in

Quali sono questi campi filtro in cui la Russia è accusata di espellere gli ucraini?

Quali sono questi campi filtro in cui la Russia è accusata di espellere gli ucraini?
Quali sono questi campi filtro in cui la Russia è accusata di espellere gli ucraini?

GUERRA IN UCRAINA – A fine marzo, con l’invasione russa dell’Ucraina da quasi un mese, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha stimato che quasi un quarto della popolazione ucraina era stata sfollata.

Mentre molti rifugiati hanno potuto entrare nell’Unione Europea, la situazione degli altri “sfollati” è preoccupante. Soprattutto alla luce delle testimonianze sulla stampa internazionale e delle accuse sui “campi di filtrazione” pubblicate all’inizio di aprile. “La gente ha bisogno di sapere la verità, gli ucraini sono sfollati in Russia, la terra che ci occupa”, lancia una donna di Mariupol in forma di grido d’allarme sul quotidiano britannico la guardia

La sua storia fa eco ad altri, pubblicata nel Washington Posto sul sito web della BBC. Leggiamo dichiarazioni di donne ucraine – si tratta principalmente di donne – che affermano di essere state portate in un “campo di filtrazione”, a volte con centinaia di altre persone, soprattutto altri residenti di Mariupol. Le testimonianze concordano.

Costrette dalle minacce delle truppe russe a uscire dai loro nascondigli, queste donne ucraine, che erano riuscite a rimanere a casa con le loro famiglie in circostanze terribili, affermano di essere state portate in autobus in un campo a Bezimenne, vicino a Novoazovsk, sono state portate nella aree rivendicate. Repubblica popolare di Donetsk.

Sul posto, tende allineate e divise russe. Spiegano che sono stati chiamati uno per uno e fotografati da ogni angolazione. Sono state rilevate le loro impronte digitali e sono stati anche tenuti a fornire i codici e le password per i loro dispositivi elettronici. Poi sono stati interrogati, a volte più volte, anche una volta dall’FSB, i servizi segreti russi.

“Mi hanno anche chiesto cosa pensassi dell’Ucraina, di Putin, del conflitto. Era tutto umiliante”, ha confidato un rifugiato al Custodequando qualcun altro aggiunge il Washington Post che aveva l’impressione di essere trattata come “una prigioniera, una criminale”, come un “sacco di patate” che “oscilliamo da destra a sinistra”.

Molte delle donne che hanno testimoniato su questi media hanno chiesto che i loro nomi venissero cambiati, temendo che le loro famiglie subissero rappresaglie.

Campo “Distribuzione”.

La società Maxar, specializzata in immagini satellitari, ha recentemente inviato al media britannico iNews diverse foto satellitari di Bezimenne con tende blu allestite vicino a una grande caserma. Si dice che il campo sia stato costruito intorno al 20 marzo.

“In tutte le fasi ci viene detto di essere grati di avere un panino, di essere stati evacuati, di essere stati rilasciati. Ma liberato da cosa?” ha infastidito il residente di Mariupol che testimonia nel Washington Post

A volte l’interrogatorio si trasforma in un’operazione mediatica. Anche la giovane donna incinta che è stata fotografata subito dopo l’attentato all’ospedale di maternità di Mariupol e la cui foto aveva fatto il giro del mondo sarebbe passata attraverso uno di questi campi filtro. Secondo diversi osservatori, è proprio in un luogo del genere, e sotto pressione, che è stato recentemente registrato un video in cui assicura che non c’è stato nessun raid aereo. Una serie ampiamente trasmessa dai soliti relè vocali del Cremlino, come la missione russa a Ginevra

Ma il campo di Bezimenne è più un centro di distribuzione che una vera destinazione. Dopo aver trascorso diverse ore in questo campo filtro, i testimoni affermano di essere stati poi inviati in Russia, in varie località della regione di Rostov, nel sud del Paese.

Autorità ucraine interessate

Il sindaco di Mariupol è stato uno dei primi a lanciare l’avvertimento sulla “deportazione” dei suoi residenti sul canale Telegram ufficiale della città, aggiungendo che i documenti d’identità e i passaporti dei suoi cittadini erano in conflitto.

Una preoccupazione che è stata poi espressa dal ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov. “Dopo aver attraversato i campi di filtraggio, gli ucraini vengono inviati in aree economicamente svantaggiate della Federazione Russa. Un certo numero di regioni settentrionali sono state designate come destinazioni finali, in particolare Sakhalin. Agli ucraini viene ufficialmente offerto lavoro attraverso gli uffici di collocamento. Coloro che accetteranno riceveranno documenti che vietano loro di lasciare le regioni russe per due anni”, ha detto Oleksiy Reznikov su Facebook.

Accuse trasmesse anche da Lyudmila Denisova, che nel parlamento ucraino ha il compito di monitorare le violazioni dei diritti umani: “I nostri cittadini sono stati deportati dal nostro territorio nel loro. Sono stati presi contro la loro volontà, sono stati portati con la forza a filtrare i campi nella regione di Donetsk”. I media russi riferiscono anche che centinaia di “rifugiati” ucraini hanno raggiunto in treno anche le regioni di Yaroslavl e Ryazan, riferisce la BBC.

Se lo sfollamento forzato di persone può costituire crimini di guerra, Mosca confuta risolutamente, preferendo parlare dalla sua parte di “salvataggio” ed “evacuazione”.

All’ONU, martedì 5 aprile, il rappresentante russo ha citato le cifre di “602.000 persone, inclusi 119.000 bambini” che erano state evacuate. In particolare, ha risposto all’intervento statunitense di Linda Thomas-Greefield, secondo la quale “i rapporti indicano che agenti di sicurezza federali russi stanno confiscando passaporti e carte d’identità, telefoni cellulari e segregando le loro famiglie”. “Non ho bisogno di dire cosa ci ricordano questi cosiddetti ‘campi di filtrazione’. È orribile”, aveva aggiunto anche il rappresentante degli Stati Uniti.

I primi campi dopo la seconda guerra mondiale

Il termine “campo di filtrazione” è apparso durante la seconda guerra mondiale. Dopo l’armistizio, i russi stabilirono questo tipo di strutture, note come “campi per scopi speciali NKVD”, per monitorare i soldati sovietici catturati dalla Germania nazista e tornati sul suolo russo. Per lo storico britannico Nick Baron, l’obiettivo è accertare se questi soldati non siano stati eccessivamente influenzati o non siano diventati spie per il campo avversario.

Durante le guerre in Cecenia tra il 1994 e il 1996 e poi tra il 1999 e il 2003, le autorità russe in particolare avevano allestito campi di filtrazione. Uno dei campi più famosi era quello di Chernokozovo, vicino a Grozny. Migliaia di Techechen sono scomparsi in queste strutture in quel momento, ha ricordato Il mondo, un 2000. Un rapporto di Human Rights Watch di quell’anno riportava anche testimonianze di torture e stupri. Domenica, dopo la scoperta della strage di Boutcha, la stessa Ong ha messo in guardia contro l’uso dello stupro come arma di guerra.

Vedi anche su L’HuffPost: Van Boutcha denuncia il “genocidio” di Volodymyr Zelensky


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Meghan Markle: il suo forte omaggio a un’amica morta brutalmente che l’ha aiutata in un momento triste

Meghan Markle: il suo forte omaggio a un’amica morta brutalmente che l’ha aiutata in un momento triste

L’UE è in grado di sostituire la metà delle importazioni di gas della Russia a breve termine, afferma il presidente di Engie voorzitter

L’UE è in grado di sostituire la metà delle importazioni di gas della Russia a breve termine, afferma il presidente di Engie voorzitter