in

“Non sono un oratore”: la filippica di JoeyStarr in We’re Live

Sul set di We are live sabato prossimo, 9 aprile, Léa Salamé ha fatto arrabbiare JoeyStarr. All’attore non è stato chiesto di inviare una vanga al giornalista.

Léa Salamé avrebbe dovuto girare la lingua sette volte in bocca prima di pungolare JoeyStarr. Sabato 9 aprile ha ricevuto in particolare l’attore venuto a presentare il suo ultimo film, I vincitori† Sul set di France 2 è tornato all’amore per le tavole, che ha scoperto di recente. “Ho incontrato il teatro non molto tempo fa. E non mi aspettavo di essere puntuale tutte le sere”ha iniziato JoeyStarr prima di essere tagliato da Léa Salamé, che ha cercato di scherzare. “Eri quasi troppo tardi! Circa cinque minuti…”ha lanciato il giornalista, partner di Laurent Ruquier su France 2. Un commento che il rapper non ha molto apprezzato… “No, siamo al limite della cancellazione”† Ho detto che ho scoperto il teatro non molto tempo fa…ha risposto prima di essere interrotto da Léa Salamé. Era più importante quello che ho detto!”

Una volta che le cose si sono calmate, Léa Salamé ha chiesto al suo ospite se fosse più un attore “cinema o televisione” “Non faccio televisione, non sono un oratore io stesso”, JoeyStarr ha risposto tac-au-tac. Un contrasto sottilmente camuffato per il giornalista, che finì per divertirsi con questa vanga che le aveva appena mandato. sul set dinoi siamo vivil’attore ha anche fatto rare confidenze sui suoi figli. “I miei idoli sono i miei figlidisse il padre di tre ragazzi, Matisse, Khalil e Marcello. Ho lavorato un sacco. Purtroppo non vivo con loro. Parliamo molto. Mi assomigliano”. Ma i suoi figli stanno crescendo e il loro rapporto è cambiato un po’. “Ti stanno inseguendo quando non stanno camminando. Una volta che si rendono conto che il mondo è grande, hanno finito con te”, gli dispiaceva.

JoeyStarr: “Abbiamo fatto tre bravi ragazzi, tre bravissimi ragazzi”

E se il comico non si descrive come un… “papà gaga”ha un legame molto forte con i suoi ragazzi. “Credo che tutte le persone che ho amato abbiano saputo risvegliare il mio lato femminile, la mia delicatezza. Io, ho imparato la tenerezza con i miei figli…, si è confidato teneramente sul set di Seven to Eight qualche mese fa. Sono vigile con i miei figli e mi fanno stare bene, a scuola funziona. Abbiamo formato tre ragazzi simpatici, tre ragazzi davvero simpatici!” Disse all’epoca di essere molto orgoglioso dei suoi figli, dei veri lavoratori. “Ne abbiamo uno che ha 15 anni, sa già cosa vuole fare nella vita. Ci è già iscritto. L’altro, ha 13 anni, è un dilettante, non capisco… Il ragazzo ha una media di 17 pur essendo estremamente disinvolto, ha descritto. Penso che lavori alla velocità. E poi ce n’è uno che ha 5 anni. Normalmente a quell’età devi fare 400/500 domande al giorno. È a 3000, con la voce di Topolino!”

Carica widget

Iscriviti alla newsletter Closermag.fr per ricevere gratuitamente le ultime notizie

© Francia 2

2/12 –

noi siamo vivi
Sabato 9 aprile ha ricevuto in particolare l’attore venuto a presentare il suo ultimo film, Les Gagnats

© Francia 2

3/12 –

noi siamo vivi
Sul set di France 2 è tornato al suo amore per le tavole, che ha scoperto di recente

© Francia 2

4/12 –

noi siamo vivi
“Ho incontrato il teatro non molto tempo fa. E non pensavo di arrivare in orario tutte le sere”, ha esordito JoeyStarr prima di essere interrotto da Léa Salamé, che ha cercato di scherzare

© Francia 2

5/12 –

noi siamo vivi
Devi essere stato lì troppo tardi! Circa cinque minuti…”, ha lanciato il giornalista, partner di Laurent Ruquier su France 2

© Francia 2

6/12 –

noi siamo vivi
Un commento che il rapper non ha molto apprezzato….

© Francia 2

7/12 –

noi siamo vivi
“No, siamo sull’orlo della denuncia. Ho detto di aver scoperto il teatro non molto tempo fa…, ha risposto prima di essere interrotto da Léa Salamé. C Era più importante quello che ho detto!”

© Francia 2

8/12 –

noi siamo vivi
Una volta che le cose si sono calmate, Léa Salamé ha chiesto al suo ospite se fosse più un attore di “cinema o televisione”.

© Francia 2

9/12 –

noi siamo vivi
“Non faccio televisione, non sono un annunciatore”, ha risposto JoeyStarr tac-au-tac

© Francia 2

10/12 –

noi siamo vivi
Un contrasto sottilmente velato per la giornalista, che finì per divertirsi con questa vanga che le aveva appena mandato

© Francia 2

11/12 –

noi siamo vivi
Sul set di We are live, l’attore ha anche fatto rare confidenze sui suoi figli

© Francia 2

12/12 –

noi siamo vivi
“I miei idoli sono i miei figli, confidava il padre di tre ragazzi, Matisse, Khalil e Marcello. Lavoro molto. Purtroppo non vivo con loro. Parliamo molto. Mi assomigliano”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Queste app Android e iOS sono temporaneamente gratuite

Quando la Francia conviveva con i mercenari russi del gruppo Wagner in Libia