in

La sfida di Volodymyr Zelensky al Consiglio di sicurezza dell’ONU

Martedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a riformare o sciogliersi, adducendo il suo fallimento nel mantenere la pace. Con cinque membri permanenti di veto, inclusa la Russia, questo sistema della Seconda Guerra Mondiale sta ora mostrando i suoi limiti. decrittazione.

Volodymyr Zelensky non ha usato mezzi termini martedì 5 aprile, mentre ha pronunciato il suo primo discorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dall’inizio dell’invasione della Russia da parte del suo paese. Il presidente ucraino, vestito con la sua ormai distintiva uniforme militare, ha sottolineato l’incapacità del corpo principale del mondo di adempiere alla sua missione di mantenere la pace e la sicurezza internazionale.

“Puoi escludere la Russia come aggressore dietro la guerra in modo che non blocchi le decisioni sulla propria aggressione”, ha detto Volodymyr Zelensky. “Oppure, se non ci sono alternative, la prossima opzione sarebbe lo scioglimento definitivo”.

Volodymyr Zelensky ha pronunciato il discorso il giorno dopo la sua visita di alto profilo a Buchha, dove accusa le truppe russe di aver commesso “crimini di guerra” e “genocidio” mentre occupavano la città a nord-ovest di Kiev.

Ha chiesto ai 15 Stati membri dell’organo esecutivo dell’Onu di escludere la Russia dal Consiglio di sicurezza e di riformare il sistema delle Nazioni Unite in modo che “il diritto di veto non significhi diritto a morire”. Prima di mettere in guardia: “Se continua così, i Paesi potranno contare solo sulla forza delle proprie forze armate per garantire la propria sicurezza, e non più sul diritto internazionale, sulle istituzioni internazionali”, e “le Nazioni Unite non avrebbero più chiudere.”

La guerra in Ucraina ha messo in luce ancora una volta i difetti del più importante organismo di sicurezza del mondo, in cui cinque membri permanenti – Cina, Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Russia – hanno il potere di bloccare il voto sulle risoluzioni. Inoltre, i dibattiti che circondano questo sistema delle Nazioni Unite e le sue proposte di riforma sono stati numerosi sin dalla sua creazione dopo la seconda guerra mondiale.

Espandi la cerchia dei membri permanenti

Il potere di veto, che è alla radice di gran parte delle attuali difficoltà del Consiglio di Sicurezza, fu introdotto alla conferenza di San Francisco del 1945, che doveva gettare le basi per le Nazioni Unite creando un successore della Società delle Nazioni (LON), che si dimostrò impotente a prevenire la seconda guerra mondiale.

Nelle conversazioni con il leader sovietico Joseph Stalin, l’allora presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt ha sostenuto che il potere di veto dovrebbe essere limitato a un numero limitato di paesi con la manodopera necessaria per le spedizioni militari. Secondo Roosevelt, il consenso – più facile da trovare con un ristretto gruppo di paesi – dovrebbe consentire al nuovo Consiglio di sicurezza di superare i problemi della Società delle Nazioni.

“Ma due anni dopo la fondazione delle Nazioni Unite, iniziò la Guerra Fredda, e fu la fine del consenso che Roosevelt stava cercando di raggiungere con Stalin in quel momento”, spiega Yves Doutriaux sulla Francia 24 Yves Doutriaux, ex vice ambasciatore francese in Francia l’ONU.

Tuttavia, la fine della Guerra Fredda non permise di superare gli ostacoli. Dal 2010 la Russia, spesso associata alla Cina, ha usato il suo veto 23 volte, principalmente nel conflitto siriano. Rispetto allo stesso periodo, gli Stati Uniti lo hanno utilizzato solo quattro volte, principalmente sulla “questione palestinese”. Il Regno Unito e la Francia non esercitano il loro potere di veto dal 1989.

Oltre alla questione del veto, potenze emergenti come India, Brasile e Sud Africa sostengono che limitare il Consiglio di sicurezza a cinque membri permanenti non riflette il cambiamento degli equilibri di potere nel mondo o nella popolazione.

Come ha sostenuto l’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Samantha Power nel 2009, i cinque membri permanenti inizialmente rappresentati erano:Il 40% della popolazione mondiale, rispetto al 29% di oggi.

Tra le proposte di riforma troviamo inviti ad estendere il Consiglio ai paesi più popolosi del mondo – India, Brasile o anche Indonesia – o ad includere uno o più paesi africani – Nigeria, Etiopia o Egitto.

Difficoltà di una “alleanza globale” che “protegge il mondo libero”

Tuttavia, la guerra in Ucraina ha dimostrato che molti aspiranti al Consiglio di sicurezza non sono riusciti a unirsi a una “alleanza globale che unisce le democrazie” e “protegge il mondo libero”, come spiegano Michael Beckley e Hal Brands in un articolo per la rivista statunitense Foreign.business.

Molti di loro non hanno partecipato alla condanna dell’aggressione russa e alla violazione della sovranità da parte dell’Ucraina. Né hanno risposto alle richieste degli Stati Uniti e dell’UE di imporre sanzioni a Mosca.

Circa 35 paesi, tra cui India e Sud Africa, si sono astenuti il ​​3 marzo al voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’invasione dell’Ucraina. Mentre la risoluzione è stata approvata a stragrande maggioranza (141 voti su 193 Stati membri), 16 paesi africani con stretti legami con la Russia si sono astenuti.

La dipendenza dall’equipaggiamento militare russo a buon mercato e la simpatia per Mosca durante le lotte anticoloniali e anti-apartheid spiegano in una certa misura la maggior parte di queste astensioni. La Russia ha anche sfruttato il sentimento anti-occidentale in diversi paesi dell’Africa, dell’Asia meridionale e dell’America Latina, attaccando paesi come l’India, il Pakistan, il Mali e la Repubblica Centrafricana con campagne di disinformazione.

Nessun consenso, nessuna riforma

Ad esempio, la posizione dell’India è ambigua riguardo all’invasione dell’Ucraina. New Delhi ha rifiutato più volte di condannarla, ma il suo disagio per le azioni della Russia è evidente nelle sue forti dichiarazioni all’ONU che chiedono “rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale degli stati” – senza tuttavia menzionare Mosca.

>> Da leggere anche: Guerra in Ucraina: l’India intrappolata dalla vicinanza alla Russia

Per l’India così come per altri paesi, questo atto di equilibrio si basa non solo sulla dipendenza dalle armi russe, ma anche su un debito diplomatico per il passato sostegno di Mosca al Consiglio di sicurezza su questioni relative agli interessi di politica estera e regionale di Nuova Delhi.

Nella tradizione diplomatica delle Nazioni Unite, gli Stati membri dell’Assemblea Generale di solito si allineano con uno dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. Questi porranno il veto a qualsiasi risoluzione diretta contro di loro in cambio di vantaggi diplomatici, economici o di sicurezza.

Mentre la maggior parte dei membri permanenti sostiene ufficialmente l’espansione, in pratica la mossa è stata bloccata dietro le quinte dai detentori del veto e dalle rivalità geopolitiche.

“Il Consiglio di sicurezza è stato bloccato apposta perché le Nazioni Unite sono state costruite in questo modo”, osserva Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch (HRW). “La riforma del Consiglio di sicurezza è all’ordine del giorno da molto tempo, ma non può arrivare da nessuna parte se i cinque membri permanenti non sono d’accordo. Ma non c’è consenso su questo tema”.

Organi dell’Onu attivi nonostante il Consiglio di Sicurezza ‘in stallo’

Tuttavia, il capo di HRW mette in guardia contro le critiche eccessive che renderebbero il sistema delle Nazioni Unite un sistema fallimentare. “Il Consiglio di sicurezza potrebbe trovarsi in una situazione di stallo, ma gli altri organi delle Nazioni Unite stanno riuscendo ad agire all’interno dei loro confini”, spiega Kenneth Roth. Cita, ad esempio, il voto dell’Assemblea Generale che condanna l’invasione dell’Ucraina, così come le attività di organismi come la Corte penale internazionale (CPI) e il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (CDH).

Come segno della sua attività, giovedì 7 aprile l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani per “violazioni e violazioni palesi e sistematiche dei diritti umani” in Ucraina. Circa 93 hanno votato a favore della sospensione, 24 paesi hanno votato contro e 58 si sono astenuti, inclusa l’India.

Tuttavia, New Delhi ha indurito la sua posizione e condannato esplicitamente all’inizio della settimana i “rapporti di omicidi di civili a Boutcha” e ha sostenuto le richieste di un’indagine indipendente, richiesta anche dall’Ucraina.

Mosca, dal canto suo, aveva avvertito alcuni membri dell’Assemblea generale dell’Onu che le astensioni oi voti positivi sulla risoluzione sarebbero stati considerati un “gesto ostile” con implicazioni per le relazioni bilaterali. Dopo il voto, il portavoce del Cremlino ha avvertito che la Russia “continuerà a difendere i propri interessi con ogni mezzo legale”.

Sebbene la Russia abbia il controllo sul Consiglio di sicurezza con il suo potere di veto, le azioni della maggior parte degli Stati membri delle Nazioni Unite, così come dei singoli governi, assicurano che, sebbene non tutti i membri siano uguali nel sistema delle Nazioni Unite, rispettino i principi di uguaglianza e giustizia.

Articolo tradotto dall’inglese da Jean-Luc Mounier. L’originale può essere letto qui.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

chi è Ketanji Brown Jackson, la prima donna di colore nominata alla Corte Suprema?

In Canada, l’approvazione del progetto petrolifero offshore Bay du Nord è furiosa con gli ambientalisti