in

25 anni fa Louise Attaque lanciò il suo invito

25 anni fa Louise Attaque lanciò il suo invito
25 anni fa Louise Attaque lanciò il suo invito

Il gruppo pop-rock francese Louise Attaque celebra il 25° anniversario del loro primo album di successo, con una ristampa e un evento diurno per far risuonare i successi “Ton invitation” o “J’t’emmène au vent”, una canzone descritta come il suo “passaporto alla festa”. La formazione si è distinta nel panorama musicale francese negli anni ’90 con uno spirito rock in un pacchetto acustico. Chitarra acustica e violino rispondono l’un l’altro, servendo una voce fine e testi in francese.

Da un quarto di secolo, la formazione parigina pubblica venerdì il suo primo album con lo stesso nome, inclusa una versione da collezione in un libro con copertina rigida di 28 pagine. E il 26 aprile, Louise Attaque suonerà sei volte l’Eliseo di Montmartre lo stesso giorno nella sala degli spettacoli di Parigi. Un buon “test cardio” si diverte con AFP Gaëtan Roussel, cantante e chitarrista.

La copertina dell’album presenta il viso di una bambina con gli occhi spalancati disegnato a grandi tratti dal bassista Robin Feix. Il nome Louise Attaque è un intricato riferimento a un gruppo americano molto amato, le Violent Femmes. “Dal nome è nata l’idea che Louise sia un personaggio che ci rappresenta, volevamo che la musica fosse incarnata, ma non da noi sulla copertina”, ha detto Robin Feix all’AFP.

Il concetto è stato portato molto lontano. “Louise aveva un lato molto pratico, era lei che scriveva direttamente ai proprietari di sale e bar dove volevamo suonare, nello stile di una bambina di sette anni”, confida. “Louise, per esempio, ha chiesto loro nella sua lettera se le sue amiche potevano venire a giocare con lei quel giorno”.

Louise Attaque ingoia le scene prima di pubblicare il suo disco. “Volevamo suonare dal vivo molto velocemente e dirci ‘andiamo dal pubblico e loro vengono da noi’, volevamo dare un ‘max’ di concerti all’inizio, anche in luoghi piccoli”, sottolinea Arnaud Samuel, violinista del gruppo.

Sebbene nessuna canzone sia stata pubblicata, “J’t’emmène au vent” affascina il pubblico. “Nei bar lo suonavamo tre o quattro volte a notte, lo usavamo per creare l’atmosfera, lo vedevamo passare, la gente tornava a casa con le parole che sanno”, spiega Robin Feix. “Questa canzone era il nostro passaporto per la festa che dovevamo fare dopo”.

L’intera sfida per il gruppo è stata che il loro stile sul palco – “molto essenziale, piuttosto ruvido nella consegna delle canzoni”, sintetizza Gaëtan Roussel – non è distorto sul disco.

Marc Thonon, boss dell’etichetta Atmospheric, ha l’intelligenza di non voler coprire la propria musica con effetti. Accetta la loro richiesta di essere prodotto da Gordon Gano, leader delle Violent Femmes. “Era il produttore perfetto, ha usato i nostri difetti per farlo assomigliare a noi. Gordon ha capito che dovevamo aiutarci a essere noi stessi”, saluta Gaëtan Roussel. Jackpot, il disco ha venduto oltre 3 milioni di copie.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ecco cosa fare se ricevi questo messaggio

Ecco cosa fare se ricevi questo messaggio

“C’è un enorme profitto da realizzare”: perché i clienti acquistano gli orologi Swatch a 250€ ciascuno?

“C’è un enorme profitto da realizzare”: perché i clienti acquistano gli orologi Swatch a 250€ ciascuno?