in

Una donna ucraina in fuga da Kherson accusa due soldati russi di averla violentata per 13 ore

Diverse organizzazioni per i diritti umani denunciano l’uso dello stupro come arma di guerra in Ucraina.

Elena* (il primo nome è stato cambiato) si trova a Zaporozhye, questa città ucraina invasa da migliaia di profughi provenienti dal sud e dall’est del Paese, devastati dai combattimenti. La giovane donna bionda ha anche lasciato la sua casa nella regione di Kherson il primo giorno dell’offensiva russa. Aspetta un autobus che la porterà a Vinnytsia, più a ovest, dove si trovano i suoi quattro figli.

Senza mostrare il volto e con la voce spesso travolta dall’emozione, Elena ha deciso di testimoniare. Dice di essere stata violentata per 13 ore da due soldati russi dopo essere stata identificata dai residenti come la moglie di un soldato ucraino. Suo marito combatte da due anni i separatisti filo-russi nella regione del Donbass.

“È una banderovka”

“Intorno alle 15 sono andata in un supermercato. Mentre ero in coda, i soldati russi sono entrati e hanno iniziato a chattare con i clienti”, ha detto. All’improvviso, la giovane ucraina vede essere puntata contro di lei e dice “è una banderovka”, un riferimento al leader ultranazionalista ucraino Stepan Bandera, che ha collaborato con la Germania nazista contro l’Unione Sovietica.

“È a causa di persone come lei che è scoppiata questa guerra, è la moglie di un soldato”, poi sente. Dice che ha fretta di tornare al suo alloggio, ma due soldati russi la seguono.

“Avevo appena il tempo di entrare, i due soldati russi sono entrati dalla porta dietro di me. Non ho avuto il tempo di prendere il telefono per chiedere aiuto, o per fare qualsiasi cosa”, continua Elena.

Violentata per tredici ore

“Senza una parola mi hanno spinto sul letto, mi hanno schiacciato con un mitra e mi hanno spogliato”, ha detto la giovane donna, scoppiando in lacrime.

Elena poi racconta che i due soldati l’hanno violentata per quasi tredici ore. “Si parlavano a malapena, tranne a volte per chiamarmi ‘banderovka’ o dire ‘tocca a voi’ l’un l’altro”, spiega emotivamente. La giovane non ha parlato con nessuno, nemmeno con un medico o uno psicologo, tanto meno con la sua famiglia. “Sono un’ostetrica, ho prestato io stesso il primo soccorso”, spiega.

“Mi disgusta. Non voglio più vivere”, ha detto la giovane madre.

Lo stupro come arma di guerra

“Sono sicura che l’Ucraina riprenderà queste aree dai soldati russi e che la nostra si vendicherà di loro”, conclude Elena. Sebbene diversi gruppi per i diritti umani temono l’uso dello stupro come arma di guerra in Ucraina, è difficile raccogliere prove per ottenere giustizia in seguito.

“Centinaia, anche migliaia, di donne e ragazze potrebbero essere state violentate”, ha detto Aliona Kryvouliak, capo della sezione ucraina dell’ONG per i diritti delle donne La Strada. Pratiche denunciate anche dalle autorità di Kiev.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Quinté PMU – Previsione del PREZZO CEPHENS 8 aprile 2022

I rendimenti in calo fanno rimbalzare le azioni – 07/04/2022 alle 13:11