?

Il Siviglia vuole rimettersi in carreggiata contro il Granada in difficoltà