in

Washington avverte Pechino, la sua posizione sulla Russia minaccia la sua “integrazione” nell’economia globale

Washington avverte Pechino, la sua posizione sulla Russia minaccia la sua “integrazione” nell’economia globale
Washington avverte Pechino, la sua posizione sulla Russia minaccia la sua “integrazione” nell’economia globale

Janet Yellen al Consiglio Atlantico a Washington, 13 aprile 2022 (AFP/Brendan Smialowski)

Janet Yellen al Consiglio Atlantico a Washington, 13 aprile 2022 (AFP/Brendan Smialowski)

La posizione della Cina nei confronti della Russia minaccia la sua “integrazione” nell’economia globale, ha avvertito mercoledì il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, chiedendo riforme nelle principali istituzioni economiche globali come il FMI.

“L’atteggiamento del mondo nei confronti della Cina e la sua volontà di abbracciare una più profonda integrazione economica, possono essere influenzati dalla risposta della Cina alla nostra richiesta di un’azione decisiva contro la Russia”, ha avvertito il ministro. Economia e finanza di Joe Biden, in un discorso all’Atlantic Council, un think tank statunitense.

“La guerra in Ucraina e le sanzioni contro la Russia sottolineano il ruolo centrale della Cina”, ha affermato il ministro delle finanze.

Pechino è rimasta un partner di Mosca nonostante l’invasione dell’Ucraina. “La Cina ha recentemente confermato le sue relazioni speciali con la Russia. Spero vivamente che la Cina farà qualcosa di positivo con queste relazioni e aiuterà a porre fine a questa guerra”, ha detto Yellen.

E per avvertire il colosso asiatico che “diventerà sempre più difficile in futuro separare le questioni economiche da considerazioni più ampie di interesse nazionale, compresa la sicurezza nazionale”.

Il ministro ha in generale criticato i Paesi e le aziende che non hanno interrotto i loro rapporti commerciali con la Russia, sottolineando che questi Paesi sperano indubbiamente di “riempire il vuoto lasciato dagli altri preservando i loro rapporti con la Russia”. a lungo termine”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno approvato diversi round di sanzioni economiche e finanziarie contro la Russia, inclusi congelamenti di beni e divieti di transazioni contro le principali banche russe.

Queste misure dovrebbero “costringere il Cremlino a scegliere tra sostenere la sua economia e finanziare la continuazione della brutale guerra (Vladimir) di Putin”, ricorda Janet Yellen.

– Riforma delle istituzioni internazionali –

Il ministro delle finanze ha anche chiesto la riforma delle principali istituzioni economiche globali, affermando che la guerra in Ucraina ha dimostrato la necessità di sviluppare organizzazioni come il Fondo monetario internazionale.

“Dobbiamo modernizzare le nostre istituzioni esistenti – l’FMI e le banche multilaterali di sviluppo – per adattarle al 21° secolo, dove le sfide e i rischi diventano sempre più globali”, ha affermato, cinque giorni dopo gli incontri di primavera dell’FMI e dell’FMI Banca Mondiale, che si svolgerà nuovamente in modalità ibrida.

In particolare, la Yellen ha chiesto che “la governance dell’istituzione sia presa in considerazione per garantire che rifletta sia l’attuale economia globale che gli impegni dei membri nei confronti dei principi e degli obiettivi alla base dell’FMI”.

“Non credo sia necessario inventare un’architettura finanziaria completamente nuova. Ma dobbiamo autorizzare queste istituzioni ad affrontare le sfide dell’era moderna”, ha affermato durante una sessione di domande e risposte.

“Qualcuno potrebbe dire che ora non è il momento di pensare in grande”, ha ammesso il ministro. “Ma penso che ora sia un buon momento per correggere i difetti del nostro sistema finanziario internazionale che ci stanno causando problemi in tempo reale”.

Oltre alla situazione in Ucraina, gli incontri della prossima settimana si concentreranno anche sulla consegna del vaccino, sulla lotta al riscaldamento globale e sul sostegno ai paesi a basso reddito, ha affermato Janet Yellen.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Jean-Marc Vallée è infatti morto per cause naturali, conclude il coroner

Jean-Marc Vallée è infatti morto per cause naturali, conclude il coroner

Amazon multa 90.000 euro al giorno per clausole “sbilanciate”.

Amazon multa 90.000 euro al giorno per clausole “sbilanciate”.