in

15 anni dopo gli eventi, un sospetto ufficialmente nominato dai tribunali

Il tedesco sospettato di aver ucciso la piccola Maddie in Portogallo è stato ufficialmente nominato dai tribunali.

Christian B., l’uomo presumibilmente coinvolto nell’omicidio della piccola Maddie McCann, è stato ufficialmente nominato il principale sospettato in Germania su richiesta della giustizia portoghese. Il suo status ora lo rende un “arguido”, cioè è considerato il primo sospettato senza essere accusato per il momento.

Leggi anche: Il suo nome è apparso per la prima volta nel 2020, quando il sistema giudiziario tedesco ha affermato di avere prove contro di lui.

Cosa viene dopo questo annuncio

Christian B., 44 anni, sta già scontando una pena detentiva per lo stupro di una donna di 72 anni, aggredita a Praia da Luz, nello stesso albergo in cui si trovava la bambina al momento della sua scomparsa. “Questa persona è diventata un ‘arguido’ per le autorità tedesche, in risposta alla richiesta di cooperazione giudiziaria internazionale richiesta dal Portogallo”, ha affermato il sistema giudiziario tedesco in un comunicato stampa. Anche i genitori di Little Maddie erano diventati “arguido” nel 2007, all’inizio di una controversa indagine che aveva visto il mondo intero voltare gli occhi su di loro. Questo status è stato successivamente revocato per mancanza di prove sufficienti che li collegassero al caso.

Cosa viene dopo questo annuncio

Un pedofilo ripetuto

Maddie McCann è scomparsa il 4 maggio 2007. Durante una vacanza in famiglia in Portogallo, i suoi genitori l’avevano lasciata nel loro appartamento in affitto a Praia da Luz mentre dormiva con i suoi fratelli. Di ritorno dalla cena con i loro amici, i McCann hanno potuto solo notare l’assenza della bambina. Dopo anni di peregrinazioni, pieni di colpi di scena e delusioni, è stato svelato il nome di Christian B., pedofilo ricorrente.

Al momento della scomparsa della ragazza, il sospettato lavorava nella località balneare, “dove faceva lavori saltuari”, ha detto nel 2020 Hans Christian Wolters, procuratore di Braunschweig. Ha anche finanziato il suo stile di vita attraverso alloggi abitati da turisti e partecipando a traffico di droga. “Abbiamo seri sospetti che non possiamo rivelare. Oppure spiega perché ci sembra che Maddie McCann sia stata uccisa. Ma non abbiamo ancora prove sufficienti per dimostrare la sua colpevolezza al di là di ogni dubbio in tribunale”, ha spiegato Match Hans Christian Wolters nel giugno 2020. L’uomo potrebbe anche essere coinvolto nella scomparsa di una bambina in Germania nel 2015, due anni dopo Maddie, e di un ragazzo nel 1996 in Portogallo, vicino a Praia da Luz.

Cosa viene dopo questo annuncio

Cosa viene dopo questo annuncio

La decisione del tribunale tedesco di fare “arguido” l’indagato arriva perché tra pochi giorni sarebbe scaduto il termine per incriminarlo. Nel luglio 2020 l’avvocato dei McCann, Rogerio Alves, aveva messo in guardia su questo particolare punto, sottolineando che in Portogallo il termine per accusare un sospettato in un procedimento penale è di 15 anni, il che significa che non ha solo due anni. momento di agire contro di lui. Secondo lo “Spiegel”, l’avvocato di Christian B. ha anche affermato: “La decisione delle autorità portoghesi non deve essere sopravvalutata. Senza conoscere la situazione giuridica in Portogallo, presumo che si tratti principalmente di una misura artificiale in questo procedimento, mirata a contrastare la prescrizione, che avverrebbe in pochi giorni”.

Il pubblico ministero di Braunschweig (Germania) Hans Christian Wolters, incaricato dell’indagine su Christian B., ci conferma: “Le autorità giudiziarie portoghesi hanno informato martedì del suo arresto la Procura della Repubblica di Oldendurg, dove è detenuto Christian B. . 19 aprile. indagine sul fascicolo Maddie. Si tratta di un atto procedurale che consente ai portoghesi di proseguire le indagini dopo il 4 maggio, data in cui sarebbero stati legalmente obbligati a interrompere le indagini su Christian B. Quest’ultimo non è stato ascoltato nel contesto della scomparsa del bambino e non è stato ancora riscontrato alcun elemento nuovo, da parte tedesca e portoghese”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Alexandra Rosenfeld, vittima della “minofobia”? Il termine è scelto piuttosto male…

perché è improbabile che venga arrestato?