in

Nei porti europei avanza la questione del blocco delle navi russe – 05/04/2022 16:00

La Baltic Performer, noleggiata da una filiale svedese dell'armatore russo Baltic Shipping, è una delle prime navi mercantili ad essere presa di mira dal boicottaggio di uno dei due maggiori sindacati portuali svedesi, avvenuto lo scorso 4 aprile nel porto di Helsingborg, 2022 (AFP / Camille BAS-WOHLERT)

La Baltic Performer, noleggiata da una filiale svedese dell’armatore russo Baltic Shipping, è una delle prime navi mercantili ad essere presa di mira dal boicottaggio di uno dei due maggiori sindacati portuali svedesi, avvenuto lo scorso 4 aprile nel porto di Helsingborg, 2022 (AFP / Camille BAS-WOHLERT)

Dopo diversi giorni di incertezza, il Baltic Performer, un mercantile blu carico di banane dall’Ecuador, sta finalmente entrando nel porto di Helsingborg, sotto il cielo cupo dell’inizio di questa settimana nel sud della Svezia.

In solidarietà con l’Ucraina, Hamnarbetarförbundet, uno dei due maggiori sindacati dei lavoratori portuali svedesi, ha compiuto il raro passo alla fine di marzo di rifiutarsi di toccare le navi collegate alla Russia.

La nave portarinfuse di 150 metri, operata sotto bandiera delle Bahamas da una filiale svedese dell’armatore russo Baltic Shipping, con sede a San Pietroburgo, è una delle prime ad essere oggetto di questo boicottaggio.

“Stiamo bloccando tutte le merci legate alla Russia e al regime”, ha detto all’AFP Rolf Lyktoft, capo della sezione locale del sindacato.

Preludio a una generalizzazione? Martedì la Commissione europea ha proposto a 27 Stati membri di chiudere i porti europei alle imbarcazioni gestite da russi, come parte di un nuovo pacchetto di sanzioni discusso dall’UE.

L’Ucraina e il suo presidente Zelensky hanno ripetutamente invitato l’Europa a bloccare tutte le navi collegate alla Russia.

“Dobbiamo chiaramente intensificare ulteriormente la nostra pressione su Mosca”, ha affermato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen prima di una riunione di mercoledì a Bruxelles.

Per il momento, né l’Unione né nessuno dei suoi 27 Stati membri a livello nazionale ha fatto questa scelta, a differenza del Regno Unito all’inizio di marzo.

– 270 navi al mese –

Gli analisti affermano che l’esitazione è principalmente legata al grande impatto che il blocco potrebbe avere sulle forniture di petrolio russo, che l’UE ha finora in gran parte tenuto fuori dalle sue sanzioni.

A Helsingborg, Rolf Lyktoft vuole dare una valanga al movimento dei suoi 1400 compagni, che rimane simbolico in termini di merci.

“Ci auguriamo che l’IDC (Consiglio internazionale dei lavoratori portuali) decida di intensificarlo, che scegliamo di non toccare le merci russe in tutto il mondo”, ha affermato.

La gestione del porto è discreta, ma alla fine è riuscita a scaricare il Baltic Performer a fine giornata e lunedì fuori vista.

La nave che doveva rientrare sabato non ha potuto essere ospitata per mancanza di lavoratori che hanno accettato di scaricare, costringendola a posticipare l’arrivo.

Il blocco scelto dall’unione svedese include navi battenti bandiera russa, navi di proprietà di una compagnia russa battenti un’altra bandiera, o anche navi dirette o provenienti dalla Russia.

In extremis, la dirigenza poteva contare sui poveri del “Transportarbetare”, l’altro sindacato dei portuali.

“Non pensiamo che avrebbero dovuto riportare la barca in porto, ma le autorità portuali lo hanno fatto”, ha detto il presidente Tommy Wreeth all’AFP.

La scorsa settimana anche la sua organizzazione ha emesso un blocco, ma solo dal 1 maggio per dare tempo agli armatori.

Secondo i dati, il mese scorso 270 navi battenti bandiera russa o legate alla Russia hanno ancorato nei porti europei, di cui quattro in Svezia.

– Fallimenti a breve termine –

Il Regno Unito ha vietato alle navi collegate alla Russia di entrare nei porti all’inizio di marzo, sebbene in pratica il carico russo, compreso il petrolio, possa ancora entrare su altre navi.

Altrove in Europa le iniziative sono state limitate, come nel grande porto francese di Le Havre, dove i medici della CGT si sono rifiutati di sospendere lo sbarco delle navi russe.

«Può essere solo una decisione presa a livello europeo», giustifica Johan Fortier, rappresentante sindacale nel secondo porto francese, interrogato prima dell’annuncio di una possibile decisione da parte dell’Ue.

“Altrimenti il ​​porto di Le Havre o i porti francesi si daranno un colpo di pistola, con il traffico che deporta nei porti chiuderà un occhio”.

Il 3 marzo il grande porto di Amburgo ha interrotto per precauzione tutti i trasbordi da e verso la Russia.

Ma tre settimane dopo, le operazioni sono riprese “in modo limitato”, ha spiegato un portavoce, con la motivazione che “non tutte le merci sono nell’elenco delle sanzioni Ue”.

Nuove sanzioni richiedono l’unanimità mercoledì a Bruxelles alla riunione degli ambasciatori presso l’UE.

Se i 27 scegliessero di imitare Londra e la Russia decidesse di vendicarsi contro le navi dell’UE, “potrebbe interrompere in modo significativo le esportazioni russe nel breve termine”, osserva Niels Rasmussen, capo analista dell’associazione degli armatori Bimco.

“Nel medio termine, tuttavia, è probabile che navi non russe ed europee si posizioneranno sul collegamento Russia-Europa”, mentre le petroliere sanzionate “si sposteranno su altri mercati”, ha detto all’Afp.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Selah Sue: questa dipendenza con cui ha lottato dopo la sua depressione

Analisi di metà sessione AOF Francia/Europa – Il conflitto in Ucraina alimenta i mercati azionari europei – 04/05/2022 alle 12:16