in

Zelensky sfida l’ONU per la sua passività

Zelensky sfida l’ONU per la sua passività
Zelensky sfida l’ONU per la sua passività

Il 5 aprile 2022 il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si rivolge al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in videoconferenza a New York.

Davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, al quale si è rivolto direttamente per la prima volta dalla guerra in Ucraina, Volodymyr Zelensky ha chiesto martedì 5 aprile che i crimini di guerra della Russia fossero riconosciuti dalla comunità internazionale. Il presidente ucraino ha anche chiesto che la Russia non sia più in grado di usare il suo potere di veto su questioni legate a un’aggressione da essa originata. Senza di essa, ha suggerito, l’esistenza dell’ONU non sarebbe più rilevante.

In videoconferenza il presidente ucraino, dall’aria cupa, è subito entrato nel vivo della questione durante un discorso solenne trasmesso nella sala dell’istituzione a New York. Basandosi sul ritrovamento di numerosi cadaveri a Boutcha, vicino a Kiev, nel fine settimana, descrive il destino dei civili in questa piccola città, torturati, trovati colpiti alla schiena. , gettati nelle fosse, dilaniati dalle granate lanciate nei loro appartamenti, o schiacciati nelle loro auto dai carri armati.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti A Boutcha e nella regione di Kiev, scene di massacri

Tagliano arti, gole, lingue. Le donne sono state violentate davanti ai loro figli, disse Volodymyr Zelensky. Boutcha è solo uno dei tanti esempi: il mondo deve ancora scoprire la terribile verità.

È essenziale che il leader ucraino stabilisca al più presto la responsabilità della Russia, nel contesto di un’indagine internazionale indipendente, in modo che gli avventori e gli artisti “immediatamente processato per crimini di guerra”, e che sarebbe stato organizzato un processo tipo Norimberga, condotto nel 1945 contro i 24 principali leader della Germania nazista. Sono stati trasmessi video di corpi maltrattati, massacrati e carbonizzati.

Leggi anche: Sia in Mali che in Ucraina, i responsabili di crimini di guerra devono essere assicurati alla giustizia

L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia si è espresso contro questa presentazione, dicendo che sotto l’occupazione russa, “nessuno di Boutcha aveva subito atti violenti”† Il diplomatico si è impossessato della linea del Cremlino martellata qualche giorno fa: queste immagini sarebbero un… “gestione” da parte di Kiev, estorsioni e saccheggi, risultato di azioni commesse da “Estremisti ucraini”.

“campi di filtrazione” russi

Ne è seguita una scaramuccia, quando il rappresentante degli Stati Uniti ha parlato di… “campi di filtrazione” in Russia, dove sarebbero stati presi con la forza “Decine di migliaia di ucraini”compresi i bambini. “I rapporti indicano che gli agenti di sicurezza federali russi stanno confiscando passaporti e carte d’identità, telefoni cellulari e segregano le famiglie. dettagliata Linda Thomas-Greenfield. Non ho bisogno di dire cosa ci ricordano questi cosiddetti “campi di filtrazione”. È freddo. Non possiamo ignorarlo. “Siamo stati in grado di evacuare 602.000 persone a est, inclusi 119.000 bambinirispose Vassily Nebenzia. Questi non sono rapimenti forzati, come affermano gli occidentali. Sono volontari. †

Hai ancora il 53,49% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Bruce Willis malato: la moglie Emma Heming svela una struggente foto dell’attore con la loro bambina

Bruce Willis malato: la moglie Emma Heming svela una struggente foto dell’attore con la loro bambina

tolone.  La sua bolletta energetica esplode, Marie denuncia una truffa come tanti clienti

tolone. La sua bolletta energetica esplode, Marie denuncia una truffa come tanti clienti