in

Sentenza di carcere richiesta contro l’imam franco-siriano Ayachi

Sentenza di carcere richiesta contro l’imam franco-siriano Ayachi
Sentenza di carcere richiesta contro l’imam franco-siriano Ayachi

Imam franco-siriano Bassam Ayachi.

Il processo al famoso imam franco-siriano Bassam Ayachi si è concluso venerdì 8 aprile a Parigi con l’accusa in cui il rappresentante della Procura nazionale antiterrorismo (PNAT) chiedeva una pena detentiva di cinque anni, di cui tre sospesi . Una sentenza che, vista la sua custodia cautelare, non prevede oggi il ritorno in carcere per l’uomo di 75 anni.

Quattro giorni di audizione non sono bastati per avere un quadro definitivo di questo personaggio dalle mille e una vita, “intoccabile” nelle parole del pm. Vestito con una giacca a traliccio, il monaco dalla lunga barba bianca ha perso il braccio destro in Siria in un attacco dell’Organizzazione dello Stato Islamico (IS). L’imam Ayachi, sia un informatore dei servizi di intelligence francesi e belgi che un signore della guerra, è rimasto nella sua nativa Siria dal 2013 al 2018.

La giustizia francese lo accusa di aver partecipato in questo periodo a una “associazione terroristica di criminali”. Gli disse che era lì per liberare il suo Paese dalla dittatura del regime di Assad, ma anche per proteggere Francia e Belgio, i suoi due Paesi di adozione, dalla minaccia degli estremisti venuti a combattere lì. Anche se è chiaro che ha mantenuto contatti regolari e approfonditi con i servizi di intelligence, come dimostrano estratti di scambi via e-mail, telefono e messaggistica, non conosciamo tutti i dettagli di questa cooperazione perché i servizi di intelligence” rifiuto di agire per conto della difesa di atti segreti. Tale ostacolo è stato oggetto di una questione prioritaria di costituzionalità (QPC), che è stata ritenuta ammissibile dal tribunale il primo giorno del processo, martedì 5 aprile.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti I giudici antiterrorismo mettono in discussione i segreti della difesa

“Nessun processo equo”

La cooperazione del sig. Ayachi con i servizi francesi risulta anche dagli appuntamenti al consolato francese di Istanbul, dagli incontri a Beirut con un certo “Mme Marie” e gli elenchi dei pagamenti degli uomini impiegati dallo sceicco. Tuttavia, i servizi sono arrivati ​​al punto di mascherare la nomina del signor Ayachi come un arresto accidentale, portando al suo arresto in Francia nel marzo 2018. Allo stesso modo, i suoi telefoni sono stati apparentemente “puliti” prima di essere consegnati alle autorità giudiziarie. L’ordinanza di rinvio si riferisce a: “gestione”“Vi viene chiesto di prendere una decisione sulla base di elementi di cui non siete a conoscenza”protestò Me Joris Monin de Flaugergues, avvocato del sig. Ayachi. «Non è un processo equo quello che stiamo facendo qui! † Ha aggiunto.

Hai ancora il 42,33% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Chi sono i 18 candidati al Torneo dei Maestri 2022?

Chi sono i 18 candidati al Torneo dei Maestri 2022?

Una Ferrari equipaggiata al 100% contro i radar

Una Ferrari equipaggiata al 100% contro i radar