in

Test Stihl RE 130 Plus: un’idropulitrice ben congegnata ed efficiente

Con un peso di 20,3 kg sulla bilancia, lo Stihl RE 130 Plus è uno dei pesi massimi della sua categoria. L’imponente costruzione è rivestita con finiture molto serie. La plastica è molto presente, ma si tratta di plastiche che sembrano perfettamente robuste.

Le ruote sono abbastanza grandi che spostare il RE 130 Plus non è un calvario. Consentono di attraversare piccoli passi senza troppa fatica. L’impugnatura telescopica si solleva abbastanza in alto in modo che un utente di 1,75 m non debba piegarsi troppo per trainare la macchina. Bloccando la maniglia, il robot può anche essere spinto davanti a te. Il raccordo di ingresso dell’acqua e l’uscita del tubo flessibile sono realizzati frontalmente. I diversi tubi non impediscono il movimento.

Più di 20 kg non è un invito a portare il RE 130 Plus su lunghe distanze. Tuttavia, una maniglia in alluminio alla base del robot facilita la presa; non resta che far lavorare i muscoli. Questo peso ha un vantaggio, rende il detergente Stihl particolarmente stabile. Una volta installato, non si muove, nonostante la posizione alta dell’uscita del tubo. Anche se tira un po’ su quest’ultimo, il RE 130 Plus non si ribalta.

Laddove Kärcher si distingue per le maniglie sofisticate e persino collegate per i modelli Smart Control, il RE 130 Plus si accontenta del minimo. C’è semplicemente un fermo per bloccare la maniglia, prevenendo l’uso accidentale, soprattutto durante lo spostamento del robot. Semplice, ovviamente, l’impugnatura mostra ancora un’ottima finitura e un’apparente robustezza. Peccato, però, che nessuna regolazione della potenza sia offerta direttamente sull’impugnatura, cosa molto pratica sul K5 Power Control e sul K7 Smart Control di Kärcher.

La lancia è semplicemente fissata all’impugnatura, che a sua volta è facilmente fissata al tubo ad alta pressione. All’estremità della lancia, Stihl propone di collegare un ugello a getto piatto o un ugello a getto rotante. Il primo permette di regolare la pressione in uscita ruotandolo, il secondo non offre alcuna regolazione. Ad ogni modo, la regolazione della potenza del bocchino è piuttosto complicata rispetto alla praticità delle lance Vario della concorrenza Kärcher.

Mentre la maggior parte delle idropulitrici di una categoria simile sono dotate di tubi lunghi 10 m, la Stihl RE 130 Plus si accontenta di 9 m. Tuttavia, dobbiamo riconoscere l’elevata qualità di tale tubo, che si attorciglia molto poco e si srotola o si avvolge molto facilmente, che è raramente il caso è. L’avvolgitubo è molto maneggevole, il tubo viene guidato senza problemi. Il RE 130 Plus si distingue positivamente dalla concorrenza con un alloggiamento intelligente per il cavo di alimentazione e gli ugelli, nascosto dietro un coperchio. Viene fornita anche una posizione per posizionare la lancia quando non è in uso. Quando tutti gli elementi sono riposti, niente sporge.

Infine, Stihl propone un pratico accessorio per il lavaggio dei veicoli: l’atomizzatore di detersivo. Quest’ultimo offre una capacità limitata, ma può essere facilmente riposto nella parte posteriore del dispositivo.

Come quasi sempre nel mercato delle idropulitrici, Stihl comunica una pressione massima di 170 bar, di cui non possiamo proprio godere. La pressione “reale”, all’uscita dell’ugello, è chiamata pressione di esercizio ed è qui impostata a 135 bar. Una differenza di circa il 20% che è nella media. Tuttavia, tale pressione massima garantisce che la stragrande maggioranza degli usi che una persona potrebbe avere siano coperti.

Abbiamo misurato la larghezza effettiva alla quale il raggio può abradere una superficie dura. Il getto piatto funziona meglio a 10 cm di larghezza, mentre l’ugello rotante è molto più efficace e può coprire efficacemente strisce larghe 17 cm. Quest’ultimo si comporta altrettanto bene di quello del nostro attuale riferimento, il Kärcher K7.

Sulla nostra area di prova di 2 m², lo Stihl RE 130 Plus ha impiegato 2 minuti e 16 secondi per rimuovere completamente lo sporco con il suo getto piatto. Il Kärcher K7 ha impiegato solo 1 minuto e 45 s per ottenere lo stesso risultato. Con il suo ugello rotante, il RE 130 Plus riduce il gap e porta il tempo a 1 min 46 s per la stessa superficie, rispetto a 1 min 30 s per il suo connazionale. Il consumo di acqua per esercizio è di 18 le 25,2 l, ovvero portate di 334 e 370 l/h, inferiori a quelle del K7 Premium Smart Control (500 l/h).

Stihl ha scelto di non raffreddare attivamente il motore della sua idropulitrice. Un raffreddamento presente su K5 e K7 che garantisce sessioni di utilizzo più lunghe senza surriscaldare il motore a induzione. La RE 130 Plus, invece, beneficia di una testa della pompa in alluminio, proprio come i modelli della concorrenza.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

comunicazioni russe distruttive intercettate dai tedeschi

Il fondo dello scontro tra Ziyech e Halilhodzic. Il lupo Vahid ha mentito