in

Mondiali 2022: le avversarie degli africani nella fase a gironi

Distribuite su cinque diversi gironi, le squadre del continente africano dovranno affrontare configurazioni irregolari per sperare già di un posto agli ottavi di finale di Coppa del Mondo, in programma dal 21 novembre al 18 dicembre 2022, in Qatar. Questi sono gli avversari dei cinque paesi africani che si sono qualificati per questa grande competizione e le quote di ciascuno di loro.

Il Senegal sogna di conquistare il mondo

Gruppo A: Qatar, Ecuador, Senegal, Paesi Bassi

Il Senegal, campione d’Africa in carica, è ospitato nel girone del Paese ospitante. Ciò significa che ci sarà una maggiore attenzione. Questo è un parametro che deve essere gestito. Ma nel complesso, il Qatar rimane di gran lunga il più debole degli otto semi, comunque sulla carta. L’Olanda è una squadra molto spettacolare, che ha molta potenza di fuoco offensiva. È una squadra con cicli molto marcati e che è in salita. Quindi diffidenza. Il Senegal è ancora in una dinamica promettente: vincitore della Coppa d’Africa, si è qualificato battendo il rivale in finale una seconda volta e poi l’inaugurazione dello stadio chiamato Abdoulaye-Wade vicino a Dakar. C’è qualcosa che indossa il calcio in Senegal in questo momento. Allora perché non continuare questo grande slancio ai Mondiali? Questo gruppo sembra alla portata degli uomini di Aliou Cissé.

Tunisia: la grande sconosciuta

Gruppo D: Francia, Danimarca, Tunisia e Perù o Australia o Emirati Arabi Uniti

La Tunisia, squadra già presente nel 2018, aveva già incontrato un girone con due nazioni europee: Inghilterra e Belgio. Questa volta tocca Francia e Danimarca. La Francia è campionessa del mondo uscente, numero 2 della classifica FIFA, e la Danimarca, semifinalista del Campionato Europeo. È molto difficile per la Tunisia. Deve fare affidamento sulle sue qualità difensive per fare forse la squadra che dovrà affrontare. Non dobbiamo saltare la prima partita, perché è decisiva. Ricordiamo che nei Mondiali del 2018, la Tunisia ha tenuto sotto controllo l’Inghilterra molto prima che cedesse, quindi ha avuto un po’ di tensione al primo turno. Si spera che la Tunisia abbia tutti i suoi validi attaccanti. Questo paese non ha un enorme serbatoio offensivo, ha bisogno di tutti i suoi giocatori.

Marocco in agguato

Gruppo F: Belgio, Canada, Marocco, Croazia

Il Marocco è in un gruppo abbastanza denso. Il Belgio è una squadra con grandi ambizioni. Ha perso un po’ la barca all’ultimo Campionato Europeo ed era frustrata con la Francia all’ultimo Campionato del Mondo. E’ una generazione d’oro per i belgi, forse una delle ultime occasioni per ottenere un buon risultato. È una partita dove c’è molto in gioco per Marocco e Belgio. Inoltre, ci sono molti giocatori binazionali, soprattutto nella squadra marocchina. Quindi questo aggiunge un pugno in più.

Camerun: il primo grande orale dell’allenatore Rigobert Song

Gruppo G: Brasile, Serbia, Svizzera, Camerun

È un gruppo piuttosto affiatato per i camerunesi, poiché il Brasile, perenne favorito ai Mondiali, non ha bisogno di presentazioni. La squadra potrebbe non essere necessariamente brillante come la squadra ideale che abbiamo in mente, ma è comunque rispettabile. Supera sempre il primo giro, quindi un posto è quasi già occupato. Non commettere errori sul resto. Abbiamo visto durante l’Europeo che la Svizzera aveva raggiunto un livello principalmente mentale nella fase finale. Il Camerun ha già giocato contro il Brasile nel 2014 ed è stato spazzato via. Bisogna essere umili, prepararsi bene all’evento e forse lo spirito competitivo dei camerunesi permetterà loro di ottenere buoni risultati. Ma a priori, non se ne vanno con i favori del pronostico. Tuttavia, come abbiamo visto durante lo spareggio contro l’Algeria, impossibile non è camerunese.

Ghana: tesa riunione con l’Uruguay

Gruppo H: Portogallo, Ghana, Uruguay, Corea del Sud.

Il girone è interessante perché il Ghana gioca contro l’Uruguay. Questa è probabilmente la partita più attesa e incredibile del primo turno per le squadre africane. Non dimentichiamo, il 2 luglio 2010 a Johannesburg, in Sud Africa, la mano di Suarez che porta palla fuori dalla porta e priva il Ghana di un gol di qualificazione, regalandogli un rigore, mancato da Asamoah Gyan. È stato un terribile trauma per l’intero Paese. Questa vendetta, con un numero di giocatori ancora presenti in entrambe le squadre dodici anni dopo, è qualcosa di fantastico. C’è da sperare che il Ghana abbia fatto il necessario per questa partita.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Renault si concede tre mesi per portare avanti il ​​progetto “Ampere”, secondo fonti – 04/07/2022 alle 14:29

disinstalla rapidamente queste 11 applicazioni Android, stanno spiando milioni di utenti!