in

“La risposta alla sicurezza di Naftali Bennett è preoccupante”

Almeno tre persone sono rimaste uccise in una sparatoria a Tel Aviv giovedì. Questo è il quarto attacco mortale in Israele in meno di tre settimane. Abbastanza per temere uno scoppio di violenza mentre il paese celebra sia il Ramadan che la Pasqua ebraica.

Giovedì 7 aprile, le strade di Tel Aviv, in Israele, sono state teatro del caos. Un uomo, un palestinese della Cisgiordania, ha aperto il fuoco in Dizengoff Street, nel cuore della città, uccidendo almeno tre persone. Alla fine è stato ucciso dalle forze di sicurezza dopo una caccia all’uomo di diverse ore.

Questo attacco è il quarto nel Paese in meno di tre settimane. La serie oscura è iniziata il 22 marzo, quando un beduino di origine israeliana ha pugnalato e speronato a morte quattro persone nella città meridionale di Beersheba. Il 27 marzo due cugini arabi israeliani hanno aperto il fuoco nella città costiera di Hadera. Ben presto, le due indagini hanno rivelato legami tra gli aggressori e il gruppo dello Stato Islamico (OEI).

Gli ultimi due attacchi, il 29 marzo alla periferia di Tel Aviv e giovedì, sono stati perpetrati da due palestinesi di Jenin, nella Cisgiordania occupata. Un’area considerata una roccaforte delle fazioni armate palestinesi.

Almeno 14 persone sono state uccise in questi quattro attacchi. Il bilancio la rende la peggiore ondata di attacchi dall’Intifada del coltello, una serie di accoltellamenti che hanno ucciso circa 270 persone, israeliani e palestinesi nel 2015 e nel 2016.

Di fronte a queste violenze, il governo di Naftali Bennett ha reagito con decisione, annunciando venerdì che avrebbe dato “carta bianca” alle forze di sicurezza per “sconfiggere” questa “nuova ondata di terrore”.

Hugh Lovatt, specialista in Medio Oriente presso il Consiglio europeo per le relazioni esterne, con sede a Londra, torna per France 24 alle origini di questi attacchi. Secondo lui, fanno parte di un “ciclo di violenze” che va avanti da anni nella regione.

Francia 24: come spiega l’aumento degli attacchi in Israele nelle ultime tre settimane?

Hugh Lovatt ci sono diversi fattori che possono spiegare questa situazione ed è abbastanza difficile in questa fase determinare se qualcuno di loro abbia prevalso. Presumibilmente è una combinazione di ragioni individuali, locali e religiose.

L’attacco del 22 marzo è stato perpetrato da un beduino israeliano nella regione del Negev. Tuttavia, questa zona è stata teatro di conflitti con il governo per diversi mesi. I beduini chiedono il riconoscimento di alcuni villaggi che lo stato vorrebbe trasferire. Impossibile sapere cosa l’abbia realmente innescato, ma questo contesto gioca sicuramente un ruolo.

Allo stesso modo, è difficile determinare i motivi precisi degli aggressori palestinesi, ma le cause della loro rabbia possono essere molteplici: la colonizzazione della Cisgiordania continua e una quindicina di palestinesi sono stati uccisi in varie circostanze, sia a Gerusalemme che a Gerusalemme. Cisgiordania dall’inizio dell’anno. Inoltre, gli aggressori provengono dalla regione di Jenin, nel nord della Cisgiordania, roccaforte della resistenza. I ripetuti attacchi delle truppe israeliane hanno inevitabilmente un impatto sull’opinione pubblica. Se aggiungi un fattore individuale a questo, ad esempio essere umiliato quando si attraversa il confine o essere rifiutato l’ingresso da qualche parte, può incendiare la polvere da sparo.

A Beer Sheva e Hadera gli aggressori sono legati allo Stato islamico. Ma l’ultimo attacco rivendicato dal gruppo nella regione risale al 2017. Cosa rappresenta oggi nella regione e potrebbe prevedere una rinascita?

In realtà, gli aggressori in questione sono individui radicalizzati che si ispirano all’ideologia del gruppo dello Stato Islamico e che si identificano con questo movimento. Ma secondo i vari elementi a nostra disposizione, non hanno ricevuto alcun aiuto esterno. Quindi no, non vedo questi attacchi come una prova di una rinascita dell’IS nella regione.

Devi sapere che il gruppo non è del tutto assente dalla regione, ma è un giocatore molto marginale. È anche del tutto impossibile che questi attacchi siano il risultato di un’alleanza tra IS e movimenti palestinesi. Non per niente i gruppi palestinesi non hanno alcun interesse per la comparsa dell’IS nella regione. È lo stesso da parte di Hamas. IS è considerata una forza nemica.

Insomma, tutti – Israele, le autorità palestinesi e Hamas – stanno lavorando per combattere l’espansione dell’IS nella regione. L’unico posto in cui il gruppo islamista può trovare alleati è a Gaza, e questo rimane molto limitato.

Il governo di Naftali Bennett ha perso la maggioranza in parlamento, la Knesset, mercoledì. Questi vari attacchi potrebbero promuovere un ritorno al potere di Benjamin Netanyahu?

Sicuro. Già perché questa serie di attacchi acquisterà chiaramente importanza nell’opinione pubblica. Soprattutto perché giovedì si è svolto nel cuore del centro di Tel Aviv, in una strada molto trafficata, il giorno prima del fine settimana.

Non va dimenticato che Benjamin Netanyahu, durante i suoi 12 anni al potere, si è sempre atteggiato a protettore dello Stato israeliano e spesso si è vantato dei suoi beni di sicurezza. A causa dell’effetto rimbalzo, questi attacchi creano quindi l’impressione di un fallimento della sicurezza per la coalizione Naftali Bennett. Sappiamo che altri membri della coalizione di Bennett sono riluttanti a cambiare lato. Questi eventi possono quindi dare loro una spinta. Non è un caso che questo venerdì scorso abbia reagito in modo molto deciso, dando carta bianca alle forze dell’ordine.

Entro il 2021, gli scontri durante questo periodo di Ramadan avevano portato a una guerra di 11 giorni tra Hamas e Israele. Teme che questi attacchi portino a un’ulteriore escalation delle tensioni nella regione?

A mio avviso, questi attacchi non sono sorprendenti. Fanno parte di un ciclo di violenze che va avanti da anni, con gli attacchi che arrivano a ondate e la tensione che si placa da sola dopo poche settimane. Questa è solo la prova che lo status quo regionale non funziona a lungo termine.

Anzi, in questo caso particolare, tutto è aggravato anche dall’arrivo del periodo del Ramadan, periodo sempre propizio alla tensione. Ma secondo me il pericolo più grande è che questi attacchi ne conducano ad altri, in una sorta di mimetismo terroristico, fino a quando la situazione non si sarà calmata da sola.

L’anno scorso Hamas è entrato in guerra proprio perché voleva uscire da questo status quo. Questa volta non ha alcuna volontà di escalation, è indebolito e strategicamente perso. Certo, lui e la Jihad islamica hanno accolto con favore l’attacco di giovedì, ma generalmente sono rimasti in disparte. E lo stesso Mahmoud Abbas ha condannato gli attacchi, il che è una rarità.

Tuttavia, la risposta alla sicurezza di Naftali Bennett mi preoccupa. Ha deciso di limitare i viaggi tra la Cisgiordania e Israele. D’altra parte, se andasse ancora oltre e li bandisse dalla moschea di Al-Aqsa nel bel mezzo del Ramadan, potrebbe intensificare le tensioni regionali e incendiare la polvere da sparo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Gran Premio Hassan II: La caduta dei Titani

Chi saranno i miliardari francesi più ricchi nel 2022?