in

Volvo XC60 T6 Recharge (2022): capacità elevate

In breve

SUV di famiglia
Ibrido plug-in
78 km di autonomia

In Volvo, il termine “Recharge” qualifica i modelli dotati di un motore ibrido elettrico o ricaricabile. Oggi queste versioni rappresentano più di un terzo delle vendite mondiali del marchio svedese e più dell’80% in Francia! Uno dei “Recharge” più venduti di Volvo è l’XC60, il SUV per famiglie.

Lanciata nel 2017, a questa seconda generazione è stato offerto un leggero restyling nel 2021, visivamente ma soprattutto tecnicamente. La capacità della batteria delle versioni ibride ricaricabili è quasi raddoppiata grazie all’aggiunta di una terza fila di celle. Ad esempio, la capacità energetica è stata aumentata da 11,6 kWh a 18,8 kWh, alimentando un motore elettrico più potente nella parte posteriore che ora produce 145 CV. L’autonomia completamente elettrica sale ora a 78 km nel ciclo combinato secondo il ciclo di certificazione WLTP e sfiora persino i 100 km in città. Per la precisione 94 km in “autonomia nelle città alte” secondo lo stesso ciclo.

La XC60 Recharge è disponibile in due potenze: 350 CV T6 o 455 CV T8 (potenza cumulativa).
La XC60 Recharge è disponibile in due livelli di potenza: T6 da 350 CV o T8 da 455 CV
(forza cumulativa).
La nostra versione di prova T6 Recharge combina un motore a benzina a 4 cilindri sovralimentato da 253 CV con un motore elettrico da 145 CV.
La nostra versione di prova T6 Recharge combina un motore a benzina a 4 cilindri sovralimentato da 253 CV con un motore elettrico da 145 CV.

È stato al volante della versione T6, la “più accessibile” che abbiamo eseguito questo test. La potenza combinata ora raggiunge i 350 CV, rispetto ai 341 CV precedenti. La parte termica è ancora affidata ad un 2.0 4 cilindri a benzina sovralimentato da 253 CV. Quest’ultimo è responsabile dell’animazione dell’asse anteriore mentre il motore elettrico da 145 CV aziona le ruote posteriori. La XC60 T6 Recharge è quindi dotata di 4 ruote motrici ma senza albero di trasmissione. L’alloggiamento di quest’ultimo è utilizzato per alloggiare la batteria agli ioni di litio con una capacità di 18,8 kWh.

Attualmente, l’XC60 Recharge è al di sopra della media della sua categoria in termini di autonomia completamente elettrica. I suoi diretti concorrenti, Mercedes GLC 300e e BMW X330 e, utilizzano batterie di capacità inferiore, circa 11 kWh, offrendo un’autonomia completamente elettrica di circa 50 chilometri. Solo la Range Rover Evoque P300 e si avvicina con una batteria da 15 kWh.

Con una capacità di 18,8 kWh, la batteria dell'XC60 Recharge è una delle più grandi sul mercato.
Con una capacità di 18,8 kWh, la batteria dell’XC60 Recharge è una delle più grandi sul mercato.
L'autonomia nel ciclo combinato è omologata per 78 km.  Nel ciclo urbano può raggiungere i 94 km.
L’autonomia nel ciclo combinato è omologata per 78 km. Nel ciclo urbano può raggiungere i 94 km.

Conosciuto per il suo comfort e flessibilità, l’XC60 può qui trasformarsi in un vero aereo da caccia, poiché l’aggiunta dei due motori gli conferisce una straordinaria coppia massima di 659 Nm. auto sportiva con uno scatto da 0 a 100 km/h in 5,7 s. Se può farlo, l’XC60 non è stato progettato pensando a questo. Lo scandinavo fa affidamento su comfort, morbidezza e sicurezza. Quindi, se guidi al ritmo di un senatore, puoi avvicinarti al punteggio annunciato in condizioni reali. Ad esempio, abbiamo percorso 69 km in modalità completamente elettrica su un percorso senza autostrada in modalità “Pure”, ovvero 100% elettrica. Per un veicolo oltre 2 tonnellate
(2.156 kg), un bel punteggio.

Grande autonomia e consumi ragionevoli

Tra le varie modalità di guida offerte, la modalità “Hybrid” sarà la più utilizzata. È responsabile della gestione automatica della divisione del lavoro tra motori termici ed elettrici. Con batterie completamente cariche, come abbiamo visto, si noterà un consumo medio di carburante di circa 3,5 l/100 km. Una volta esaurita la riserva di energia, l’XC60 funziona come un ibrido non ricaricabile grazie alla minima quantità di energia rimasta nella batteria. In questa modalità di funzionamento, il consumo di carburante sale fino a circa 9 l/100 km. Da qui l’importanza cruciale di una ricarica regolare per ottenere il massimo risparmio. Grazie alla specifica collocazione delle batterie nel tunnel di trasmissione, si segnala che l’XC60 mantiene la stessa capacità del serbatoio del carburante (71 litri) delle versioni termiche convenzionali, garantendo una comoda autonomia anche a batterie scariche. Questo non è il caso della maggior parte dei suoi concorrenti. È possibile accumulare qualche elettrone in più grazie al sistema di recupero dell’energia inserendo la modalità “B” sulla leva del cambio, che consente la “guida con un solo pedale”.

La modalità di rigenerazione B consente la guida a pedale singolo.
La modalità di rigenerazione B consente la guida a pedale singolo.
Con un massimo di 3,7 kW, la potenza di ricarica è inferiore alla concorrenza.
Con un massimo di 3,7 kW, la potenza di ricarica è inferiore alla concorrenza.

La ricarica avviene esclusivamente con corrente alternata. La potenza, invece, è deludente rispetto alla concorrenza con un massimo di 3,7 kW. Devi aspettare un massimo di 5 ore per una presa da 16 amp e un massimo di 13 ore per una presa da 6 amp. Il cavo di tipo 2, che consente la ricarica presso i terminali pubblici, ha un costo di € 390. A questo livello di prezzo, Volvo avrebbe potuto regalarlo.

L’XC60 si distingue per un livello di comfort più elevato rispetto alle sue rivali, soprattutto se si seleziona l’opzione “sospensione pneumatica” (€ 2.430). Quest’ultimo è un modello nel suo genere, in quanto l’assorbimento è efficace e i difetti della strada sono quasi impercettibili agli occupanti del veicolo. Questa ammortizzazione va di pari passo con un isolamento acustico a 4 stelle e cuscini di seduta impareggiabili. Certo, l’XC60 dovrebbe sedurre i viaggiatori. Nonostante le sue imponenti dimensioni, la città non è un ostacolo per lo svedese, che gode di un funzionamento silenzioso e di una batteria di ausili alla guida per evolversi serenamente, inclusa una preziosa fotocamera a 360°.

Fuori dalle città, le leggi della fisica prendono il sopravvento e il sovrappeso si fa sentire. Le curve si percorrono meno velocemente che al volante di una concorrente tedesca, ma in ogni caso la XC60 resta la regina incontrastata nelle sue aree di competenza: comfort e sicurezza.

Nonostante i 5 anni di età, l'abitacolo dell'XC60 rimane uno dei più moderni, piacevoli e confortevoli sul mercato.
Nonostante i 5 anni di età, l’abitacolo dell’XC60 rimane uno dei più moderni, piacevoli e confortevoli sul mercato.
Questa annata 2023 ora include i servizi di Google.
Questa annata 2023 ora include i servizi di Google.
Il sistema audio Bowers & Wilkins da 1.460 watt è troppo caro (€ 2.700), ma la qualità del suono è eccezionale.
Il sistema audio Bowers & Wilkins da 1.460 watt è troppo caro (€ 2.700), ma la qualità del suono è eccezionale.

La XC60 può ora essere equipaggiata con un pacchetto chiamato “Digital Connect”, frutto di una collaborazione con Google. Allo stesso tempo, Volvo ha semplificato l’interfaccia del suo sistema multimediale, che non era il più intuitivo. Ora è disponibile solo un passaggio del menu. Il sistema è basato sul sistema operativo Android e offre compatibilità con gli account Google. Integra anche servizi come Google Maps, il controllo vocale “Google Assistant” e il catalogo delle applicazioni Google Play. Un abbonamento quadriennale a queste funzionalità è incluso nel prezzo del veicolo.

Nonostante l’età di 5 anni e nessuna modifica, l’abitacolo rimane uno dei più accoglienti e piacevoli sul mercato. lo svedese contrasta con la serietà dei suoi concorrenti. La qualità dei materiali è impeccabile. Sembra un bozzolo, soprattutto grazie ai sedili molto morbidi e ai colori chiari della nostra versione di prova. Tra l’ampio catalogo di opzioni, consigliamo l’eccellente sistema audio Bowers & Wilkins da 1.460 watt, molto potente ma troppo caro (€ 2.700).

Due adulti alti viaggiano comodamente sul sedile posteriore.
Due adulti alti viaggiano comodamente sul sedile posteriore.
Con un vano per i cavi sotto il pavimento, il case ha un volume nella media di categoria con 468 litri.
Con un vano per i cavi sotto il pavimento, il case ha un volume nella media di categoria con 468 litri.

Senza battere nessun record di volume, il bagagliaio da 468 litri si distingue per la sua praticità. Beneficia di apertura a mani libere, pavimento completamente piatto e altezza di carico regolabile grazie alle sospensioni pneumatiche.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

come si è mosso il conflitto nell’est del paese

Mercato | Mercato Mercato – PSG: il Qatar pareggia mitica offerta per Mbappe!