in

L’inizio catastrofico del social network di Donald Trump

Donald Trump aveva promesso una piattaforma per “combattere contro la tirannia dei giganti della tecnologia”. Ma sei settimane dopo il “lancio graduale” a un pubblico limitato, il network Truth Social, che dovrebbe essere “pienamente operativo” entro la fine di marzo, sta affondando nelle profondità dell’app store di Apple e conta su poco più di un milione di utenti. Tanto che lo stesso Donald Trump non lo usa ancora.

E se il social network dell’ex presidente, bandito da Twitter dopo l’attacco al Campidoglio, può ancora correggere la situazione, la partenza rivelata da Reuters di due dirigenti, in particolare il suo chief technology officer, metterà in dubbio.

Il profilo di Donald Trump sul suo social network Truth.
Il profilo di Donald Trump sul suo social network Truth. – P. BACCA/20 MINUTI

Lista d’attesa bloccata

Dopo la registrazione il giorno dopo il lancio, il 23 febbraio, viene emesso il verdetto: “A causa della forte domanda, ti abbiamo messo in lista d’attesa. “La nostra posizione? 518.418esimo. Una classica strategia per creare buzz nella Silicon Valley, con le app che spesso utilizzano un sistema di inviti esclusivi o liste di attesa, il momento di andare a caccia di bug. Tranne sei settimane dopo, nulla è cambiato. Peggio ancora, la nostra classifica è effettivamente scesa di 80.000 posizioni. E se un’e-mail all’addetto stampa ci ha permesso di tagliare la linea, il grande pubblico non sta approfittando di questo lusso. Per una nuova registrazione lunedì, la coda virtuale contava ora 1,5 milioni di persone.

93% di calo dei download

Dopo il brusio iniziale, i download nell’app store di iOS sono crollati del 93%, secondo i dati di Sensor Tower. Non esiste ancora una versione per Android e Truth Social non ha risposto alle nostre domande via e-mail su quando la rete sarà completamente operativa. L’ex funzionario eletto Devin Nunes, che ha preso in carico il Trump Media & Technology Group da cui dipende Truth Social, ha assicurato che sarebbe stato così entro la fine di marzo.

Funzionalità mancanti

Sei settimane dopo il lancio, è ancora impossibile inviare messaggi privati ​​o creare elenchi. Al momento non esiste una sezione “trend” per riconoscere argomenti che stanno emergendo, come su Twitter e Facebook, e nemmeno sulle reti conservatrici Gab e Gettr.

Donald Trump non è attivo

“Preparati! Il tuo presidente preferito ti troverà presto”, ha giurato Donald Trump a fine febbraio. Washington Post† Attualmente, l’ex inquilino della Casa Bianca ha 843.000 follower su Truth Social, rispetto agli 88,7 milioni su Twitter quando è stato bandito, ovvero meno dell’1%.

Poche personalità presenti

Dopo la registrazione, Truth Social offre circa 50 account da seguire. Donald Trump, ovviamente, ma anche i suoi figli Eric e Don Jr, così come il conduttore di Fox News Sean Hannity. Il resto sembra essere rivolto a un pubblico maschile MAGA con storie di appassionati di armi o “ragazze sexy che giocano a golf”. La maggior parte degli influencer conservatori, tra cui Tucker Carlson, Candace Owens, Ben Shapiro, Glenn Beck o Mike Cernovich, sono scomparsi dalla rete. Ci sono pochi funzionari eletti lì, ad eccezione del capo della Camera repubblicana Kevin McCarthy e della controversa rappresentante Marjorie Taylor Greene, il cui account personale è stato sospeso da Twitter lo scorso gennaio. D’altra parte, i racconti parodia abbondano, con i falsi Hunter Biden, Nancy Pelosi o Anthony Fauci.

Disinformazione e mancanza di moderazione

Con tutto ciò, le cose sono deprimenti sul lato del flusso “Verità” e ReTruth. Molti account riciclano i propri post o articoli condivisi su Twitter. Le discussioni sugli argomenti di attualità restano limitate: l’hashtag #Trump indica che ne stanno discutendo 1.850 persone, contro 1606 per l’#Ucraina, 254 per #Obama (che era alla Casa Bianca martedì), 74 per #Zelensky e solo 22 per #Bucha.

Al momento, la moderazione sembra limitata o addirittura inesistente. Anche se la carta consente a Truth Social di rimuovere i contributi “falsi, imprecisi o fuorvianti” (oltre a contenuti violenti, razzisti o pornografici), la disinformazione abbonda, tra la cospirazione di QAnon, la propaganda del Cremlino e le dichiarazioni scettiche sui vaccini: Donald Trump, Vladimir Putin e Xi Jinping sta lavorando per “sradicare l’ordine mondiale nazista”, Hunter Biden ha finanziato “biolab” in Ucraina e il vaccino Covid sta causando “un’esplosione di tumori” (nessun collegamento stabilito).

– P. Berry/20 minuti
– P. Berry/20 minuti

All’inizio di quest’anno, Devin Nunes ha detto che Truth Social avrebbe accettato “opinioni diverse”. Ma la rete non può dare libero sfogo ai propri utenti pena sanzioni: a inizio 2021 Apple e Google avevano rimosso l’app Talking dai propri app store dopo il proliferare di messaggi “incitanti alla violenza”. Questo è il paradosso di Truth Social: Donald Trump sogna di liberarsi da Gafa, ma ne ha più che mai bisogno.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Washington aumenta gli aiuti all’Ucraina, i russi si ridistribuiscono nel Donbass

Espace: ces télescopes découvrent un (très gros) bébé planete