in

Netflix: 3 gustose serie da guardare questo fine settimana

Netflix: 3 gustose serie da guardare questo fine settimana

Che tu sia abbonato a Netflix o meno, non abbiamo più bisogno di presentarti le docuserie Tavola dello chef, seguendo il lavoro di diversi chef di fama internazionale, e che ne ha avuto anche una versione francese. Ma lo sapevate che altre serie in giro per la cucina in tutte le sue forme, tutte di successo tra loro, sono state aggiunte al catalogo della piattaforma di streaming ormai da qualche anno?

Ce n’è per tutti i gusti: puoi incontrare artigiani in piccoli ristoranti che sono partiti da zero per raggiungere il successo. Accompagnato da una guida entusiasta e curiosa, viaggi per il mondo. Oppure immergiti nella storia nascosta di una cucina che ha influenzato un intero paese. Tante scelte quante ne descriviamo per un weekend ricco di lezioni… che vi lascerà affamati, dovete ammetterlo. A tavola !

Abbonati a Netflix >

Questo fine settimana, i redattori di CNET France raccomandano la serie Le prove culinarie di PhilCibo di strada dell’America Latina e La parte del leone

Quale serie guarderò su Netflix questo fine settimana?

Un’entusiasmante serie di documentari: Le tribolazioni culinarie di Phil

Contenuti brevi

Phil Rosenthal, creatore di Tutti amano Raymondviaggia per il mondo assorbendo le usanze e degustando specialità culinarie da Lisbona a Bangkok.

Il parere di CNET Francia

È difficile aver sentito parlare di Phil Rosenthal nelle nostre regioni: anche se ha realizzato una sitcom che è diventata un cult dall’altra parte dell’Atlantico, Tutti amano Raymond, ispirato dalla sua vita, non ci ha giocato. Hai solo bisogno di sapere due o tre cose su di lui: è molto curioso delle culture straniere, gli piace chattare con le persone che incontra nei suoi viaggi finanziati da Netflix, gli piace dare notizie ai suoi genitori tramite Skype… e ha un gola che rasenta la gola.

Dai crediti Le prove culinarie di Phil, molto ispirato dalle sitcom degli anni ’80, siamo avvertiti: farà molte cose, specialmente la conversazione, ma dobbiamo alimentarla. Questo Candido contemporaneo lascia le valigie in diverse grandi città, da Città del Messico a Tel Aviv passando per Bangkok, e, attraverso esperte guide locali, incontra coloro che producono il miglior cibo locale.

I suoi occhi spalancati si illuminano per la telecamera più volte per episodio, non appena assaggia “il migliore che gli sia mai stato servito” o cerca di descrivere il cibo ai palati occidentali ignoranti. Un entusiasmo che potrebbe irritare subito, ma questi diari di viaggio sono caratterizzati da una sincerità disarmante.

La serie pecca un po’ quando si tratta di fare di Phil Rosenthal un semplice turista, ma il suo capitale di simpatia lo fa andare avanti. Una strada che proseguirà nei prossimi mesi per una già pianificata quinta stagione dello show.

  • Un antipasto con il trailer della Stagione 1:

Una serie di documentari molto gustosi: Street Food Latin America

Contenuti brevi

In questa docuserie gastronomica, gli chef di street food dell’America Latina si affidano al loro viaggio rivisitando le ricette tradizionali con inventiva.

Il parere di CNET Francia

I creatori di Tavola dello chefDavid Gelb e Brian McGinn, lasciano volontariamente le migliori cucine del mondo per investire in diverse grandi città alla ricerca di piatti nutrienti ed eccellenti di Street Food, ma soprattutto danno voce a chi li produce e a come si è costruito la reputazione.

Dopo una prima parte in giro per l’Asia, Cibo di strada dell’America Latina (rilasciato a metà estate 2020) occupa sei città in sei paesi diversi, tra cui Buenos Aires in Argentina e Lima in Perù. Nessuna narrazione qui, ma una foto che sublima i piatti e spiega il loro posto nella cultura.

Dai mercatini rionali agli stadi di calcio alle spiagge magiche, ogni episodio ci immerge immediatamente nella cultura locale evitando di trasformarsi in una cartolina. Alcuni degli chef intervistati sono più creativi, altri molto modesti nel loro menu e nelle fondamenta del loro ristorante. Tutti condividono il loro dolore, il posto che la cucina locale ha sempre occupato nella loro vita, e il successo degli apprezzamenti, spesso dovuti al passaparola.

Una panoramica spesso scandita da selezioni musicali che si attengono alla città esplorata, che beneficia della sua breve durata: 30 minuti per puntata. cibo di strada lascia andare il gusto dell’uomo e apri le menti senza difficoltà.

  • Scopri il menù della parte 2 di cibo di strada sull’America Latina:

Una docuserie illuminante: La parte del leone

Contenuti brevi

La cucina nera fa parte della cucina americana. Dall’Africa al Texas, lo chef e scrittore Stephen Satterfield segue la sua storia.

Il parere di CNET Francia

Durante la preghiera pre-prandiale, uno dei relatori di La parte del leone conferma, a riprova: “molte storie nascono intorno al tavolo”. Ciò che non si comunica a tavola è la storia della cucina afroamericana, che per decenni si è infiltrata in tutti gli aspetti della cucina dei 50 stati, senza beneficiare del riconoscimento per il suo reale valore.

Il titolo originale di questa docuserie in quattro parti, In alto sul maiale, si riferisce ai pezzi di maiale lasciati per le cucine degli schiavisti del sud e recuperati dai gruppi di schiavi per fare gli stufati, creando una cucina tutta loro. Uno dei tanti esempi che il critico di Atlanta Stephen Satterfield spiega senza mezzi termini per illustrare le origini oscure e lo spirito di resilienza dietro alcune tradizioni culinarie.

Dal Benin a New York, guidati dal lavoro del Dr. Jessica B. Harris, il cui libro è adattato, La parte del leone è un progetto compatto che mette in evidenza, tra le altre cose, il ruolo degli schiavi nella costruzione di enormi risaie e nel nutrire le colonie molto presto nella storia del paese. O questi due chef ai presidenti Jefferson e Washington, James Hemings ed Hercules, i cui piatti sono stati oggetto di lettere e articoli, ma i cui nomi sono stati dimenticati.

All’incrocio tra tradizioni culinarie, storia degli Stati Uniti e notizie militanti, la serie di documentari rivela che è forte di emozioni e mette in evidenza la ricchezza di ciò che gli afroamericani chiamano cibo dell’anima† Un lavoro che prosegue con una seconda stagione, che andrà in onda su Netflix nei prossimi mesi.

  • Guarda il trailer della prima stagione:

Leggi anche:

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

A Kiev, Ursula von der Leyen apre la marcia ucraina verso “il futuro europeo”

Il Consiglio d’Europa denuncia il respingimento di rifugiati e migranti alle frontiere europee