in

Russia: la guerra in Ucraina è una campana a morto per Auchan – 04/08/2022 alle 14:25

I negozi del marchio in Russia sono chiusi per mancanza di forniture. Ma la scelta è stata complicata per l’azienda, che ha scelto di rimanere presente nel Paese.

Il marchio francese è presente in Russia dagli anni '90 (AFP / NATALIA KOLESNIKOVA)

Il marchio francese è presente in Russia dagli anni ’90 (AFP / NATALIA KOLESNIKOVA)

Un torrente di complicazioni per Auchan. Il marchio francese gode da tempo di un successo sfrenato in Russia, dove si trova in un mercato redditizio ma difficile. Altri canali stranieri hanno fallito. Ma ormai da diversi anni

il colosso francese della vendita al dettaglio deve affrontare una serie di battute d’arresto

dalle accuse di corruzione alle controversie relative al conflitto in Ucraina.

Nel 2002 è stato aperto il primo ipermercato Auchan in Russia nella periferia di Mosca. Il gruppo francese è poi entrato in un mercato dove:

tutto va (ri)costruito, dopo il crollo degli anni Novanta

† Attraverso acquisizioni, ha consolidato la sua presenza e ha aperto negli anni centinaia di negozi. Allo stesso tempo, il gruppo ha preso piede nella vicina Ucraina dal 2008, anno dell’apertura del primo ipermercato a Kiev, seguito da un secondo a Donetsk, attualmente nell’area controllata dai separatisti filo-russi.

scandalo di corruzione

Dalla metà degli anni 2010, il cielo russo si oscura:

Auchan inizia a perdere

nel Paese calano le vendite e chiudono i negozi. Il colosso francese tarda ad adattarsi ai nuovi formati e alla forte concorrenza dei canali locali come il gigantesco X5. Nel 2019 l’attività nell'”Europa Centrale e Orientale”, inclusa la Russia, rappresenta ancora il 20% del fatturato totale, ovvero 9 miliardi di euro. A dicembre 2021, Auchan Russia aveva 231 negozi in tutto il paese, inclusi quasi 100 ipermercati. Ma a inizio 2020 è scoppiata la tempesta: il giornale

gli echi

rivela uno scandalo di corruzione su larga scala, citando l’avvocato Alexei Jarkov, una volta che il gruppo ha lavorato in una squadra anti-corruzione.

Quest’ultimo conferma il quotidiano francese

“essere colpito alla testa con una sbarra di ferro”

e sospetta “una delle cinque reti di corruzione che ha scoperto essere dietro il suo attacco”. Secondo Alexei Jarkov, citato da

gli echi

“Ogni anno vengono trasferiti tra gli 80 ei 100 milioni di euro, ovvero dal 2 al 3% del fatturato realizzato in Russia”. “Non abbiamo potuto

inserire prodotti su Auchan senza pagare

Alexei Jarkov ha detto di nuovo ad AFP nell’aprile 2022. “I problemi della corruzione permangono”, aggiunge, ritenendo che il flagello sia “abbastanza diffuso” nella grande distribuzione russa.

A marzo 2020, Auchan sta cercando di riprendere il controllo:

ammette di aver a che fare con la corruzione ma afferma che è stato “risolto”

, aggiungendo “non avere conoscenza” della sua persistenza. Sfortunatamente, del gruppo si parlerà di nuovo quando

gli echi

rivelano che Auchan utilizza i rivelatori di bugie per combattere la corruzione, una pratica industriale comune in Russia ma scioccante in Francia. Sulla scia di queste rivelazioni, è sbarcato il boss tedesco della filiale russa di Auchan, Johannes Tholey, che aveva confermato all’Afp l’utilizzo di questi dispositivi. Coltivando una cultura della segretezza, Auchan comunica a brandelli e fango: il gruppo ha ripetutamente rifiutato le richieste di interviste da parte dell’AFP.

113 negozi e 45.000 dipendenti

Il 24 febbraio l’offensiva russa lanciata in Ucraina assesta un altro colpo ad Auchan, mentre i segni della galassia Mulliez sono grandi datori di lavoro nel paese di Vladimir Putin: 45.000 dipendenti e 113 negozi per Leroy Merlin, 30.000 dipendenti e 232 negozi per Auchan, 2.500 dipendenti e 60 negozi per Decathlon. Da allora sono stati chiusi per mancanza di approvvigionamento. Ma Auchan, provocando una scelta difficile, decide di restare.

A denunciare questa scelta è Kiev, che chiede il boicottaggio dei negozi del brand. È stato lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky a chiedere al gruppo di lasciare la Russia, suscitando polemiche in Francia. Yves Claude, il CEO di Auchan, risponde sul settimanale JDD. “Queste parole sono ingiuste”, ha affermato, sostenendo di “preservare” i dipendenti del gruppo (30.000 in Russia, ndr) e garantire la sua “missione primaria, che è quella di continuare a sfamare le popolazioni di questi due paesi”. Auchan ha sospeso i suoi investimenti in Russia e la sua filiale ora opera “in autarchia”, sostiene.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

LIVE – Attacco Kramatorsk: Mosca accusa gli ucraini di aver sparato deliberatamente alla stazione dei treni

Russell Westbrook con gli Hornets? lo scambio vantaggioso per tutti con 3 giocatori!