in

L’Arabia Saudita ammette 1 milione di pellegrini alla Mecca

I musulmani si radunano intorno alla Kaaba, il santuario più sacro del complesso della Grande Moschea nella città saudita della Mecca, prima della preghiera il primo giorno del mese di digiuno del Ramadan, il 2 aprile 2022.

Il ministero dell’Hajj saudita “ha autorizzato un milione di pellegrini, stranieri o nazionali, a compiere l’Hajj quest’anno”, ha annunciato in un comunicato stampa sabato 9 aprile. Questo pellegrinaggio annuale alla Mecca si svolgerà dal 7 al 12 luglio 2022.

Il governo vuole garantire la sicurezza dei pellegrini, “assicurando che il maggior numero possibile di musulmani in tutto il mondo possa eseguire l’Hajj”continua il comunicato.

L’Hajj, uno dei cinque pilastri dell’Islam, deve essere eseguito almeno una volta nella vita da tutti i musulmani che possono permetterselo. È uno dei più grandi raduni religiosi del mondo. Nel 2019 hanno partecipato circa 2,5 milioni di persone.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Breve storia della Mecca prima dell’Islam

Dopo l’inizio della pandemia nel 2020, le autorità saudite hanno consentito la partecipazione di soli 1.000 pellegrini. L’anno successivo, hanno ammesso 60.000 residenti completamente vaccinati, scelti dalla lotteria. Queste restrizioni hanno alimentato il risentimento tra i musulmani all’estero a cui non era permesso partecipare.

Condizioni di ingresso che vanno dal vaccino ai test PCR

Secondo l’annuncio fatto sabato, l’Hajj di quest’anno sarà limitato ai pellegrini vaccinati di età inferiore ai 65 anni. Coloro che provengono da fuori dell’Arabia Saudita devono fornire un test PCR negativo di meno di settantadue ore.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Pellegrinaggio limitato alla Mecca ai tempi del Covid-19

Hajj è una serie di riti religiosi eseguiti nell’arco di cinque giorni nella città più sacra dell’Islam, La Mecca, e nelle aree circostanti dell’Arabia Saudita occidentale. Ospitare l’Hajj è una questione di prestigio per i leader sauditi, con la responsabilità dei luoghi più sacri dell’Islam alla base della loro legittimità politica.

Prima della pandemia, il pellegrinaggio era una fonte di reddito essenziale per il regno, del valore di circa 12 miliardi di dollari (11 miliardi di euro) all’anno.

Il regno di circa 34 milioni di persone ha registrato più di 751.000 casi di coronavirus dall’inizio della pandemia e 9.055 morti, secondo i dati del ministero della Salute. All’inizio di marzo, ha annunciato la revoca della maggior parte delle restrizioni Covid-19, compreso il distanziamento fisico nei luoghi pubblici e la quarantena per gli arrivi vaccinati, mentre le maschere ora sono obbligatorie solo nei luoghi chiusi. †

Le Monde e AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Nella mia valigia ho ammucchiato le nostre quattro vite e, incuneate tra i calzini, le anime amate di chi è rimasto in Ucraina, all’inferno”

La UEFA introduce il nuovo fair play finanziario