in

Maintenance Aero Maroc, la storia del primogenito dell’industria della difesa marocchina

Maintenance Aero Maroc, la storia del primogenito dell’industria della difesa marocchina
Maintenance Aero Maroc, la storia del primogenito dell’industria della difesa marocchina

La Joint Venture (JV) tra il Marocco, il gruppo belga Blueberry e il gruppo americano Lockheed Martin ha appena portato alla prima operazione di investimento privato nel settore dell’industria militare nell’era del nuovo quadro giuridico ad essa istituito.

Artisti del calibro di Sabca e Sabena Aerospace, uniti nel gruppo Blueberry dal 2020è stato espresso investire nella manutenzione, riparazione e aggiornamento (MRO&U) di aerei militari dall’anno 2018attraverso un protocollo d’intesa.

A quel tempo, le due società si concentravano principalmente sui famosi velivoli da trasporto militare C-130 Ercole concesso in licenza dal 1977 da Lockheed a Sabena per fornire servizi di manutenzione. Tuttavia, in una seconda fase avevano già pianificato di attaccare l’F-16, l’Alphajet, il Mirage F1 e l’Agusta A-109.

Un anno dopo, Sabena Aerospace società a responsabilità limitata è stata fondata da Sabena Aerospace Engineering. Subito dopo ha cambiato nome in Manutenzione Aero Morocco (MAM)† Da allora è rimasto inattivo, tranne per il fatto che ha cambiato leader nel 2021. Oggi, l’amministratore delegato e presidente del consiglio sono Vincent Francis Daniel Monborgne e il direttore Gautier Hucorne.

Sabca, ora parte del gruppo Blueberry, lo è dal canto suo, presente in Marocco dal 2012 attraverso la sua controllata Sabca Maroc, che produce assemblaggi per aeromobili Airbus e Dassault Aviation. È stato anche responsabile della modernizzazione delle flotte Mirage F1 e Alphajet della Royal Air Forces (FRA).

Nell’agosto 2021 hanno firmato Sabca Maroc e Pilatus Aircraft contrarre in modo che l’aerostruttura del business jet Pilato PC-12 entrambi montati a Casablanca da Sabca Maroc. Si tratta di un investimento di 180 milioni di dirham per la costruzione di un nuovo stabilimento di 16.000 mq a Nouaceur, che si occuperà dell’assemblaggio della fusoliera, delle ali e dei comandi di volo, compreso l’installazione elettrica dei cablaggi ‘aeromobili’.

Dopo l’annuncio questa settimana di questa joint venture tripartita, non è ancora chiaro in che misura lo stato marocchino e/o la Lockheed Martin entreranno nella capitale del MAM. La gestione di questa JV resta comunque di competenza del gruppo Blueberry.

Una prima dopo l’entrata in vigore del nuovo quadro legislativo relativo al settore della difesa

Contattato da Médias24, Abdelhamid Harifi, esperto militare, dal canto suo ritiene che l’investimento sarà a carico del Marocco e della Lockheed Martin, mentre i belgi potrebbero solo garantirne la gestione senza comparire nella capitale per motivi politici.

Inoltre, calcola i numerosi vantaggi di questo investimento, che lui come il primo nel suo genere secondo la nuova legge che governa l’industria della difesa in Marocco.

È vero che Sabca ha già provveduto all’aggiornamento locale del marocchino Mirages F1 e Alphajet nel 2006, ma si trattava di un’operazione temporanea che si svolge presso la FRA di Meknes. D’altra parte, questa JV segna il desiderio di diventare a struttura permanentecoinvolgendo sempre più capitali privati ​​nell’industria militare marocchina, spiega.

Quindi questo centro di manutenzione diventa: dedicato ai velivoli F-16 e C-130, oltre ad altri elicotteri di origine americana, lui dice. Attualmente, la loro manutenzione viene effettuata localmente con la FRA o con le forze aeree di paesi amici.

Questa joint venture, d’altronde, conferma che il processo di ammodernamento degli F-16 attualmente in servizio con la FRA sarà svolto localmente, come precedentemente annunciato. Si tratta di tecnologie avanzatein particolare l’installazione di nuovi sistemi d’arma, nuovi sistemi elettronici e l’ammodernamento della motorizzazione.

Dopotutto, l’importanza di una tale partnership risiede anche nell’aspetto della trasferimento tecnologico consentendo al Marocco di gettare gradualmente le basi per un’industria della difesa locale. È anche un’opportunità per rafforzare il capitale umano in questo settore attraverso un trasferimento di competenze.

Un altro interesse in questo investimento è: mantenere un elevato livello di disponibilità dell’aviazione militare marocchinaperché è flagello di qualsiasi Aeronautica Militare avere aeromobili a terra o sottoposti a manutenzione all’estero. È importante che una forza aerea possa mobilitare i propri aerei il più rapidamente possibile.

Avere una tale installazione in Marocco darà sicuramente al Marocco un maggiore controllo sulla capacità di mobilitazione dei suoi aerei. Oggi il Marocco ha una ventina di C-130, per la loro manutenzione sono sparsi in diversi paesi tra Marocco, Giordania, Francia e Romania.

Questa nuova unità fungerà anche da: centro di manutenzione della regionein particolare per i C-130 in possesso della Tunisia e di diversi altri paesi africani.

Anche Abdelhamid Harifi pensa che parte di questa evoluzione condizioni per la costruzione di una piattaforma industriale militare lungo termine. Quest’ultimo beneficerà anche degli ecosistemi dell’aviazione civile e dell’automotive che il Marocco ha sviluppato negli ultimi due decenni.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

rinchiuso, gli abitanti di Shanghai gridano la loro rabbia contro le autorità

rinchiuso, gli abitanti di Shanghai gridano la loro rabbia contro le autorità

chi sarà eliminato al Torneo dei Maestri sabato 16 aprile 2022?

chi sarà eliminato al Torneo dei Maestri sabato 16 aprile 2022?