in

Marine Le Pen crede “stiamo cercando di demonizzarla” quando è in una posizione “ragionevole”, sì alle sanzioni, no all’embargo

Marine Le Pen stima, venerdì 8 aprile su franceinfo, “avere una posizione ragionevole” contro la Russia e Vladimir Putin. Criticata per il suo stretto rapporto con il leader russo, la candidata al National Rally ha voluto chiarire la sua posizione, che: “doveva condannare la Russia quando ha invaso l’Ucraina nel modo più chiaro possibile”† Per lei, cosa sta succedendo in Ucraina “non è completamente nero o completamente bianco” ma si astenne dal chiudere gli occhi sull’invasione russa. “Questa aggressione armata era inammissibile ai sensi del diritto internazionale e abbiamo votato al Parlamento europeo per una condanna estremamente forte di questa aggressione russa”ha ripetuto, allo stesso modo ha detto: “Sì” alla punizione.

Marine Le Pen, tuttavia, ha ribadito la sua opposizione a un embargo sulle importazioni russe. “L’unica cosa che non voglio sono sanzioni sulle materie prime che avranno gravi conseguenze per i francesi e il resto del mondo”ha detto, quando il Parlamento europeo ha approvato in modo schiacciante una risoluzione che chiedeva un embargo giovedì “totale e immediato” all’importazione “petrolio, carbone, combustibile nucleare e gas” russi. Il candidato del Raduno Nazionale è certo “contro tutto ciò che può moltiplicare il conto dei francesi per quattro cinque o sei”riaffermando il suo scopo “Prima di tutto difendi i francesi e il loro potere d’acquisto”.

“Le sanzioni vengono utilizzate per fare pressione sulla Russia e portare al ritorno della pace, non per causare harakiri”.

Marine Le Pen

a franceinfo

Non è una questione “per creare le condizioni per grandissime violenze contro i nostri compatrioti”, ha aggiunto, dicendo che era convinta che ciò non avrebbe permesso di raggiungere effettivamente la Russia. La conseguenza, a suo avviso, di un simile embargo sarebbe quella di lasciare la Russia, “il primo Paese al mondo a produrre materie prime”partner con la Cina, la più grande fabbrica del mondo”† Marine le Pen ha messo in guardia “il potere” che verrebbe da questa coalizione che “sarebbe un grosso problema per la Francia”.

Alla domanda sui suoi commenti sulla Crimea, che è stata annessa alla Russia nel 2014, ha ricordato che aveva solo “ha detto che c’era stato un referendum” e la Crimea “è ucraino solo da 27 anni in tutta la sua storia”“Forse” che questo referendum non è stato riconosciuto dalla comunità internazionale, ha quasi riconosciuto “ma nessuno ha lasciato la Crimea per chiedere asilo”, si è giustificata.

“Emmanuel Macron ha ricevuto il signor Poutine tre anni dopo a Brégançon [l’annexion de la Crimée]non sembrava infastidirlo e ha fatto commenti che erano commenti ragionevoli”ha notato Marine Le Pen, che ha così denunciato il fatto “che proviamo a demonizzarlo”† Secondo lei ce l’ha “difeso all’epoca ciò che tutti i presidenti della Repubblica francese hanno difeso durante il loro mandato” nel desiderio di “non per fare della Russia un paria in Europa, ma per riaffermarlo” al vecchio continente.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

5 cose da sapere su Fort Boyard, una fortezza che è diventata l’ambientazione dei giochi TV

Il mercato azionario di Parigi rimbalza bruscamente