in

VIDEO. “Sono giorni che cerco olio”: gli scaffali di molti supermercati dell’Ile-de-France sono vuoti

Se anche tu stai lottando per trovare l’olio di girasole nel tuo supermercato, sappi che sei tutt’altro che solo. In questo Carrefour de Claye-Souilly, a Seine-et-Marne (77), decine di clienti, a turno, fanno saltare i loro carrelli della spesa per oltre un’ora. “Sempre no?” stuzzica un’anziana signora, seguita dal marito altrettanto indigente. “No, non è ancora qui”, dice un uomo in videoconferenza con la moglie, facendo il broncio sullo schermo del telefono. “È il terzo negozio. Ci sono stato e non riesco ancora a trovarne uno”, dicono entrambi a Ghislaine, 49 anni, e Camillia, 20 anni, a loro volta.

E lo scenario è simile in dozzine di supermercati dell’Île-de-France: Leader Price, Aldi, Leclerc, Franprix, Netto, Intermarché… Molti dei nostri utenti Internet sul nostro account Instagram ci hanno inviato video di scaffali vuoti della Senna – Saint-Denis, Parigi, Val-de-Marne, Val-d’Oise e Yvelines. Lo conferma la guardia giurata del supermercato Aldi in città: “Non ne abbiamo uno da una settimana. E non ha senso andare alla Lidl della porta accanto, è lo stesso. †

Il motivo di questa mancanza? La guerra in Ucraina. Poiché la Francia dipende per l’80% dai due paesi esportatori di girasole, Ucraina e Russia, l’attuale conflitto nell’area ha avuto finora ripercussioni importanti. Al punto che diversi marchi hanno deciso di razionare il numero delle bottiglie di olio. Carrefour ha scelto di vendere un massimo di sei bottiglie per cliente. Questo è più che alla Lidl di Plessis-Belleville, nell’Oise (60), o all’Intermarché de Sevran (93), che vendono solo un massimo di tre litri. E il caso non è limitato alla Francia.

Già a marzo i supermercati spagnoli hanno iniziato a razionare la vendita di olio di girasole. Poiché la fornitura di petrolio è più difficile del solito, i grandi rivenditori temono acquisti sproporzionati da clienti (troppo) lungimiranti in caso di carenza o aumento dei prezzi.

Diversi rappresentanti hanno insistito nei giorni scorsi sul fatto che non vi fosse alcun rischio di carenza di tutti i prodotti sul mercato. Come ci ha detto giovedì il gruppo E.Leclerc, “Il marchio non ha in programma di razionare l’olio di girasole. Oggi non c’è rischio di carenza notato, c’è stock. Per questo vogliamo rassicurare i consumatori e invitarli a non modificare i propri comportamenti di consumo per non causare disagi”.

Tuttavia, nessuna risposta a un possibile aumento dei prezzi. A differenza di Michel Biéro, direttore esecutivo degli acquisti e del marketing di Lidl France, che lo ha annunciato parigino “un inevitabile aumento”. Dalla parte di Carrefour, silenzio radiofonico, “il gruppo non vuole comunicare”. Il boss di System U, Dominique Schelcher, ha indicato dal canto suo al microfono di Radio Classique che al momento ci sono “alcuni acquisti precauzionali” ma che non si può parlare di “completa carenza di approvvigionamento”.

Alla fine di marzo, il ministro dell’agricoltura ucraino ha stimato che l’invasione russa avrebbe rischiato di dimezzare il prossimo raccolto di grano. Gli ucraini “semineranno dove possibile”, ma solo “dal 50% al 75% delle aree” saranno sfruttabili, ha sottolineato Mykola Solsky, che ha anche indicato che molti contadini “si sono uniti all’esercito o all’area di difesa”, causando una carenza di posti di lavoro.

La mancanza di olio è evidente anche tra i professionisti della ristorazione. Tiffany, 20 anni, inviata dal suo capo ristoratore sospira: “Siamo esauriti. E non puoi fare niente senza olio. Lì, per esempio, dobbiamo sostituire le nostre salse. Compriamo maionese industriale, già fatta, siamo pazzi. †


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

SNCF si impegna a non aumentare i prezzi dei biglietti quest’anno

Stellantis: The Stock Exchange accoglie favorevolmente la vendita da parte di Stellantis delle sue ultime azioni nella sua ex filiale logistica Gefco