in

“Nessuno ha negoziato con Hitler”… Perché il primo ministro polacco Emmanuel Macron critica

“Nessuno ha negoziato con Hitler”… Perché il primo ministro polacco Emmanuel Macron critica
“Nessuno ha negoziato con Hitler”… Perché il primo ministro polacco Emmanuel Macron critica

Brucia lo straccio tra Polonia e Francia? Dopo una settimana di picche tra Mateusz Morawiecki, il primo ministro polacco, ed Emmanuel Macron, Varsavia ha convocato venerdì l’ambasciatore francese in seguito ai commenti del presidente francese. Quest’ultimo ha accusato il capo del governo polacco del partito conservatore Law and Justice (Pis) “di antisemitismo di estrema destra, che mette al bando le persone LGBT”. Sentiva anche di “interferire con la campagna politica francese”, indicando la sua stretta associazione con Marine Le Pen, la sua rivale presidenziale di estrema destra.

All’inizio di questa settimana, Mateusz Morawiecki ha tenuto conto di Emmanuel Macron, accusandolo di continuare a parlare con Vladimir Putin nonostante la guerra in Ucraina. “Signor Presidente Macron, quante volte ha negoziato con Putin, cosa ha ottenuto? Non discutiamo, non negoziamo con i criminali, i criminali devono essere combattuti”, ha affermato.

“Nessuno ha negoziato con Hitler. Negozieresti con Hitler, con Stalin, con Pol Pot? ha anche lanciato, forse dimenticando gli Accordi di Monaco del 1938. Ha anche criticato la Germania e la sua dipendenza dalle materie prime russe, “il principale ostacolo a sanzioni molto forti”.

Mateusz Morawiecki parla “di più ai suoi elettori conservatori”

Perché una simile uscita rivolta al presidente francese? Secondo Dorota Dakowska, professoressa di scienze politiche presso Sciences Po Aix e specialista in Europa centrale e orientale, il primo ministro polacco prende di mira i suoi elettori conservatori, persino eurofobi, più dei suoi partner europei. Queste affermazioni fanno parte della “politica storica del partito Diritto e Giustizia: una politica storica pubblica in cui, attraverso l’istruzione, la ricerca, i musei, le commemorazioni, cerchiamo di rafforzare l’immagine dei polacchi come nazione eroica che lotta per la sua indipendenza. “, contro i nazisti, poi contro i sovietici”, ha affermato Valentin Behr, ricercatore di scienze politiche presso l’Istituto di studi avanzati di Parigi.

De Pis ha una tradizionale sfiducia nei confronti della Russia. Ad esempio, “ha surfato molto durante l’incidente aereo di Smolensk”, aggiunge Dorota Dakowska. Nell’aprile 2010, l’aereo del presidente Lech Kaczynski, fratello dell’attuale leader del Pis, si è schiantato a Smolensk, in Russia, mentre membri del governo e dell’esercito avrebbero dovuto partecipare alle commemorazioni del 70° anniversario del massacro di Katyn. Lì nel 1940 diverse migliaia di civili e soldati polacchi furono uccisi dalla polizia politica dell’Unione Sovietica. Sullo sfondo commemorativo “c’è questa idea di una sorta di Katyn bis, con una retorica cospirativa agitata dal Piss: i russi avrebbero complottato per assassinare il presidente polacco, dettaglia Valentin Behr. E Jaroslaw Kaczynski, fratello del defunto presidente , l’ho ripetuto questa settimana”.

accendere “un controfuoco”

Criticato per essersi avvicinato ai partiti di estrema destra in Europa più vicini al Cremlino, e talvolta finanziati dalla Russia, come il Raduno Nazionale, il primo ministro polacco ha voluto innescare un “controfuoco”, stima Valentin Behr. “Si tratta di rispondere dicendo: ‘I veri alleati di Putin in Europa sono i tedeschi, che hanno costruito il gasdotto Nord Stream 2, oppure è il governo francese, che sta cercando di scendere a compromessi con un Putin che alla fine diventerà dittatore, come Hitler o Stalin”. †

“In questo momento in Polonia, ciascuna parte accusa l’altra di fare il gioco di Putin”, conferma Dorota Dakowska. Per l’opposizione centrista, il governo e il partito Legge e Giustizia condividono la linea del presidente russo nelle loro visioni ultraconservatrici, omofobe, in violazione del diritto all’aborto. Per il governo, l’opposizione sta facendo lo stesso gioco di Putin perché ha chiesto l’accoglienza dei profughi a fine 2021 nel contesto delle tensioni con la Bielorussia.

Il problema di Viktor Orban

Sul palcoscenico polacco, Mateusz Morawiecki vuole anche “nascondere la sua affiliazione con Viktor Orban e mostrare altri malfattori. Sta cercando di distogliere l’attenzione dalla sua alleanza con l’Ungheria, il suo principale alleato nell’Unione Europea”, sottolinea Dorota Dakowska. Orban, che è rimasto vicino a Putin, si è distinto per il rifiuto di fornire armi all’Ucraina, non ha condannato il massacro di Boutcha e si è detto disposto a pagare rubli per il gas russo, cosa che altri paesi dell’UE hanno rifiutato.

Inoltre, ovviamente, il peso della storia gioca un ruolo, in particolare la seconda guerra mondiale e il dominio sovietico nell’Europa orientale. “In Polonia, c’è l’idea che la Russia, soprattutto sotto Putin, rappresenti un rischio per la sicurezza”, spiega Valentin Behr. La Polonia non vuole essere emarginata: “C’è soprattutto il timore di un accordo tra le grandi potenze europee – Francia, Germania – e Russia, alle spalle dei Paesi dell’Est. Un po’ come accadeva – è vissuto in questi paesi – a Yalta alla fine della seconda guerra mondiale. L’idea che parlando con la Russia, cercando un compromesso, si sacrifichino i piccoli stati periferici dell’Europa orientale, in quanto parte di una zona di influenza russa. †

Molto presente è anche il timore di un prolungamento del conflitto ucraino, anche se la Polonia, come l’Ungheria, fa parte della NATO. “La Russia ha anche minacciato più volte la Polonia nei discorsi dei suoi esperti alla televisione di stato”, ricorda Dorota Dakowska. Hanno suggerito che l’Ucraina dovrebbe essere totalmente polverizzata e perché no la Polonia. Tutto questo ha un certo nervosismo, ma anche la convinzione che non bisogna indebolirsi davanti a Putin, che comprende solo la forza. †

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Hollywood: Dopo il colpo a Chris Rock, Will Smith è stato bandito da tutte le cerimonie degli Oscar per dieci anni

Hollywood: Dopo il colpo a Chris Rock, Will Smith è stato bandito da tutte le cerimonie degli Oscar per dieci anni

Piscine: il 25% dei proprietari sono operai, agricoltori o impiegati

Piscine: il 25% dei proprietari sono operai, agricoltori o impiegati