in

Per liberarsi della sua dipendenza dal gas russo, la Grecia raddoppierà la sua produzione di carbone

Per liberarsi della sua dipendenza dal gas russo, la Grecia raddoppierà la sua produzione di carbone
Per liberarsi della sua dipendenza dal gas russo, la Grecia raddoppierà la sua produzione di carbone

Nella miniera di lignite di South Field vicino alla città di Kozani, nel nord della Grecia, nel dicembre 2018.

“La politica energetica della Grecia deve essere flessibile, dobbiamo tenere conto della situazione attuale”, Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha assicurato durante l’inaugurazione mercoledì 6 aprile, nel nord della Grecia, di un parco fotovoltaico da 204 megawatt (MW), una delle più grandi unità di energia rinnovabile in Europa. Oltre a distribuire pannelli solari e turbine eoliche in tutto il paese, ha annunciato che gli impianti di lignite, una forma esaurita di carbone altamente inquinante, chiuderanno non nel 2023 come inizialmente previsto dal suo governo, ma nel 2028.

La produzione raddoppierà addirittura nei prossimi due anni. Questa tendenza è già in atto: la lignite rappresenta oggi il 19,83% della produzione totale di elettricità, rispetto a una media del 7% di un mese fa, mentre le energie rinnovabili rappresentano il 21%.

L’aumento della produzione di lignite è “una misura temporanea e necessaria”, insiste il portavoce del governo Yiannis Economou. Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, Atene, che dipende dal 40% del gas russo e dal 25% del petrolio russo, ha cercato di diversificare la propria offerta e frenare l’aumento dei prezzi dell’energia. In un anno il prezzo del gas naturale in Grecia è aumentato del 78,5% e quello dell’elettricità del 71,4%, e nonostante la concessione di aiuti sociali per un totale di 1,1 miliardi di euro ai lavoratori a basso reddito, l’insoddisfazione della popolazione.

“Ammissione del fallimento”

Come primo passo, il governo ha deciso di sviluppare un terminale di gas naturale liquefatto per la città di Alexandroupolis, non lontano dal confine terrestre turco, per riavviare l’esplorazione del gas nel Mar Ionio e al largo di Creta, nonché il gasdotto EastMed progetto che porterà in mare aperto i giacimenti di gas naturale al largo delle coste di Israele e Cipro verso la Grecia.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti EastMed, il progetto del gasdotto destinato a contrastare la Turchia

Ma la scelta di riavviare attivamente la produzione di lignite, dopo averla ridotta, ha suscitato molte critiche. Per il principale partito di opposizione di sinistra, Syriza, il governo ha emesso a “un falso piano energia e clima mal programmato”, Rendere la Grecia dipendente dal gas russo volendo tagliare la produzione di lignite senza un piano alternativo praticabile. Per il Movimento per il Cambiamento (Kinal, coalizione di centrosinistra) è semplicemente a “Confessione di fallimento”.

Il governo conservatore si è infatti impegnato a spostare circa il 30% dell’elettricità attualmente prodotta da fonti rinnovabili al 67% entro il 2030 e ad eliminare gradualmente la produzione di elettricità entro il 2028 bruciando la lignite. Dei 31 miliardi di euro stanziati alla Grecia nell’ambito del piano europeo di ripresa dopo la crisi causata dal Covid-19, il governo afferma che circa il 38% dovrebbe essere speso per la lotta al riscaldamento globale.

Priorità alle energie rinnovabili

“Ci doveva essere una guerra che aumentasse di dieci volte i prezzi del gas per rendere la lignite temporaneamente più economica”, ha detto. giustificò il Primo Ministro. Ma ” mai “ questi cambiamenti non influenzeranno l’obiettivo annunciato dalla Grecia di ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, ha aggiunto.

Sandy Fameliari, responsabile delle questioni relative ai cambiamenti climatici per l’ONG Greenpeace in Grecia, ha dei dubbi: “È un grande passo indietro ed è incomprensibile, anche se il governo sta attualmente cercando di spegnere l’incendio perché i prezzi del gas sono saliti alle stelle. “Il costo dell’energia da fonti rinnovabili rimane il più basso e stabile. La scelta della lignite in tempi di emergenza climatica è ingiustificabile e non è quello che vogliono i greci”. continua il ricercatore. Secondo un’indagine della Ong su 1.241 greci, il 60% ritiene che, vista l’attuale crisi energetica, il governo dovrebbe dare la priorità allo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Come il gas sta mescolando le carte nel Mediterraneo orientale

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

A Boutcha, i residenti tornano dopo la partenza dei “bastardi”

A Boutcha, i residenti tornano dopo la partenza dei “bastardi”

Adam espulso dal reality “The Island of Love”

Adam espulso dal reality “The Island of Love”