in

la strategia a breve termine dell’AIE per sostituire il petrolio russo

la strategia a breve termine dell’AIE per sostituire il petrolio russo
la strategia a breve termine dell’AIE per sostituire il petrolio russo

Come calmare il prezzo di un barile di petrolio e sostituire il greggio russo? Rifornindo il mercato di barili dalle azioni, i paesi dell’OCSE hanno risposto il 1 aprile sotto gli auspici dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE), che li fornisce consulenza sulla politica energetica. Giovedì sera l’agenzia ha precisato i dettagli dell’intervento. Dei 240 milioni di barili mobilitati da 19 paesi, 180 milioni verranno dagli Stati Uniti, come annunciato da Joe Biden il mese scorso. In realtà, dei 120 milioni di barili mobilitati nell’ambito dell’accordo AIE, gli Stati Uniti forniscono circa 60 milioni di barili, già conteggiati nei 180 milioni annunciati da Joe Biden, e il resto è fornito principalmente dal Giappone (15 milioni), South Corea (7,5 milioni), Germania (6,5 milioni), Francia (6 milioni), Italia (5 milioni), Regno Unito (4,4 milioni di barili), Spagna (4 milioni). A marzo, i paesi membri dell’AIE avevano già immesso sul mercato 62,7 milioni di barili, 30 milioni dei quali forniti dagli Stati Uniti.

Nonostante l’embargo, gli Stati Uniti continuano a importare petrolio russo!

2,4 giorni di utilizzo in tutto il mondo

Tuttavia, questo volume sulla scala dei bisogni del pianeta rimane modesto. 240 milioni di barili rappresentano 2,4 giorni di consumo globale di petrolio nel 2022 e 5,2 giorni di consumo da parte dei paesi membri dell’OCSE.

Washington, dal canto suo, ha fornito i termini precisi dei 180 milioni di barili che non rifornirà. “I primi 90 milioni di barili saranno rilasciati tra maggio e luglio, tramite due annunci di vendita per un totale di 70 milioni di barili e 20 milioni già previsti per maggio 2022. I restanti 90 milioni di barili saranno rilasciati tra agosto e ottobre 2022”.afferma il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Queste iniziative dovrebbero impedire un rialzo dei prezzi dopo l’embargo statunitense sulle esportazioni petrolifere russe, in attesa di quelle degli europei, attualmente divisi sulla questione. Quindi il petrolio viene ancora fornito al Vecchio Continente.

Giovedì sera, tuttavia, gli investitori hanno accolto favorevolmente l’iniziativa. Il prezzo di un barile di Brent sul contratto benchmark è sceso sotto i 100 dollari, dopo essere sceso intorno ai 118 dollari a fine marzo negli ultimi giorni dall’ultimo picco. Il barile WTI, quotato sopra i 95 dollari, è sceso di circa 17 dollari in valore dai massimi di fine marzo.

Ma la pace potrebbe essere di breve durata. In effetti, l’emarginazione della Russia nell’economia globale a causa delle sanzioni causerà uno shock all’offerta di petrolio (per non parlare del gas naturale e del carbone termico). Tuttavia, sebbene il paese sia il terzo produttore mondiale di petrolio greggio, è il più grande esportatore mondiale, secondo l’IEA, con 5 milioni di barili al giorno (mbd) o il 12% degli scambi. Il 60% delle vendite internazionali va in Europa e il 20% in Cina. Almeno, prima dell’invasione dell’Ucraina.

Tensioni nel mercato diesel

A questo bisogna aggiungere che non consumiamo direttamente petrolio greggio, ma prodotti raffinati. Tuttavia, la Russia occupa una posizione chiave in questi mercati. A 2,85 mbd, rappresenta il 15% del commercio internazionale di prodotti petroliferi intermedi. Oggi non solo l’approvvigionamento del greggio, ma anche quello del diesel, il carburante più utilizzato al mondo, è sotto pressione.

Questo spiega perché, nonostante l’embargo imposto dagli Stati Uniti l’8 marzo, le consegne russe di prodotti petroliferi hanno continuato a raggiungere i 100.000 barili al giorno nella settimana del 21 marzo. Tuttavia, nella settimana dal 28 marzo al 1 aprile, sono scesi a zero, mostrano i dati dell’Agenzia di informazione sull’energia (EIA).

D’altra parte, il dibattito è ancora in corso all’interno dell’Unione europea. Il nuovo pacchetto di sanzioni menziona il carbone, ma in questa fase sono esclusi petrolio e gas naturale. Il Parlamento europeo ha votato a larga maggioranza a favore di questo inasprimento e anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, auspica un embargo esteso a tutti gli idrocarburi. Ma alcuni governi, guidati dalla Germania, si stanno trattenendo perché sono troppo dipendenti dal gas e dal petrolio russi e non hanno alternative a breve termine. Viktor Orban, il primo ministro ungherese, ha già annunciato che porrà il veto a una decisione che richiede l’unanimità dei 27 Stati membri.

Nel frattempo, molti analisti sono scettici sull’efficacia del destocking per guadagnare tempo sufficiente per trovare alternative. Joe Biden ha annunciato che la produzione statunitense aumenterà di 1 mbd entro la fine dell’anno. Il settore petrolifero statunitense è accusato da settimane da democratici eletti di sinistra approfittare degli alti prezzi del petrolio e non giocare. “Il settore deve far fronte a un’inflazione dei costi elevata, carenza di manodopera a causa di tre recessioni in 12 anni, carenza di piattaforme petrolifere, fluidi di fratturazione, tubi d’acciaio e altre attrezzature e materiali”.Scott Sheffield, presidente di Pioneer Natural Resources, uno dei maggiori produttori indipendenti di petrolio e gas negli Stati Uniti, è stato intervistato dal Wall Street Journal. “Non possiamo andare più veloci”ha avvertito.

Un’operazione che sposta solo il problema

Inoltre, questo destocking, non importa quanto grande, sposta solo il problema. A 1,5 miliardi di barili, le scorte globali di petrolio sono scese al livello più basso dal 2014, ha affermato l’IEA. Poiché le informazioni sono già integrate nei prezzi correnti dai mercati, un ulteriore calo di queste scorte è un ulteriore fattore di aumento dei prezzi. Tanto più che prima o poi sarà necessario reintegrare questi barili esauriti, il che accentuerà gli acquisti e quindi sosterrà i prezzi.

Un altro effetto è che l’operazione rimuove le pressioni sull’OPEC per aumentare la produzione, come regolarmente richiesto dalla Casa Bianca. Il cartello e la sua partnership con la Russia e altri paesi esportatori attraverso l’OPEC+ rifiutano qualsiasi aumento sostanziale delle loro estrazioni, anche se aumentano la loro offerta di 400.000 barili al giorno ogni mese.

Ci sono due ragioni per questo. Il primo è tecnico, l’OPEC+ non raggiunge la sua quota ufficiale. “I 13 membri dell’OPEC hanno aumentato la produzione di 60.000 barili al giorno (tra febbraio e marzo) 28,73 mbd, ma questo è stato compensato dal calo di 160.000 bpd nel blocco dei 9 alleati (da OPEC+), che ha pompato 13,91 mbd”nota in una nota S&P Global Commodity Insights, che calcola che il divario tra la produzione effettiva dell’OPEC+ e la sua quota ha ora raggiunto il record di 1,24 mbd, “Crescenti dubbi sulla capacità del gruppo di soddisfare la crescita della domanda globale, che secondo diversi esperti tornerà ai livelli pre-pandemia entro il 2022”

Il secondo è politico, l’OPEC+ si basa sul rapporto tra Arabia Saudita e Russia, i due pesi massimi. Tuttavia, questo è solido, in nome di interessi ben conosciuti. Perché oggi i membri dell’OPEC+ beneficiano della combinazione ideale che unisce quote massime di mercato a prezzi elevati.

Tutti questi motivi insieme mostrano che la latitudine per i paesi occidentali è limitata e che il confronto è un mistero.

Ordine contraddittorio

In un feroce editoriale, il Wall Street Journal ha anche indicato l’ordine contraddittorio di Joe Biden: Giovedì la Casa Bianca ha sottolineato di volere un ‘aumento immediato dell’offerta’ (il petrolio)” accelerando la “transizione energetica”, in altre parole, chiede l’aiuto delle compagnie petrolifere che promette di far sparire. Ironia della sorte, il business paper statunitense ha anche osservato che l’amministrazione Biden oggi ha corteggiato Venezuela e Iran per aumentare la produzione mondiale, due paesi sui quali gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni sulle esportazioni di… petrolio.

Infine, è il paradosso della situazione creata dall’invasione russa dell’Ucraina. L’Occidente vuole più petrolio oggi senza domani.