in

“Abbiamo sbagliato e l’abbiamo pagato caro”

INTERVISTA – Dopo una bella rincorsa allo spettacolo M6, i burloni hanno perso poco prima della finale.

Con il loro umorismo e buone capacità comunicative, Tarik e Ahmed hanno intrattenuto gli spettatori durante la quindicesima stagione di “Beijing Express”. I due cugini hanno vissuto una grande avventura che li ha portati in semifinale. Al termine delle tre gare del gioco M6, sono stati infine eliminati vincendo la busta nera eliminante contro Jérémy e Fanny che avevano due proprie buste nere non eliminanti. Uno scherzo del destino che fanno fatica a digerire, come ci dicono.

LEGGI ANCHE – “Beijing Express”: i candidati hanno contatti con i propri cari durante l’avventura?

RIVISTA TV. – Come hai reagito quando hai saputo che eri disabile?
TARIFFA. – Quando ci siamo imbattuti nella busta dell’eliminazione, siamo rimasti disgustati, non ce lo meritavamo. Fanny e Jeremy avevano avuto due buste e sembrava che si fossero arrese. Durante le semifinali eravamo in pieno svolgimento. Abbiamo commesso un errore e casualmente abbiamo vinto la busta che era l’eliminazione.
AHMED. – Fa caldo perché abbiamo commesso un errore e l’abbiamo pagato caro. È vero che eravamo completamente coinvolti e la fortuna non era dalla nostra parte.

Ti penti?
T. – Sì, ci dispiace di essere stati eliminati alle porte della finale, è una cosa che facciamo fatica a digerire… Soprattutto in questo modo perché avevamo dato tutto. Personalmente, non credo che meritassimo l’eliminazione. Ci siamo già visti in finale. Eravamo tranquilli: Fanny e Jérémy avevano due buste nere, ne era rimasta solo una. Siamo stati i primi a fare l’autostop anche nella terza gara, ma abbiamo commesso l’errore di non essere al posto giusto sulla spiaggia, hanno colto l’occasione per sorpassarci e siamo arrivati ​​ultimi. Sta davvero uscendo dalla porta sul retro…
H. – Mi dispiace di aver perso questa semifinale per uno stupido errore e di non essere riuscito ad arrivare a questa straordinaria finale.
T. – Per noi è stata questa finale…

“Una volta capito come funziona il ‘Beijing Express’, avevamo davvero bisogno delle buste nere per trattenerci…”

Tarik, candidato del “Beijing Express”

Com’è andata la semifinale?
R. – Sinceramente, tra la zipline più grande del mondo e la notte in uno degli Emirati in una casa di riposo, non è andata male! Abbiamo avuto una buona esperienza.
T. – Eravamo emozionati perché non è facile partecipare alla semifinale del “Beijing Express”. Per la prima volta pensavamo di andare in finale. Abbiamo dato tutto e abbiamo gestito bene le nostre gare, ma il finale non è stato quello che ci aspettavamo. D’altra parte, iniziamo a testa alta. Nessuno inizialmente pensava che saremmo andati così lontano. I primi tre passi ci hanno permesso di adattarci. Una volta capito come funziona il “Beijing Express”, siamo partiti con Ahmed, avevamo davvero bisogno delle buste nere per trattenerci…

LEGGI ANCHE – Axel e Jean-Claude, eliminati dal “Beijing Express”: “Abbiamo avuto molta paura nel deserto…”

Com’è stato il tuo ritorno?
R. – Quella sera stessa eravamo disgustati dalla perdita, ma dopo ci siamo ricordati del nostro corso. Non pensavamo di arrivare a tanto, ne abbiamo approfittato, è stata un’opportunità. Sono stato anche felice di tornare dopo quasi 45 giorni senza la mia famiglia. Sto studiando International Business e riprenderò i miei studi a settembre. Quando ho iniziato a “Beijing Express” ho scelto di prendermi un anno sabbatico.
T. – Io, non ho dormito tutta la notte. I 100.000 euro erano accanto a noi… Per orgoglio avrei preferito perdere in finale che in semifinale. Lavoro in una fabbrica di salmone affumicato e ho avuto 45 giorni di congedo non retribuito – mi vedevo già in finale! – dicendomi che se fossi stato eliminato, avrei ripreso subito dopo. È vero che se vai a Petra e ti trovi davanti a un salmone una settimana dopo, avresti preferito rimanere in Giordania (ride)!

Che legame hai con le altre squadre?
T. – Siamo in buoni rapporti. Abbiamo un gruppo WhatsApp con cui corrispondiamo. Dopodiché, non ci parliamo tutti i giorni. D’altronde sono spesso al telefono con i belgi, è un duo che ho molto apprezzato. Ho più contatti con loro che con gli altri.
R. – Sono nel gruppo WhatsApp, si discute ma per il resto non chiamo nessuno, i belgi non sono della mia generazione.

“Dopo un po’ Fanny ha alienato tutti”

Tarik, candidato del “Beijing Express”

Sembra che ci fosse un’alleanza di uomini, come è nata?
T. – Inizialmente furono le ragazze a stringere un’alleanza con Fanny, Arlette e Caroline, oltre alle sorelle monegasche. Più ci avvicinavamo alla finale, più Fanny si sentiva sola. Ha iniziato a mettere una chiave inglese nelle opere dei belgi, c’era gelosia per gli amuleti e dopo un po’ ha messo tutti sulle loro spalle. Andavamo d’accordo con i belgi. Abbiamo fatto di tutto per portarli in finale. Avevamo anche fatto di tutto per essere in semifinale con Jean-Claude e Axel, ma purtroppo sono stati eliminati prima del previsto.

LEGGI ANCHE – Stéphane Rotenberg: “Tutta la mia vita ruota intorno a “Top Chef” e “Beijing Express””

Cosa ti ha portato questa avventura?
R.- Potrei viaggiare e scoprire il mondo. Personalmente, mi ha aperto gli occhi e mi ha rimesso i piedi per terra. Siamo stati colpiti in Kirghizistan e Uzbekistan. Con Tarik siamo fortunati ad avere un senso di condivisione attraverso la nostra eredità marocchina e l’avventura ha accentuato questo punto. Voglio dare più di quello che voglio ricevere.
T. – Ci ha aperto gli occhi su tante cose e soprattutto sul nostro comfort in Francia, gel doccia, telefono, auricolari… Non sanno tutto quello lì. Gli dai carne e un chilo di riso, sono felicissimi. Per noi, quando esauriamo le batterie del nostro telefono, è il panico… I quattro paesi che abbiamo attraversato sono un sogno che si avvera, solo per via del loro nome, tra l’altro. Sul posto è allucinante. Vorrei ancora mangiare l’Osh, un piatto tradizionale di riso, agnello e verdure che era delizioso.

Qual è il tuo ricordo migliore e peggiore?
R. – La Giordania mi ha colpito con Petra, Wadi Rum e il Mar Morto. È bellissimo, lo vedi solo nei film. La notte nel deserto era incredibile, c’era il riflesso della luna che scendeva sulle montagne, era bellissimo. Altrimenti non ci sono stati momenti peggiori perché abbiamo adorato l’avventura al massimo, tranne durante una serata con la gente del posto in Uzbekistan. All’inizio ci hanno accolto con gioia, ma in realtà era per l’alcol. Ma quando eravamo a letto hanno iniziato a urlare ea rompere i vetri. Avevamo paura, abbiamo avvertito la produzione e abbiamo lasciato l’attività. Fu il momento peggiore, con la busta nera. Quello che mancava molto era anche la cucina francese. Non c’è niente da dire, abbiamo davvero la migliore gastronomia del mondo…
T. – Mi sono innamorato della Giordania, sia per i paesaggi che per la gente del posto e la loro ospitalità. Il momento peggiore è quando abbiamo afferrato la busta nera, ma anche quando siamo dovuti andare in bagno. In Uzbekistan e Kirghizistan erano asciutti e il fetore, insieme al caldo, era terribile.

“Durante l’avventura non ci siamo mai arresi”

Tarik, candidato del “Beijing Express”


Quali erano i tuoi punti di forza e di debolezza?

R. – La nostra forza era il nostro spirito. Il punto debole di Tarik era il suo aspetto fisico, ma quando si tratta di chiacchierare e negoziare, è molto forte.
T. – È vero che alcune prove – come portare un recipiente d’acqua su per la montagna – non erano fatte per me… Ma quando si trattava di vendere il pane, io c’ero!

Hai scoperto cose su di te?
T. – Il fatto che non rinunciamo a un sì oa un no. E siamo determinati. Quando vogliamo qualcosa, ci assicuriamo di ottenerla. Eravamo uniti: c’era sempre uno per tifare l’altro, dire le parole giuste e incoraggiarlo. Non abbiamo mai rinunciato all’avventura.

LEGGI ANCHE – Charlotte e Sarah eliminate da “Beijing Express”: “Non ci siamo mai sentiti così vivi come durante l’avventura”

Alcuni dicono che hai avuto il vantaggio di parlare arabo, indovina un po’?
R. – Questo vantaggio è stato inutile perché, come si vede, abbiamo avuto ancora problemi con lo stop dato che siamo arrivati ​​ultimi nel terzo evento. Questo ci ha permesso di comunicare meglio con la popolazione locale.
T. – Per noi è stato un vantaggio al primo approccio. Nonostante tutto, quando ci siamo fatti capire, invece, non sempre abbiamo capito quello che ci è stato detto. Gli altri pensavano che fossimo a casa in Giordania ed è vero che la lingua ci ha aiutato lì. Ci siamo sentiti a nostro agio. Eravamo sempre primi e secondi, il che ci ha dato una spinta.

“Se può aiutarci a fare più programmi TV, tanto meglio…”

Ahmed, candidato del “Beijing Express”

Come vivi la tua improvvisa fama?
T. – Ora, abbiamo un po’ di fama, alcune persone ci chiedono delle foto, è sempre un piacere. Mi prendo il tempo per rispondere a tutti su Instagram. È bello essere conosciuti finché dura… Ma non deve nemmeno darti alla testa. Se può aprire le porte, perché no! Mi piacciono tutti gli spettacoli di avventura e sport come “Koh-Lanta” o “Fort Boyard”. Sono pronto ad accogliere tutte le proposte.
R. – Devi tenere i piedi per terra e non farti travolgere, ma è vero che è divertente e se può aiutarci a fare altri programmi TV, tanto meglio. Devi essere onesto, al giorno d’oggi molte persone, in particolare le star dei reality, riescono a guadagnarsi da vivere. Lo vediamo in televisione, ci sono i soldi, quindi se riusciamo a creare a modo nostro e vivere di questo, non ho intenzione di sputare su di esso. Ci piacerebbe fare “Fort Boyard” con Tarik. Mi piace molto “Ninja Warrior” e potrebbe interessarmi. Vedremo.

» Segui tutte le notizie da Rivista televisiva su Facebook e Twitter

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

disinstalla rapidamente queste 11 applicazioni Android, stanno spiando milioni di utenti!

Ketanji Brown Jackson diventa il primo giudice afroamericano confermato alla Corte Suprema