in

Le azioni europee assorbiranno le perdite per la settimana – 04/08/2022 alle 07:50

di Marc Angran

PARIGI (Reuters) – Venerdì, dopo la chiusura positiva di Wall Street, si prevede un rialzo dei principali mercati azionari europei, che dovrebbero quindi ridurre le perdite della settimana, dominate dalla prospettiva di un rapido rialzo dei tassi di riferimento statunitensi.

I contratti future su indici suggeriscono un aumento dello 0,72% per il Dax di Francoforte, dello 0,67% per il FTSE 100 di Londra e dello 0,86% per l’EuroStoxx 50. Quanto al CAC 40 di Parigi, sarebbero le prime indicazioni disponibili.

Il mercato di Parigi ha perso il 3,3% dall’inizio della settimana e dovrebbe chiudersi con la peggiore performance settimanale in un mese. L’ampio indice europeo Stoxx 600 è sceso dello 0,72% in quattro sessioni.

Mentre la ripresa degli indici statunitensi alla fine della sessione di giovedì è rassicurante, gli investitori sono comunque preoccupati per le ricadute dell’inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve americana, poiché il rapporto dell’ultima riunione riflette l’eccellente evento economico di questa settimana.

Tuttavia, giovedì due funzionari della Fed, Charles Evans e Raphael Bostic, hanno pronunciato un discorso più moderato, con il primo riferimento alla necessità di un approccio “misurato”.

Anche i mercati stanno iniziando a posizionarsi per la stagione degli utili del primo trimestre: negli Stati Uniti, gli utili di Standard & Poor’s 500 dovrebbero aumentare del 6,4% anno su anno, secondo i dati di Refinitiv. ultimi tre mesi del 2021.

Con il calendario economico della giornata praticamente vuoto, i mercati rimangono attenti alle informazioni sulla guerra in Ucraina, che si tratti della prevista offensiva russa nell’est del Paese o delle sanzioni economiche contro Mosca.

A WALL STREET

Giovedì la Borsa di New York ha chiuso in rialzo, con i guadagni di Pfizer (+4,3%), Microsoft (+0,6%) e Tesla (+1,2%) che hanno contribuito a recuperare alla fine della sessione.

L’indice Dow Jones ha guadagnato lo 0,25% a 34.583,57 punti, lo Standard & Poor’s 500 ha guadagnato lo 0,43% a 4.500,21 e il Nasdaq Composite è salito dello 0,06% a 13.897,30 punti.

L’S&P 500 è stato in rosso per gran parte della sessione, punito da questioni relative al conflitto in Ucraina e all’imminente stretta monetaria della Federal Reserve. Gli operatori stanno ora valutando un aumento di 50 punti base del tasso chiave della Fed il prossimo mese all’88,9%.

HP sale del 14,8% dopo aver annunciato il suo ingresso nella capitale Berkshire Hathaway, il gruppo guidato da Warren Buffett.

IN ASIA

Alla Borsa di Tokyo, l’indice Nikkei è scambiato dello 0,15% a meno di un’ora dalla chiusura, gli investitori stanno giocando sul sicuro sulla mancanza di slancio di Wall Street ed è diretto a un calo di quasi il 3% nel corso dell’anno. .

La Toyota ha perso il 3,74% dopo che i rapporti della stampa australiana hanno chiesto una pesante multa per filtri antiparticolato difettosi.

In Cina il trend è titubante, tra preoccupazioni legate alla nuova ondata dell’epidemia di COVID-19 e speranze di nuovi stimoli economici, che secondo alcuni analisti sono imminenti: lo Shanghai SSE Composite e il CSI 300 sono praticamente invariati.

TASSI DI CAMBIO

Il dollaro continua a beneficiare della prospettiva di un rapido rialzo dei tassi di interesse statunitensi e l’indice che misura i suoi movimenti rispetto a un paniere di valute di riferimento, in rialzo dello 0,15% a 99,90, si avvicina alla soglia dei 100 punti, che non superava da maggio 2020.

L’euro è sceso dello 0,17% a 1,0859$, il livello più basso dall’8 marzo. Il nuovo pacchetto di sanzioni dell’UE contro la Russia ha riacceso i timori di un forte impatto del conflitto sull’economia dei 27. Inoltre, alcuni trader chiedono cautela in vista del primo turno delle elezioni presidenziali francesi.

Sul mercato dei titoli di Stato, i rendimenti dei Treasury USA continuano a salire, ma al di sotto dei livelli massimi degli ultimi giorni, a 2,6622% per il 10 anni e 2,5074% per il 2 anni.

IL PETROLIO

Il prezzo del barile è sceso e si avvia verso un calo di circa il 3% per l’intera settimana, dominato dall’annuncio dei paesi dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) che chiedono riserve strategiche per un totale di 240 milioni di barili di euro.

Il Brent è sceso dello 0,68% a $ 99,90 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, WTI) dello 0,47% a $ 95,58.

Il calo legato alle decisioni dell’Aie, che saranno in vigore fino a un milione di barili al giorno da maggio a fine anno, potrebbe limitare i guadagni di prezzo nel breve termine, ma non cambierà i fondamentali del mercato. sottolineano molti analisti.

(A cura di Matthieu Protard)

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’UE colpisce per la prima volta il settore energetico russo

Piede PSG – Cadono dall’alto Pochettino e PSG